British and Irish Lions: Sharks battuti 31-71 ma il tour di Finn Russell potrebbe essere già finito

Gli squali vanno al riposo in parità. Poi i Lions ruggiscono e dominano ma l’apertura scozzese desta grande preoccupazione

Finn russell

Finn Russell – ph. Massimiliano Carnabuci

I 40 punti di distacco del 31-71 con cui i Lions hanno superato gli Sharks raccontano un match più semplice di quello che è stato realmente. Basti pensare che a fine primo tempo il risultato era di 26 a 26 con i padroni di casa bravi a realizzare tre mete su altrettanti errori difensivi individuali degli uomini di Gatland.

La svolta del match si è avuta al 46esimo minuto quando Jaden Hendrikse è stato espulso per una gomitata alla testa di Liam Williams concedendo così superiorità numerica e partita ai Leoni che alla fine del match hanno marcato la bellezza di 11 mete con Harris, George (2), Van der Merwe, Beirne (2), Conan, A Watson (2), Curry e Elliot Daly eletto Man of The match al termine degli 80 minuti. A cui vanno aggiunte le 8 trasformazioni messe a segno da Dan Biggar.

Ma anche dal raduno dei British and Irish Lions, così come da quello degli Springbok che hanno i loro grossi problemi, arrivano notizie non del tutto confortanti. Dopo che Gatland è stato costretto a cambiare la formazione all’ultimo momento a causa di un problema gastrico occorso a Maro Itoje, è Finn Russell che desta grosse preoccupazioni. L’apertura scozzese potrebbe infatti essere costretto ad abbandonare la squadra per un piccolo ma fastidioso strappo al tendine Achille.

A dirlo è Warren Gatland affermando che Russell, 28 anni, non sarà disponibile almeno fino all’inizio della serie e che: “Se farà buoni progressi, lo valuteremo in futuro. In caso contrario, c’è la possibilità che possa tornare a casa”.

Il coach neozelandese intanto ha già provveduto a chiamare Marcus Smith come copertura per Russell che insieme a Dan Biggar è l’unico altro mediano d’apertura di ruolo a disposizione dei Lions, che hanno comunque anche Owen Farrell che ha collezionato meta delle sue presenze in nazionale in quello spot.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: la preview di All Blacks-Inghilterra ad Eden Park

Nella prima sfida sono mancati i piazzati a entrambe le formazioni. La Nuova Zelanda è parsa superiore in mischia ma ha sofferto in touche: tutte le c...

item-thumbnail

Summer Series: la formazione della Francia per la sfida con i Pumas

Fabien Galthiè conferma gran parte del XV di una settimana fa e inserisce quattro possibili esordienti in panchina

item-thumbnail

Summer Series: la formazione dell’Argentina per il secondo test con la Francia

Cinque cambi per Felipe Contepomi, mentre Pablo Matera si appresta a tagliare un traguardo importante

item-thumbnail

L’Irlanda prova a mischiare le carte: la formazione per il secondo test con il Sudafrica

Peter O'Mahony si siede in panchina, mentre sono obbligati i cambi di Dan Sheehan e Craig Casey

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit di Tonga, prossima avversaria dell’Italia

Le Ikale Tahi all'assalto degli Azzurri con un mix di esperienza e volti nuovi

item-thumbnail

Summer Series: la formazione del Galles per il secondo round con l’Australia

Warren Gatland costretto ad alcuni cambi dopo la prima sconfitta di Sydney