Test Match: l’Argentina soffre, ma vince in Romania

I Pumas si impongono 24-17, piazzando la zampata vincente solo nell’ultimo quarto di gara

Test Match: l'Argentina soffre, ma vince in Romania

Test Match: l’Argentina soffre, ma vince in Romania ph. Sebastiano Pessina

Alla prima uscita dopo sette mesi dall’ultimo, storico Rugby Championship – con tanto di vittoria sugli All Blacks -, l’Argentina fatica oltre ad ogni aspettativa in casa della Romania, con la sfida in perfetta parità (a quota 17, dopo che alla pausa i Pumas erano andati sul 9-17) all’ora di gioco, risolta dalla meta del debuttante Gonzalez al 73′ (con trasformazione di Miotti per il definitivo 17-24), propiziata dal lavoro superbo di Cordero (ala a segno anche nel primo tempo, con la splendida marcatura del momentaneo 6-10).

La partita dell’Argentina è complessa. Tipica delle prime volte stagionali. Nonostante una superiorità piuttosto netta nelle fasi di conquista, e diversi palloni di buona qualità a disposizione in attacco, i Pumas soffrono l’arcigna e ruvida difesa della Romania, perdono miriadi di palloni a contatto e concedono diversi penalty, che rendono oltremodo complesso trovare il bandolo della matassa ai ragazzi di Ledesma, almeno sino al suddetto 73′, momento della svolta.

Leggi anche: Rugby World Cup 2023: risultati clamorosi dall’Africa Cup 2021

Per i Pumas, ora, doppio impegno a Cardiff (10 e 17 luglio prossimi), contro un Galles uscito ampiamente vincitore sul Canada, nella giornata di ieri. Per la Romania, invece, dopo la cancellazione del Test contro la Scozia, originariamente in programma il prossimo weekend tra le mura amiche, l’estate internazionale è finita, ed è tempo di tornare a concentrarsi sul REC (appuntamento a novembre, per la sfida contro i Paesi Bassi).

Il tabellino di Romania-Argentina 17-24

Romania: 15. Ionel Melinte; 14. Ionuț Dumitru, 13. Taylor Gontineac, 12. Alexandru Bucur, 11. Nicolas Onuțu; 10. Daniel Plai, 9. Gabriel Rupanu; 8. Andre Gorin (c), 7.Cristi Boboc, 6. Cristi Chirica; 5. Adrian Moțoc, 4. Florian Roșu; 3. Alexandru Țaruș, 2. Eugen Capațina, 1. Alexandru Savin.
A disposizione: Florin Bardasu, Ionel Badiu, Vasile Balan, Marius Antonescu, Mihai Macovei, Vlad Neculau, Florin Surugiu, Robert Neagu

mete: Capatina (46′)
punizioni: Melinte (4′, 22′, 31′, 61′)

Argentina: 1. Facundo Gigena, 2. Julián Montoya (c), 3. Enrique Pieretto; 4. Marcos Kremer, 5. Tomás Lavanini; 6. Pablo Matera, 7. Francisco Gorrissen, 8. Rodrigo Bruni; 9. Tomás Cubelli, 10. Nicolás Sánchez; 11. Juan Imhoff, 12. Jerónimo de la Fuente, 13. Matías Moroni, 14. Santiago Cordero; 15. Bautista Delguy.
A disposizione: Facundo Bosch, Nahuel Tetaz Chaparro, Santiago Medrano, Facundo Isa, Juan Martín González, Gonzalo Bertranou, Domingo Miotti, Juan Cruz Mallía

mete: Bruni (13′), Cordero (24′), penalty try (36′), Gonzalez (73′)
trasformazioni: Miotti (74′)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo

item-thumbnail

L’Argentina domina, l’Uruguay non c’è: a Maldonado finisce 79-5

Partita a senso unico per ottanta minuti. Teros irriconoscibili rispetto alla Rugby World Cup

item-thumbnail

Summer Nations Series 2024: la preview di Uruguay-Argentina

A Maldonado derby sudamericano tra Teros e Pumas, entrambe alla ricerca di nuove certezze

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit del Giappone, prossimo avversario dell’Italia

Protagonisti e stato dell'arte della nazionale nipponica che ospita gli Azzurri