Italia, Inghilterra e le porte scorrevoli

A volte la differenza tra vittoria e sconfitta è una questione di sliding doors. Quella volta, sotto la neve di Roma, la porta ci si è chiusa in faccia

COMMENTI DEI LETTORI
  1. mistral 10 Febbraio 2021, 10:36
  2. narodnik 10 Febbraio 2021, 10:50

    Bellissimi questi articoli.

  3. Ovale 10 Febbraio 2021, 11:04

    Comunque ripensando a quella squadra, oltre al dato tecnico (l’Italia era forte e molto più vicina al livello della altre nazionali), i giocatori in campo avevano una personalità e delle qualità di leadership enormi. Non so se qualcuno dei ragazzi che giocano oggi avrà mai una carriera paragonabile a Parisse, Castrogiovanni, Masi o Ghiraldini. C’era forse meno scelta, ma il livello era davvero alto.

    • mistral 10 Febbraio 2021, 11:12

      “…E l’hai più vista così
      Che tempi quelli!…”

  4. roff 10 Febbraio 2021, 11:37

    La giocata decisiva (ossia la stoppata di Hodgson) coinvolse Bortolami e Masi, cioè il futuro staff di Treviso. A ricordare bene, Botes manco sbagliò la mira, ma colpì proprio male il pallone, e a Treviso che cecchino che era.

  5. aries 10 Febbraio 2021, 12:21

    Altro bell’articolo! Ho scrostato i muri dalle imprecazioni quel giorno.

  6. Galeone 10 Febbraio 2021, 19:21

    Bellissimo articolo complimenti !!!
    Anche se è stato come buttare del sale su una ferita ancora aperta…..Ricordo che non cenai dal dispiacere quella maledetta sera !!!
    La peggiore delle slidiing doors del nostro rugby, al secondo posto quella dell’anno precedente contro l’Irlanda vera, non quella battutanel 2013, per un in a avanti del sempre ottimo Quintino…

  7. MIchele88 10 Febbraio 2021, 20:00

    Ottimo pezzo! Qualche volte ci si dimentica che il giornalismo puo essere anche poetico, ci sono piu intuizioni in questo articolo che in 100 di giornalismo “oggettivo” o da dichiarazioni “post partita”. Alla fine cosa chiediamo alla nazionale ? coraggio, consapevolezza, spirito di sacrificio, fame agonistica, crescita (non quella di circostanza dei nostri coach, quella sul campo). Poi un pezzo alla volta si aggiunge il resto senza perdere un pezzo in cambio. Tutte la squadra che contano, anche se non nobilissime, partono da queste basi. (Vedi Scozia, Irlanda, Argentina, Fiji, ed ora Giappone). O ritorniamo a questi concetti o il futuro sarà opaco a queste latitudini.

  8. Toto 11 Febbraio 2021, 08:13

    Bell’articolo, me lo sono goduto. Tuttavia, inserendo quell’episodio nel contesto più complessivo della nostra più che ventennale esperienza nel 6N, la morale mi pare sia: quando siamo al top, ci manca un centesimo per fare un euro; quando non siamo al top, prendiamo le imbarcate. Scusate la prosaicità.

Lascia un commento

item-thumbnail

Storie di rugby: Memorie di un pilone giramondo, il nuovo racconto di Cristian Lovisetto

Storie di vita e di rugby che si intrecciano nell'ultima fatica dell'autore di Anonima Piloni

16 Aprile 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: le semifinaliste prendono la vetta

Leinster, Tolosa, La Rochelle e Bordeaux occupano i primi 4 gradini della classifica

15 Aprile 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto in tv e streaming dal 16 al 18 aprile

Un fine settimana nel segno del Super Rugby e del Sei Nazioni femminile

15 Aprile 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Hanno placcato Nick Williams

A placcare Nick Williams ci hanno provato in tanti, ci sono riusciti in pochi. Una di questi non ha mai giocato a rugby

15 Aprile 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Piers Francis, andate e ritorni

Quando vuoi sfondare ma non riesci nel tuo intento, puoi mollare o riprovarci. Piers Francis ha scelto la seconda opzione

12 Aprile 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

La grande abbuffata tongana

Cosa ci fa la nazionale tongana di rugby in un pub di una piccola cittadina inglese? Mangia e beve. Non necessariamente poco.

10 Aprile 2021 Terzo tempo