Italia, Stephen Aboud parla di terza franchigia, azzurri all’estero e futuro

Il responsabile azzurro per l’alto livello fa un quadro della situazione attuale del rugby italiano, parlando di tanti argomenti di grande interesse

Stephen Aboud lavora in Italia dal 2016 ph. Sebastiano Pessina

Stephen Aboud lavora in Italia dal 2016 ph. Sebastiano Pessina

Una delle figure più importanti nel rugby italiano è ricoperta da Stephen Aboud, 58enne irlandese che dal 2016 è il responsabile azzurro per la formazione dei giocatori under 20 di alto livello, degli allenatori e delle Accademie. Tanti dei giocatori che hanno fatto parte degli azzurrini nelle ultime stagioni sono ormai parte integrante dell’Italia di Franco Smith impegnata nel Sei Nazioni, e Aboud ha raccontato il momento del rugby italiano parlando con la Gazzetta dello Sport in edicola.

L’urgenza più attuale del movimento ovale azzurro secondo Aboud è legata alla presenza del rugby e dello sport nelle scuole, un fattore che differenzia in maniera netta l’Italia dalle altre grandi nazioni ovali. Al netto delle difficoltà attuali del mondo della scuola, si sta allora lavorando per creare un sistema piramidale di eccellenza che passa attraverso i quattro centri di formazione permanente under 18 tra Treviso, Milano, Prato e Roma e all’Accademia nazionale under 20 di Remedello.

Leggi anche: Il gruppo dell’Italia verso la sfida all’Irlanda nel Sei Nazioni

Stephen Aboud ha poi detto come stia puntando molto anche sulla crescita dei tecnici, fondamentali per lo sviluppo di buoni giocatori, sottolineando però come questi ultimi possano “soffrire” il poco professionismo diffuso in Italia con solo le due franchigie che offrono certe condizioni. Interessante il passaggio relativo alla (spesso citata) terza squadra da affiancare a Zebre e Treviso nel Pro14: “Una terza realtà è prematura. Ma può diventare un ulteriore obiettivo per allargare la base. Persino la Scozia è scesa da tre a due franchigie in Irlanda, dove sono quattro, il Connacht beneficia della “sovrapproduzione” delle altre”. Aboud poi sottolinea quindi come potrebbe diventare realtà una Nazionale emergenti, che darebbe visibilità a giocatori dal potenziale interessante.

Sul fatto di avere giocatori di formazione non italiana (sei titolari nelle ultime due partite) impiegati in azzurro, Aboud ha sottolineato come ormai questo sia una prassi nel rugby moderno, dicendo anche come siano in tanti, grazie a lontani parenti italiani, a proporsi per il suo interesse. Riguardo invece alle esperienze di giocatori azzurri in club stranieri ha detto: “Dipende dalle situazioni, dall’esperienza dei soggetti, da quanto tempo di gioco può venir loro garantito, dal contesto nel quale si vengono a trovare. Per assurdo, comunque, noi siamo in controllo dei nostri giocatori, che invece in Inghilterra e Francia sono ostaggio dei club”.

Infine un passaggio sul futuro e su come lui vede i prossimi anni del rugby italiano: “I talenti ci sono, dobbiamo farli maturare. Serve pazienza, sono ottimista”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia Emergenti: ufficializzata la sfida con la Romania, si gioca sabato 18 dicembre

La selezione azzurra, che non sarà schierata come Italia A, sarà composta in maniera quasi esclusiva dai migliori giocatori del Top10

item-thumbnail

Sei Nazioni 2022, Italia: il calendario degli azzurri, con luoghi, date e orari

Due soli impegni casalinghi contro Inghilterra e Scozia

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: in vendita i biglietti per le partite casalinghe dell’Italia

Gli azzurri ospiteranno all'Olimpico Inghilterra e Scozia, rispettivamente alla seconda e alla quarta giornata del torneo

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italseven: le convocazioni di Saccà per il raduno di Catania

20 atlete selezionate per l'appuntamento siciliano

24 Novembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia Under 20: scatta il raduno di Parma, quattro cambi tra i convocati

Azzurrini pronti a lavorare verso la stagione 2022, ecco gli atleti scelti da Massimo Brunello per questo nuovo raduno

item-thumbnail

Italia-Uruguay, un amaro ritorno alla vittoria

Una vittoria è una vittoria, ma è doveroso costruire qualcosa di più nel minor tempo possibile

21 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale