Le decisioni degli arbitri sui contatti con la testa, spiegate

Da Wayne Barnes, che stavolta fa da ambasciatore e divulgatore per World Rugby

Sei Nazioni: Wayne Barnes dirigerà Francia-Scozia (ph. Sebastiano Pessina)

Wayne Barnes racconta l’Head Contact Process, il nuovo framework per i contatti con la testa – ph. Sebastiano Pessina

Da un po’ di tempo a questa parte uno dei fischietti migliori del palcoscenico internazionale, l’inglese Wayne Barnes, sta comparendo molto sui social network con un ruolo complementare a quello che svolge sul campo: il divulgatore, per così dire, del regolamento.

E così la federazione internazionale ha deciso di scegliere il suo volto per aiutare a spiegare l’Head Contact Process, ovvero l’evoluzione dell’High Tackle Sanction Framework in funzione dal 2019.

Con questi strumenti, World Rugby sta cercando di influenzare i comportamenti dei giocatori in campo per evitare il più possibile contatti pericolosi e dannosi per la salute degli atleti. Il deterrente utilizzato è il cartellino, giallo e rosso.

Il recente Sei Nazioni ha visto un ammontare di cartellini rossi (5) pari a quello dei 14 anni precedenti messi insieme. L’ultima giornata del massimo campionato inglese, la Premiership, ha invece fatto registrare 22 sanzioni, fra gialli e rossi, in 6 partite.

Per aiutare a diffondere il verbo al pubblico, ecco quindi l’intervento di Wayne Barnes, che illustra i dettagli dell’Head Contact Process, elaborato durante il World Rugby Player Welfare and Laws Symposium dello scorso anno e divenuto operativo dallo scorso febbraio, cioè dall’inizio del Sei Nazioni 2021.

“La tutela della salute dei giocatori è ed è sempre stata la priorità numero uno nel mondo del rugby – dice l’arbitro – con la prevenzione dei colpi alla testa in cima alla lista.”

“Ecco perché è stato sviluppato un nuovo processo decisionale per i contatti con la testa” prosegue Barnes, evidenziando la differenza rispetto al framework precedente, che si occupava solamente di quei contatti derivanti da un placcaggio alto.

Come il vecchio framework anche l’Head Contact Process è rappresentato da un albero di decisioni che si ramifica a partire da una serie di domande: c’è stato contatto con la testa? Il contatto è derivante da un fallo? Qual è il grado di pericolo dell’intervento? Ci sono fattori mitiganti?

Il livello di pericolo viene giudicato attraverso l’ammontare di forza utilizzata da chi ha commesso il fallo e dal fatto che il contatto con la testa sia diretto o indiretto, mentre fattori mitiganti sono un improvviso cambio della posizione del giocatore che ha subito il colpo o un chiaro tentativo di abbassarsi da parte di chi commette il fallo.

Al nuovo framework ha lavorato un gruppo di lavoro molto ampio, di cui hanno fatto parte rappresentanti dei giocatori come Conrad Smith e Richie Gray, tecnici come Gregor Townsend, lo stesso Wayne Barnes e il collega Jaco Peyper, membri delle commissioni disciplinari e mediche, il capo degli arbitri internazionale Joel Jutge e il responsabile tecnico del rugby di alto livello Joe Schmidt, l’ex head coach della nazionale irlandese.

Dopo il Sei Nazioni questo metodo decisionale di affrontare i colpi alla testa sarà quello universalmente adottato dagli arbitri attraverso delle linee guida del regolamento.

Se nell’immediato potrà continuare a generare partite con un alto numero di cartellini, nel medio periodo vorrebbe riuscire a cambiare il comportamento dei giocatori per salvaguardare la loro stessa salute.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions: il dilemma del numero 9

Con Ben Youngs che ha rinunciato, si riaprono le possibilità per una convocazione in vista del Sudafrica

3 Maggio 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

British & Irish Lions: accordo con la Premiership per il rilascio dei giocatori

Intanto crescono le speculazioni sui convocati: Joe Marler ci sarà?

28 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking femminile: l’Italia scende, la Scozia sogna

La nuova classifica mondiale al termine del Sei Nazioni 2021

25 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

I Barbarians guardano avanti: test contro Samoa a novembre

Il club a inviti deve rimediare alla figuraccia dello scorso anno, quando saltò il test contro l'Inghilterra

20 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Kurtley Beale: “Ho giocato con i migliori al mondo: Finn Russell è tra loro”

L'estremo del Racing con uno spassionato consiglio a Warren Gatland: portare in Sudafrica il numero 10 scozzese

16 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

L’omaggio di World Rugby a Massimo Cuttitta

Ovalia ricorda una delle sue leggende rievocando una storica meta del pilone azzurro

13 Aprile 2021 Rugby Mondiale