URC: Edimburgo-Benetton 24-10. Gli scozzesi domano i veneti

Nulla da fare per i biancoverdi, in una partita sporca dove i padroni di casa si sono presi il massimo della posta in palio

URC: Edimburgo-Benetton 24-10. Gli scozzesi domano i veneti

URC: Edimburgo-Benetton 24-10. Gli scozzesi domano i veneti (Ph. Ettore Griffoni)

La partita inizia subito sui ritmi alti. All’ottavo minuto il Benetton sfrutta una punizione conquistata nella metà campo avversaria per passare in vantaggio col piazzato di Marin, che fa 0-3.

E’ il momento che stappa ufficialmente la partita: la reazione dei padroni di casa è veemente. Gli scozzesi mettono in piedi delle folate che “spettinano” la difesa dei veneti, sino a quando, al tredicesimo, non arriva un cartellino giallo all’indirizzo di Duvenage, che si rende colpevole (secondo l’arbitro e il TMO) di avanti volontario.

I Leoni rimangono in quattordici imbarcando “acqua al largo” in più circostanze: arriva immediatamente la meta di Graham e sette giri di orologio dopo anche quella di Boffelli. In entrambi però, non arriva la conversione: si va sul 10-3, con Duvenage che rientra in campo ristabilendo la parità numerica.

Al ventiseiesimo un cambio: Zani sofferente a una gamba, lascia il campo a Gallo. Si riparte: Menoncello illumina la manovra offensiva battendo un paio di uomini e con un offload per Lamaro, che però a meno di un metro dalla linea di meta viene fermato facendo cadere il pallone in-avanti.

Mentre si scollina la mezz’ora, gli avvicendamenti – in entrambe le squadre – diventano sempre più frequenti. Le squadre ridisegnandosi provano ad attaccare, chi per allungare chi per provare a pareggiare, ma senza trovar costrutto. Si va al riposo, in questa partita di URC: Edimburgo-Benetton 10-3.

La ripresa si apre in modo terribile per la franchigia ospite. Dopo aver recuperato la palla nei propri ventidue, i veneti si fanno intercettare un pallone su cui Kinghorn si dimostra il più lesto nel leggerne il rimbalzo per andare a schiacciare (dopo un’attenta revisione del TMO) indisturbato nell’area di meta del Benetton. Questa volta arriva anche la conversione, dello stesso Kinghorn, che vale il 17-3.

Sotto di due break pieni, gli uomini di Bortolami cercano di caricare a testa bassa per riaprire le cose. Riconquista dell’ovale, avanzamento e sostegno: le ricette per riaprire la partita. La difesa scozzese va in sofferenza cronica, sino a quando Zuliani – in corrispondenza dell’ora di gioco – non trova il pertugio giusto per andare oltre. Arriva la meta, convertita da Marin: si va sul 17-10.

Il Benetton prova a “cavalcare il momento”, ma l’abbrivio scatenato dalla marcatura non dura troppo. Al sessantasettesimo infatti McInally guida un drive che fa male ai biancoverdi: il “carretto” entra di forza nei cinque metri dei veneti sino a quando non rompe gli argini per entrare nella end-zone. Arriva la meta del tallonatore, quella del punto di bonus offensivo per i padroni di casa, che viene convertita per il nuovo allungo: 24-10.

La clessidra scorre rapidamente. Si entra negli ultimi seicento secondi. Mentre Bradbury viene eletto come “Man of the Match”, la formazione trevisana cerca di accorciare le distanze per andare a cogliere almeno il punto di bonus difensivo. Nel finale però non succede nulla di significativo. Edimburgo chiude tutto a doppia mandata facendo esaurire il tempo. Finisce anche questa partita di URC: Edimburgo-Benetton 24-10.

URC: Edimburgo-Benetton 24-10, il tabellino

Edimburgo: 15 E Boffelli; 14 D Graham, 13 M Currie, 12 J Lang, 11 D Hoyland; 10 B Kinghorn, 9 B Vellacott; 1 B Venter, 2 D Cherry, 3 W Nel, 4 J Hodgson, 5 G Gilchrist (captain), 6 M Bradbury, 7 H Watson, 8 V Mata
A disposizione: 16 S McInally, 17 P Schoeman, 18 L Atalifo, 19 M Sykes, 20 J Ritchie, 21 H Pyrgos, 22 C Savala, 23 M Bennett

Marcatori Edimburgo
Mete: Graham (14′), Boffelli (21′), Kinghorn (46′), McInally (67′)
Conversioni: Kinghorn (47′, 69′)
Punizioni:

Benetton Rugby: 15 R Smith; 14 R Tavuyara, 13 I Brex, 12 T Menoncello, 11 M Ioane; 10 L Marin, 9 D Duvenage (captain); 1 F Zani, 2 H Faiva, 3 T Pasquali, 4 N Cannone, 5 F Ruzza, 6 G Pettinelli, 7 M Lamaro, 8 T Halafihi
A disposizione: 16 G Lucchesi, 17 T Gallo, 18 I Nemer, 19 C Wegner, 20 M Zuliani, 21 A Garbisi, 22 J Riera, 23 E Padovani

Marcatori Benetton Rugby
Mete: Zuliani (60′)
Conversioni: Marin (61′)
Punizioni: Marin (8′)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Padovani dopo Lione-Benetton: “A tratti superiori, ci è mancato il breakdown”

L'estremo dei leoni dopo il match di Challenge: "Dovevamo portare a casa più punti, ma sono orgoglioso della squadra e della prestazione"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “orgoglioso della squadra per 80′”

L'analisi a caldo dell'head coach trevigiano

item-thumbnail

Challenge Cup: non basta un bel Benetton, Lione passa 25-10

Niente da fare per i leoni, che dopo 70 minuti di battaglia cedono nel finale, complice anche un discutibile cartellino giallo

item-thumbnail

Challenge Cup: esame di francese a Lione per il Benetton

Leoni a caccia di punti preziosi in terra transalpina

item-thumbnail

Benetton: la formazione per la sfida di Challenge Cup contro Lione

Negri sarà il capitano di giornata. In mediana spazio a Braley e Marin dal primo minuto, mentre in panchina ritorna Albornoz dopo un lungo infortunio

item-thumbnail

Benetton Rugby: dal mercato arrivano due rinforzi per il resto della stagione

La compagine veneta innesta nel proprio roster un utility back e un terza linea