Sei Nazioni 2021: il tormentato Galles di Wayne Pivac

I Dragoni vivono un lunghissimo momento di difficoltà. Riusciranno a risollevarsi nel Championship che sta per partire?

Sei Nazioni 2021 Galles

Sei Nazioni 2021: Galles, come arrivano i Dragoni a questa edizione del torneo? (Ph. Sebastiano Pessina)

I Dragoni sono in confusione. Alla vigilia del Sei Nazioni 2021, il Galles attraversa sicuramente il momento più difficile della sua recente storia ovale. Il passaggio tecnico dalla longeva guida di Warren Gatland a quella fresca di Wayne Pivac non sembra, almeno per adesso, portare benefici alla selezione di rosso vestita.

Risultati, stile di gioco, composizione del roster e gestione dello spogliatoio: tutti aspetti verso i quali l’opinione pubblica e gli addetti ai lavoro gallesi hanno sviluppato un certo senso di insofferenza verso lo stesso Pivac, che in questo torneo è chiamato – più di tutti – al colpo di coda. Andiamo quindi ad analizzare il Galles sviscerando i vari temi presenti sul tavolo: convocati, il momento, le aspettative e l’ultima edizione del torneo.

Sei Nazioni 2021: Galles, i convocati
Nel gruppo capitanato dall’inossidabile Alun Wyn Jones (143 caps per lui), al netto di una chilometrica lista infortunati, la notizia positiva – nello scorrere l’elenco dei convocati – è sicuramente rappresentata dal ritorno fra i disponibili di Dan Lydiate e soprattutto Josh Navidi che, in terza linea, potranno tornare a infondere classe, qualità e leadership a una squadra che ne ha davvero bisogno.

L’unico uncapped, che però a già fatto un po’ di esperienza in gruppo, è Josh MacLeod, mentre “un po’ di traffico” va registrato in cabina di regia dove Tomos Williams è stato preferito a Rhys Webb (come mediano di mischia) e Jarrod Evans potrebbe insidiare  Dan Biggar e Callum Sheedy per la maglia numero 10.

Sei Nazioni 2021: Galles, il momento
L’Autumn Nations Cup, chiusa al sesto posto (ottenendo vittorie non proprio indimenticabili contro Georgia e Italia), ha certificato ufficialmente la crisi dei Dragoni che in questo momento non riescono proprio a vedere la luce infondo al tunnel. Attenzione però, perchè il mese di novembre ha solo accentuato una situazione di difficoltà che si era palesata nei primi mesi del 2020.

Oltre a questo, altro sintomo di un momento davvero confuso e pessimo, va aggiunto il “caso” Josh Adams: l’ala ha infatti commesso una leggerezza violando il protocollo sanitario per partecipare a una festicciola di famiglia. Un errore che lo estromette dalle prime due partite del torneo.

Sei Nazioni 2021: Galles, le aspettative
Dal 2011 in poi, il Galles di Gatland ha ragionevolmente sempre giocato per vincere il torneo, ora però non è più così. L’obiettivo per i “rossi” diventa quello di vincere almeno due partite, migliorando il magro record dell’edizione 2020, ritrovando sempre più fiducia e consistenza man mano che le giornate scorrono per arrivare a installarsi, ipoteticamente, sul terzo gradino del podio.

Sei Nazioni 2021: Galles, l’ultima edizione del torneo
Dopo la partita vinta nettamente in casa contro l’Italia, l’1 febbraio 2020 (sembra passata un’era geologica…), il torneo del Galles prese una bruttissima piega. Sconfitte in sequenza contro Irlanda (24-14 all’Aviva Stadium), Francia (23-27 a Cardiff) e Inghilterra (33-30 a Twickenham), poi l’ultima giornata, il 31 ottobre 2020, anche quella chiusasi con una debacle (10-14 in casa a Llanelli il 31 ottobre), per un complessivo e deludente quinto posto.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions v Springboks: la preview del secondo test

Dopo una settimana in cui il rugby è passato in secondo piano, finalmente si gioca

item-thumbnail

Springboks, Kolisi raddoppia: “Nic Berry mi ha mancato di rispetto”

Dopo il clamoroso video di Rassie Erasmus, dal ritiro sudafricano si alzano ancora i toni sulla direzione arbitrale del primo test

item-thumbnail

Nuovo avversario autunnale per la Scozia, che giocherà 4 test match

I Dark Blues apriranno Murrayfield anche il 30 ottobre per ricevere la visita di Tonga, formazione che potrebbero ritrovare al mondiale

item-thumbnail

Ufficiale: gli All Blacks giocheranno cinque partite in autunno

Il 23 ottobre la Nuova Zelanda ha aggiunto al suo calendario un match contro gli Stati Uniti, poi ci sarà spazio anche per l'Italia

item-thumbnail

I Lions e il ritorno di fiamma degli Springboks: “Sappiamo che arriveranno forte”

Maro Itoje e Warren Gatland hanno parlato della preparazione al secondo test della serie

item-thumbnail

La formazione del Sudafrica per il secondo test con i Lions

Tre cambi nella formazione che affronterà i Lions nel secondo match della serie, due nuovi innesti anche in panchina