Test Mach: Galles-All Blacks senza (tante) stelle, ma fondamentale per la federazione di Cardiff

Partita che andrà in scena al di fuori della finestra internazionale

Test Match estivi 2021

I motivi dietro Galles-Nuova Zelanda, al di fuori della finestra internazionale (Ph. Sebastiano Pessina)

Nel Regno Unito, qualcuno l’ha definita la “partita più stupida di sempre” – dal punto di vista tecnico e dello spettacolo che verrà proposto -, generando ovviamente ulteriori polemiche attorno ad un match dibattuto.

Galles-Nuova Zelanda, in programma il prossimo 30 ottobre a Cardiff, sarà il primo grande evento dell’autunno internazionale, ma essendo al di fuori della finestra fissata da World Rugby, verrà disputata dal Galles – già depotenziato dagli infortuni, tra gli altri, di George North, Justin Tipuric, Leigh Halfpenny, Dan Lydiate e Rhys Patchell – senza tutti gli atleti impegnati in Premiership inglese.

Niente Dan Biggar, niente Louis Rees-Zammit e niente Taulupe Faletau, dunque, così come peseranno anche tante altre assenze, per uno spettacolo che rischia – e non poco – di perdere in attrattività dal mero punto di vista tecnico.

Una situazione che si ripete da anni (con la federazione gallese che spesso ha aggiunto un test oltre quelli programmati da World Rugby in autunno), che questa stagione, visto l’avversario così speciale, è finita ulteriormente sotto la lente d’ingrandimento di media ed appassionati, ma che ad ogni modo garantirà alla federazione gallese, in un momento così complesso, di avere introiti vitali.

Leggi anche: Dove si vede il Benetton contro Ulster, in tv e streaming

Stando a quanto riportato dal Wales Online, infatti, il match del Principality Stadium – già sold out, venduti tutti i 74.500 biglietti disponibili – genererebbe ricavi tra i 3 ed i 4 milioni complessivi di sterline.

Fondi fondamentali per il movimento pro gallese, ancor di più in questi anni così particolari caratterizzati dai problemi economici post pandemia, e quindi anche per le franchigie – a cascata legate alla salute finanziaria federale – che non si lamentano così per il fatto di perdere i propri giocatori di punta per il camp della settimana precedente, rinunciando a giocare al top le sfide di United Rugby Championship del 23 ottobre. Ne va della sostenibilità del movimento.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Os Du Randt torna sul campo per allenare la mischia della Russia

Il leggendario pilone sudafricano si rimette in discussione per provare a rialzare la Russia dopo un periodo di risultati poveri

item-thumbnail

Dopo tre anni, nel 2022 l’Argentina tornerà a giocare in patria: ecco l’avversaria di luglio

I Pumas sfideranno la Scozia in una serie di tre test match, uno dei quali sarà disputato in una città che mai aveva visto la Nazionale

28 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dick Muir è il nuovo head coach della Russia

Ex assistente degli Springboks e head coach degli Sharks proverà a risollevare il movimento dalla crisi che sta attraversando

24 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Eddie Jones sorprende tutti: “Rassie Erasmus? Aveva ragione sugli arbitri, ma è mancato il rispetto”

Il tecnico dell'Inghilterra ha analizzato quello che è successo con il Director of Rugby degli Springboks

22 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli higlights di Paesi-Bassi Spagna. Giocatore iberico in fin di vita per un incidente dopo la partita

Vittoria a due facce per la Spagna, che chiude il torneo in quarta posizione ma è molto preoccupata per uno dei suoi equiparati

21 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match