Martin Anayi: “Lo United Rugby Championship avrà bisogno di una regolamentazione finanziaria”

Il CEO di URC sottolinea la necessità di un sistema di gestione economica che leghi costi e ricavi prevedendo anche un salary cap

United Rugby Championship

United Rugby Championship

A pochi giorni dall’ufficializzazione della partenza dello United Rugby Championship dalla prossima stagione sportiva, il CEO Martin Anayi ha rilasciato un’interessante intervista alla BBC parlando di come si immagina il futuro del torneo a livello finanziario.

Secondo il massimo dirigente infatti servirà regolamentare la gestione economica delle squadre per poter competere con le leghe più importanti dell’emisfero nord, che ovviamente rispondono al nome di Premiership e Top14. “Se si guarda a tante leghe professionistiche nel mondo – dice Anayi – presentano un salary cap e una base di costi, mentre noi ancora non li abbiamo. Posso però immaginare che accadrà in futuro, perché bisogna avviare un sistema che leghi i costi ai ricavi”. Il CEO del Pro14 sottolinea chiaramente come sia un problema il fatto che attualmente la base di costo aumenti, ma non lo faccia in relazione al modo in cui aumentano o decrescono i ricavi commerciali.

Leggi anche: La nascita ufficiale dello United Rugby Championship

Secondo Anayi però sarebbe difficile implementare semplicemente un salary cap, come accade in Inghilterra o Francia, anche a causa della natura dello United Rugby Championship che è composto da squadre di nazioni diverse con valute e sistemi finanziari diversi. Il dirigente spiega allora quale potrebbe essere la strada da seguire: “Quella delle sport professionistico americano (basket e football, ndr). Loro possono spendere in stipendi dei giocatori e allenatori solo una parte di quello che incassano. La restante viene reinvestita nel resto del business ed è per questo che riescono a offrire ai tifosi delle esperienze fantastiche giocando in impianti sempre estremamente moderni. Questo è un sistema al quale potremo guardare nel futuro”.

Leggi anche: Dalla Celtic League allo URC, 20 anni di storia celtica

Per lui infatti non ha senso che i ricavi, aumentati lavorando durante nell’ultima decade, possano finire senza controllo negli stipendi di giocatori, coaching staff e agenti. “Il rugby professionistico deve investire meglio nelle strutture, nel coinvolgimento dei fans e in tanti settori extra-campo per crescere davvero” dice Anayi, che aggiunge come la nuova lega sta lavorando a braccetto con l’EPCR e World Rugby (che stanni affrontando gli stessi problemi) per elaborare una strategia finanziaria che possa essere applicata alle nazioni e ai territori che lo compongono. “Ci vorrà del tempo per costruire questa soluzione, ma credo che sia fondamentale arrivare ad operare con la stessa base di costi per rendere davvero competitivo lo United Rugby Championship”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton Rugby: Tommaso Menoncello rinnova il suo contratto con i Leoni

Il trequarti continuerà a fare parte del roster biancoverde

item-thumbnail

Benetton Rugby: Lazzaroni e Zani entreranno nello staff dei Leoni

Due nuovi capitoli ovali per gli uomini che hanno chiuso la loro carriera da giocatori

item-thumbnail

Andrea Piardi arbitrerà la finale di URC per il secondo anno consecutivo

Altra grande soddisfazione per il fischietto italiano: dirigerà la finalissima tra Bulls e Glasgow

18 Giugno 2024 United Rugby Championship
item-thumbnail

URC, finale Bulls-Glasgow Warriors: ufficializzate data, orario e sede

Per la terza edizione consecutiva la sfida decisiva si terrà in Sudafrica

item-thumbnail

URC: in finale senza irlandesi, volano Bulls e Glasgow Warriors

Nulla da fare per Leinster e Munster, sconfitte nonostante degli avvii favorevoli: la cronaca e gli highlights delle due semifinali