Sei Nazioni Femminile 2021: Caroline Boujard trascina la Francia al successo sul Galles

A Vannes finisce 53-0. Les Bleues confermano il pronostico e rispondono alle Red Roses, per le Dragone qualche buono spunto in una serata difficile

Ottimo esordio nel Sei Nazioni Femminile della Francia – ph. Sebastiano Pessina

La Francia impiega poco meno di tre minuti per trovare la prima meta. Ci pensa Boujard che, dopo qualche fase, recupera l’ovale dalla base di una ruck sui 5m e trova completamente impreparata la difesa gallese, prima di ripetersi al 6′, stavolta sfruttando il grande lavoro delle sue avanti che strappano il possesso alle gallesi e regalano all’ala il corridoio giusto per andare fino in fondo.

Bourdon trasforma entrambe le mete e al 7′ les Bleues sono già oltre il break (14-0) e a metà dell’opera. La partenza bruciante delle padrone di casa ha colto di sorpresa un Galles sceso in campo consapevole di dover compiere una vera e propria impresa (mai, nel Sei Nazioni, le Dragone hanno battuto la Francia a domicilio) ma la terza meta, che regala all’ala la personale tripletta in quattordici minuti, arriva al termine di un’azione corale impreziosita da un paio di offload che avrebbe mandato fuorigiri qualunque difesa si fosse trovata di fronte.

Caroline Boujard si prende già nel primo quarto il virtuale premio di player of the match (che viene però assegnato a Vernier) e alla Francia adesso manca solo una meta per prendersi il punto di bonus offensivo che consentirebbe loro di rispondere idealmente al successo netto raccolto, oggi pomeriggio a Doncaster, dall’Inghilterra sulla Scozia.

Alla mezz’ora les Bleues scelgono i pali per punire una scorrettezza gallese, aggiungendo altri tre punti allo score (24-0) prima di centrare l’obiettivo di serata al 34′ con la quarta meta a firma di Sochat. La tallonatrice chiude una maul nata da touche sui 5m gallesi e manda le squadre a riposo sul 31-0.

Il risultato è pesante per il Galles ma è giusto e rispecchia la differenza delle forze in campo. Le Dragone ci hanno provato, hanno cercato di creare qualcosa ma semplicemente la superiorità de les Bleues, in questi primi quaranta minuti, è stata troppo grande da contenere.

La Francia rallenta un po’ il ritmo in avvio di ripresa ma ogni volta che riesce ad ottenere il possesso va sempre ad attaccare le avversarie. Come al 52′ quando Gros si stacca da una scrum dominata dal pack francese trovando la difesa gallese completamente scoperta e andando a schiacciare l’ovale oltre la linea. Bourdon si fa murare la trasformazione ma la pressione francese non cala.

Al 60′ l’italiano Stefano Penné, TMO di serata, annulla la meta di N’Diaye per un in-avanti ma poco dopo Gros trova la doppietta personale, ancora staccandosi con tempismo perfetto da una mischia dominata dal pack francese. Bourdon stavolta è precisa e porta la Francia sul 43-0.

Il Galles continua a difendersi ben addentro i propri 22m e fa davvero tutto quello che può per contenere lo strapotere delle padrone di casa. Va dato merito alla squadra di coach Abrahams di riuscire a tenere a bada la disciplina, chiudendo il match con una sola giocatrice (Evans, al minuto 83) finita nel sin-bin (33 placcaggi mancati però sono davvero tanti).

Nei minuti finali la difesa gallese riesce a tenere l’ovale alto a Sansus e Boujard, vincendo anche una mischia chiusa sui propri 5m prima di capitolare al 77′ quando Boulard festeggia il suo primo cap con la sua prima meta internazionale. Trémoulière si incarica della trasformazione ma il calcio è corto, les Bleues hanno un’ultima occasione a tempo scaduto e dopo due punizioni, riescono a marcare l’ultima meta con Touyé.

La Francia si impone 53-0 e lancia la sfida all’Inghilterra.

Francia: 15. Emilie Boulard 14. Caroline Boujard 13. Maëlle Filopon 12. Gabrielle Vernier 11. Marine Ménager 10. Morgane Peyronnet 9. Pauline Bourdon 1. Anaëlle Deshaye 2. Agathe Sochat 3. Clara Joyeux 4. Coumba Diallo 5. Madoussou Fall 6. Céline Férer 7. Gaëlle Hermet (C) 8. Emeline Gros
A disposizione: 16. Laure Touyé 17. Rkhya Ait Lahbib 18. Maylis Traoré 19. Safi N’Diaye 20. Marjorie Mayans 21. Laure Sansus 22. Camille Imart 23. Jessy Trémoulière

Marcatrici Francia
Mete: Boujard (2′, 5′, 14′), Sochat (34′), Gros (52′, 60′), Boulard (77′), Touyé (80’+3′)
Trasformazioni: Bourdon (3′, 6′, 15′, 35′, 61′)
Punizioni: Bourdon (30′)

Galles: 15 Robyn Wilkins 14 Lisa Neumann 13 Hannah Jones 12 Kerin Lake 11 Jasmine Joyce 10 Elinor Snowsill 9 Jess Roberts 1 Caryl Thomas 2 Kelsey Jones 3 Donna Rose 4 Gwen Crabb 5 Teleri Wyn Davies 6 Georgia Evans 7 Manon Johnes 8 Siwan Lillicrap (C)
A disposizione: 16 Robyn Lock 17 Cara Hope 18 Cerys Hale 19 Bethan Dainton 20 Natalia John 21 Megan Davies 22 Gemma Rowland 23 Courtney Keight

Marcatrici Galles
Mete:
Trasformazioni:
Punizioni:

Matteo Mangiarotti

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: eletta la miglior giocatrice del Torneo

È Poppy Cleall, numero 8 dell'Inghilterra, che ha fatto registrare numeri sensazionali

30 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Importanti novità sul Sei Nazioni Under 20

Vanno definendosi luoghi e formula dell'attesa competizione giovanile

29 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: un’azzurra nella formazione ideale del torneo

L'Inghilterra campione è la squadra più rappresentata, con quattro atlete

28 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Stagione finita per George North

Niente tour dei Lions per il fuoriclasse gallese

28 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il calendario dell’edizione 2022

Debutto in Francia per gli azzurri, attesi da 3 trasferte ed altrettanti impegni domenicali

28 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: c’è chi lo vuole mantenere tra aprile e maggio

Si valuta se tenere la competizione delle ragazze spostata in calendario rispetto a quella maschile che come sempre si giocherà da febbraio

28 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni