Inghilterra A – Scozia A: un positivo e otto in isolamento che fanno riflettere

Nel weekend, poi, in campo anche la finale di Premiership e non mancano riflessioni di ampio spettro e polemiche sulle differenze di capienza tra calcio e rugby

Sei Nazioni: Inghilterra e Scozia si sfidano oggi a Twickenham ph. On Rugby

Inghilterra A – Scozia A: un positivo e otto in isolamento che fanno riflettere ph. On Rugby/Matteo Mangiarotti

Domenica era (ed è ancora, almeno per ora) previsto il match fra Inghilterra A e Scozia A in quel di Welford Road, nella casa dei Leicester Tigers. La notizia di oggi è che negli scozzesi c’è un giocatore positivo (il nome non è stato comunicato) e che altri 8 a stretto contatto con lui sono stati precauzionalmente messi in isolamento. Per ora, quindi, c’è solo un caso “ufficiale”, ma è chiaro che una situazione del genere possa mettere a rischio la partita. Fino a questo momento non sono arrivate comunicazioni su eventuali cambiamenti di programma, per cui la Scozia ha sostituito coloro che saranno assenti chiamando Ben Vellacott dai Wasps, Callum Hunter-Hill dai Saracens, George Taylor da Edimburgo, e D’Arcy Rae e Stafford McDowall dai Glasgow Warriors.

Al di là della partita in sé, che ricopre comunque un’importanza relativa essendo un test tra squadre A, la questione si inserisce in un contesto particolare, dopo la polemica alimentata da Jack Nowell, utility back di Exeter e della nazionale inglese, sulla poca coerenza del Governo nella gestione degli eventi sportivi. In particolare, Nowell ha fatto notare che per la finale di Premiership sarà rispettato il limite di 10.000 spettatori a Twickenham (su capienza massima di 80.000) previsto, mentre per le semifinali e la finale di Euro 2020 a Wembey ci saranno 60.000 persone.

Leggi anche: Sei Nazioni Under 20, la preview di Italia-Francia

Una partita dal valore relativo come Inghilterra A-Scozia A potrebbe quindi diventare importante per capire quale sarà il tipo di gestione adottata questa volta. Se gli 8 giocatori a contatto con il positivo dovessero risultare tutti negativi (ed è ciò che ci si augura) chiaramente la partita si giocherà, se invece dal primo caso il virus dovesse espandersi ad altri componenti della squadra, anche se già isolati, a questo punto bisognerà chiedersi se vale la pena mettere tutti a rischio per un match come questo. E, in generale, se vale la pena affrettare così tanto i tempi per il ritorno alla normalità (che porta con sé rischi, ma ovviamente anche benefici economici) in particolare a stagione ormai finita – con tre mesi davanti di fermo delle attività agonistiche – in un paese dove i casi di positività sono in netto aumento negli ultimi giorni.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

In Nuova Zelanda temono di aver regalato all’Irlanda un altro potenziale titolare internazionale

James Lowe, Gibson-Park e Bundee Aki: ora c'è lo spettro di un nuovo errore

item-thumbnail

Test Match Summer Series 2024: due partite verranno dirette da arbitri italiani

Una partita a fine giugno e una a metà luglio. Ci sono anche designazioni da assistenti

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...