URC: notte fonda per le Zebre contro Leinster, 43-7

Buona prestazione difensiva nel primo tempo, ma in attacco niente fino agli ultimi minuti

La seconda meta di Leinster segnata da Larmour

DUBLINO – Il pomeriggio di United Rugby Championship comincia con tutto l’RDS in piedi nel minuto di silenzio per Leonardo Mussini, introdotto da parole non di circostanza da parte dello speaker dello stadio.

Oltre alla forza di Leinster e alla differenza fra i club, i padroni di casa sono arrivati alla partita con il desiderio di rifarsi, dopo che avevano giocato molto male la settimana prima in Galles.

I parmigiani hanno approcciato bene la partita, lottando su ogni pallone e facendo vedere sprazzi di gioco di buon livello, col piede di Rizzi cha ha messo l’ovale in profondità nel territorio di Leinster più di una volta, creando qualche problema alla difesa di casa.

In fase difensiva, la difesa italiana avanzava spesso con tempismo, frenando molte azioni di Leinster.

Tutto questo ha fatto sì che nel primo quarto le due mete di Leinster siano arrivate su dei raggruppamenti dopo rimesse laterali sui cinque metri. Niente mete spettacolari con azioni alla mano, insomma, ma la pressione dei blu era costante e difficile da sostenere, soprattutto nei propri 22.

Al 22′ Harry Byrne è dovuto uscire per un colpo alla gamba destra, per lui entra Jonathan Sexton.

Subito dopo la difesa delle Zebre respinge Leinster dai propri cinque metri con molte fasi gestite perfettamente e alcuni ottimi placcaggi in anticipo, fino al trattenuto di Larmour.

Al 33′ l’ala di Leinster tocca Rizzi mentre contende un ovale in aria e le Zebre provano ad andare dai pali da oltre metà campo ma il calcio va corto.

E’ al minuto 38 che Leinster per la prima volta riesce a distendersi in attacco dentro i 22 della squadra di Parma, portando l’ovale da sinistra a destra in un lampo e trovando Adam Byrne (al rientro da un lungo infortunio) libero di schiacciare nell’angolo. Si va così al riposo sul 15-0, visto che nessuna meta è stata trasformata.

Leinster segna due mete nei primi cinque minuti del secondo tempo: Ed Byrne va a schiacciare non lontano dai pali la meta del bonus point al 42′ e Cronin nell’angolo sinistro al 45′. Sexton le trasforma entrambe.

Poco dopo Rizzi placca Sexton in ritardo ribaltandolo, il TMO avvisa l’arbitro che riguarda l’azione e lo ammonisce. È l’inizio del calvario per le Zebre, con Sexton che inizia a dare spettacolo approfittando del fatto che la difesa italiana, già non velocissima a coprire al largo, adesso è anche con un giocatore in meno.

Da lì in poi è accademia, con le Zebre che interrompono la serie di quattro mete di Leinster nel secondo tempo al 66′ con Bruno che va in meta su un ribaltamento veloce.

Qualche altro lampo offensivo delle Zebre negli ultimi 10 minuti, ma sul 43-7 conta ormai poco.

Damiano Vezzosi

Leinster: 15 Jimmy O’Brien, 14 Adam Byrne, 13 Jamie Osborne, 12 Ciarán Frawley, 11 Jordan Larmour, 10 Harry Byrne, 9 Luke McGrath (c), 8 Rhys Ruddock, 7 Scott Penny, 6 Dan Leavy, 5 Ryan Baird, 4 Devin Toner, 3 Michael Ala’alatoa, 2 Seán Cronin, 1 Ed Byrne
A disposizione: 16 Rónan Kelleher, 17 Peter Dooley, 18 Cian Healy, 19 Ross Molony, 20 Max Deegan, 21 Nick McCarthy, 22 Johnny Sexton, 23 Rob Russell

Marcatori Leinster 
Mete: Scott Penny (1′), Jordan Larmour (12′), Adam Byrne (38′, 48′), Ed Byrne (42′), Seán Cronin (45′), Rónan Kelleher (63′)
Trasformazioni: Johnny Sexton (42′, 46′, 49′, 64′)


Zebre: 15 Jacopo Trulla, 14 Pierre Bruno, 13 Erich Cronjé, 12 Enrico Lucchin, 11 Mattia Bellini, 10 Antonio Rizzi, 9 Nicolò Casilio, 8 Renato Giammarioli, 7 Luca Andreani, 6 Iacopo Bianchi, 5 Andrea Zambonin, 4 Cristian Stoian, 3 Ion Neculai, 2 Oliviero Fabiani (c), 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Massimo Ceciliani, 17 Danilo Fischetti, 18 Matteo Nocera, 19 David Sisi, 20 Giovanni Licata, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Tommaso Boni, 23 Paolo Pescetto

Marcatori Zebre
Mete: Pierre Bruno (66′)
Trasformazioni: Paolo Pescetto (67′)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre, Bergamaschi: “Lottato su ogni pallone. Primo tempo concesse mete troppo facilmente”

Prima conferenza stampa da capo allenatore ducale per l'argentino

item-thumbnail

Challenge Cup: Zebre-Worcester Warriors 26-36, gli inglesi si impongono a Parma

Gli emiliani cedono ai britannici conquistando comunque il punto di bonus offensivo

22 Gennaio 2022 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: Zebre, la prima di Bergamaschi e la necessità di scuotersi

Quarta giornata di Coppa per i ducali, che ospitano Worcester alle 16.15

item-thumbnail

Zebre: torna Giammarioli, due azzurri dal primo minuto contro Worcester

Prima gara del 2022 per i ducali che vedono il debutto di Emiliano Bergamaschi come capo-allenatore: al Lanfranchi si parte alle 16.15

item-thumbnail

Zebre: da Northampton un mediano di mischia fino a fine stagione

La franchigia ducale annuncia un secondo rinforzo proveniente dalla Premiership

item-thumbnail

Zebre: Bergamaschi è il secondo allenatore argentino della franchigia. Quali partite mancano?

Rileggiamo la storia degli head coach dei ducali. Ora è il turno di Bergamaschi, ma contro chi dovrà giocare fino al termine della stagione?