Le formazioni di All Blacks-Fiji, la partita ufficiale numero 600 dei neozelandesi

Tanti cambi da una parte, pochi dall’altra: ad Hamilton si annuncia battaglia estremamente fisica

Ardie savea

Le formazioni di All Blacks-Fiji, la partita ufficiale numero 600 dei neozelandesi ph. Sebastiano Pessina

Gli All Black sono pronti a tornare in campo per l’ultimo dei tre test match, affrontando nuovamente le Fiji dopo lo spettacolare match disputato lo scorso sabato a Dunedin. Questa volta si giocherà a Waikato (sabato, ore 9.00 diretta su Sky Sport Arena), nella casa dei Chiefs, una sfida che sarà la numero 600 della lunga storia neozelandese, iniziata nel 1903 con la prima sfida ufficiale disputata contro l’Australia. Ian Foster conferma solo sei giocatori rispetto a quelli che hanno iniziato sabato, rimescolando dunque le sue carte alla ricerca delle migliori indicazioni verso il prossimo Rugby Championship. Rimangono quindi al loro posto Havili, autore di due mete e una prova molto convincente, Reece (spostato da un lato all’altro del campo), Aaron Smith e l’intera prima linea con Laulala-Taylor-Bower che dunque metteranno insieme altri minuti in reparto. Le notizie più interessanti riguardano Lienert-Brown (schierato secondo centro) e Ardie Savea (openside flanker) che arrivano alla presenza ufficiale numero 50, in una squadra che rivede Mo’unga in cabina di regia. Capitano dei tutti neri sarà Whitelock, che ha sinora messo insieme già 124 cap, mentre in panchina la formula scelta è quella del 5+3. Ian Foster ha detto: “Siamo rimasti abbastanza soddisfatti della vittoria nella prima sfida con le Fiji, ma dobbiamo lavorare ancora tanto. Questa squadra ha come obiettivo la perfezione”.

Leggi anche: Rugby in diretta, il palinsesto del weekend in arrivo sui canali italiani e in streaming

Per quanto riguarda le Fiji di Vern Cotter viene sostanzialmente riconfermata la formazione del primo test, con l’assenza dell’infortunato Botia e il capitanato che passa all’eterno Nakarawa. L’allenatore dei pacifici ha detto: “Dobbiamo assolutamente sistemare i nostri problemi in difesa. Siamo in grado di segnare tre mete o più contro chiunque, e questo dovrebbe aiutarci a vincere delle partite, ma non possiamo concedere segnature facili a nessun avversario men che meno gli All Blacks”.

Le formazioni di Nuova Zelanda-Fiji (sabato, ore 9.00, Sky Sport Arena):

Nuova Zelanda: 15 Damian McKenzie, 14 Will Jordan, 13 Anton Lienert-Brown, 12 David Havili, 11 Sevu Reece, 10 Richie Mo’unga, 9 Aaron Smith, 8 Luke Jacobson, 7 Ardie Savea, 6 Akira Ioane, 5 Samuel Whitelock (c), 4 Scott Barrett, 3 Nepo Laulala, 2 Codie Taylor, 1 George Bower
A disposizione: 16 Dane Coles, 17 Ethan de Groot, 18 Angus Ta’avao, 19 Brodie Retallick, 20 Shannon Frizell, 21 Brad Weber, 22 Beauden Barrett, 23 Rieko Ioane

Fiji: 15 Kini Murimurivalu, 14 Setareki Tuicuvu, 13 Waisea Nayacalevu, 12 Eneriko Buliruarua, 11 Nemani Nadolo, 10 Ben Volavola, 9 Frank Lomani 8 Peceli Yato 7 Mesulame Kunavula, 6 Johnny Dyer, 5 Leone Nakarawa (c), 4 Temo Mayanavanua, 3 Mesake Doge, 2 Samuel Matavesi, 1 Peni Ravai
A disposizione: 16 Mesulame Dolokoto, 17 Eroni Mawi, 18 Leeroy Atalifo, 19 Albert Tuisue, 20 Kitione Kamikamica 21 Moses Sorovi 22 Teti Tela 23 Manasa Mataele

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo

item-thumbnail

L’Argentina domina, l’Uruguay non c’è: a Maldonado finisce 79-5

Partita a senso unico per ottanta minuti. Teros irriconoscibili rispetto alla Rugby World Cup

item-thumbnail

Summer Nations Series 2024: la preview di Uruguay-Argentina

A Maldonado derby sudamericano tra Teros e Pumas, entrambe alla ricerca di nuove certezze

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit del Giappone, prossimo avversario dell’Italia

Protagonisti e stato dell'arte della nazionale nipponica che ospita gli Azzurri