Conor O’Shea: “L’Italia deve restare nel Sei Nazioni”

L’ex coach azzurro ha un’idea molto diversa sul futuro degli azzurri nel Six Nations rispetto a Sam Waburton

Sei Nazioni: secondo Conor O'Shea l'Italia deve restare nel Championship (ph. Sebastiano Pessina)

Sei Nazioni: secondo Conor O’Shea l’Italia deve restare nel Championship (ph. Sebastiano Pessina)

Dopo la prima giornata del Sei Nazioni, hanno fatto discutere le parole dell’ex capitano del Galles Sam Warburton che, riferendosi alla prestazione dell’Italia è tornato a parlare apertamente della necessità di introdurre retrocessioni e promozioni all’interno del Torneo. Intervenendo in diretta tv alla BBC, Warburton ha infatti detto: “Penso che ci debba essere un cambiamento nel Torneo. Da troppi anni l’Italia ha fatto vedere di non essere competitiva a questo livello, e personalmente credo che sia ora di inserire il meccanismo di promozione-retrocessione”. Warburton ha fatto chiaramente il nome della Georgia come squadra che potrebbe giocarsi il posto nel Sei Nazioni con gli Azzurri, ma oggi dalle colonne del Daily Mail è arrivata un’importante risposta di opinione completamente diversa. E’ quella di Conor O’Shea, ex tecnico dell’Italia e ora impegnato come Director of Performance della Rugby Football Union, che ha invece preso le difese degli azzurri e del nostro movimento.

Leggi anche: Sei Nazioni, due nuovi convocati si aggiungono al gruppo azzurro verso l’Inghilterra

“La cosa più facile da fare è mettere in dubbio quello che sta facendo l’Italia. Ma guardando il loro stile di gioco, si capisce come siano infinitamente migliori della Georgia, e come sotto Franco Smith stiano mettendo in campo delle idee davvero interessanti”.

Riguardo alla domanda sull’inserimento del meccanismo di promozione e retrocessione, O’Shea dice: “La mia idea è che l’Italia si sia guadagnata il posto nel Sei Nazioni, il loro posto è qui e la mia opinione di fondo non cambierà mai: il nostro compito è quello di far crescere questo sport”. Secondo lui è innegabile che serva avere delle formazioni forti in Georgia, Romania o nelle Isole del Pacifico, ma farlo “uccidendo” un’altra nazionale e un intero movimento sarebbe un passo sbagliato.

Leggi anche: Sei Nazioni, dove e quando seguire le partite della seconda giornata del Torneo

Nell’intervista Conor O’Shea ha anche evidenziato il potenziale dell’Italia e i progressi compiuti a livello di età dei giocatori sottolineando che gli Azzurri in futuro potranno beneficiare del talento di molti giovani, citando in particolare Stephen Varney, mediano di mischia di Gloucester e Michele Lamaro, terza linea del Benetton Rugby, che indica come  e stella emergente e possibile futuro capitano degli Azzurri.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Irlanda, 37 convocati per il Torneo

Fascia di capitano a Johnny Sexton, dentro due possibili esordienti e un apprendista

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: i 39 convocati di Gregor Townsend per il Sei Nazioni 2022

Cinque possibili esordienti nel gruppo per le prime due gare

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda, verso il Sei Nazioni 2022: alcuni recuperi e il dubbio Sexton

Lo staff tecnico sta valutando le situazioni di alcuni avanti e alcuni trequarti

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Inghilterra: Eddie Jones fa chiarezza sul ruolo di Owen Farrell

Il ct dei vicecampioni del mondo parla della posizione, dentro e fuori dal campo, del suo capitano

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: i convocati della Francia per l’inizio del torneo

Galthiè seleziona un gruppo composto da 42 elementi

18 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda: un’assenza di peso in vista del Sei Nazioni 2022

Andy Farrell dovrà fare a meno di uno dei suoi pezzi del triangolo allargato

18 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni