Italia, Marius Goosen: “Stiamo aumentando la profondità della rosa. Contro la Francia? Fondamentali le prime fasi di gioco”

Dalla situazione infortunati ai focus tecnici: la parola a uno degli assistenti più esperti del coaching staff azzurro

Marius Goosen

Marius Goosen

Parlare di rugby spaziando su più argomenti lo mette molto a suo agio. E’ un Marius Goosen a “ruota libera” quello che è intervenuto oggi nella video-conferenza coi giornalisti: l’allenatore dell’attacco degli Azzurri ha infatti spaziato su vari argomenti tenendo però sempre bene a mente l’obiettivo di questa settimana, la sfida d’esordio del Sei Nazioni 2021 tra Italia e Francia.

Esordisce parlando degli infortunati: “Dobbiamo cambiare la prospettiva e pensare che invece sta crescendo la profondità della squadra: l’obiettivo è quello di arrivare ad avere 55 giocatori che possano far parte del gruppo. Le assenze fanno parte del gioco e non le avremo solo noi”.

Sul lavoro degli azzurri: “Oltre che alla partita disputata nell’Autumn Nations Cup contro la Francia – fa sapere l’assistente tecnico dell’Italia Marius Goosen – abbiamo analizzato tutte le partite giocate in autunno e abbiamo visto che la difficoltà maggiore è arrivata per noi in coincidenza degli ultimi venti minuti di gioco. Da un lato ovviamente non ci ha fatto piacere, ma dall’altro ci ha consentito di arrivare a questo raduno con le idee chiare per capire come poter migliorare la situazione sotto tutti i punti di vista”.

Un focus specifico rispondendo a una domanda su Marco Riccioni: “E’ arrivato in raduno e sta bene. Dopo la partita giocata contro Munster, oggi ha svolto una parte in meno dell’allenamento, ma questo è fisiologico. Fa parte dei 32 e come tutti ha possibilità di essere schierato nella partita contro la Francia”.

Poi torna sul duello coi Bleus: “E’ chiaro che non vogliamo ripetere gli errori fatti nelle ultime sfide giocate contro di loro. In una partita come quella che ci aspetta ci sono tante cose da dover e poter analizzare, ma c’è un aspetto che dovrà essere fondamentale per capire l’andamento della partita: il come disputiamo ogni singola “prima fase” di un momento di gara. La prima fase di attacco, la prima fase di difesa e la prima fase di un ping-pong tattico: metà dell’indirizzo di una partita passa da lì”.

Leggi anche, Italia, Franco Smith: “Stiamo costruendo una cattedrale dando le giuste opportunità ai giovani”. E su Minozzi…

A proposito delle sempre più costanti battaglie al piede e del pensiero di Eddie Jones, relativo al fatto che l’Inghilterra cercherà di giocare un po’ più alla mano, senza però perdere in efficacia e concretezza, onrugby chiede a Goosen il suo parere: “Il nostro obiettivo e la nostra filosofia sono votati al gioco alla mano, ma sappiamo che a livello internazionale questo non è sempre così facile.
In generale, penso che le fasi difensive di tutte le squadre siano cresciute tantissimo e che questo abbia portato a un progressivo aumento del piede. Il gioco dell’Inghilterra? Tutti vogliamo vincere delle partite, poi c’è chi deve ambire a vincere sempre e comunque anche i trofei: loro hanno una pressione diversa dalla nostra e da quella di altre squadre, è normale che Eddie Jones faccia questo ragionamento”.

Infine una battuta sul nuovo coaching staff di Treviso che sarà diretto da Marco Bortolami: “L’arrivo di Paul Gustard dev’essere catalogato come un grande colpo. In Italia figure così possono servire tantissimo ed è per questo che faccio i complimenti a Pavanello per l’acquisizione. Poi c’è Andrea Masi: lo conosco benissimo e lui conosce benissimo il rugby, è una grande persona. Lavorando agli Wasps avrà sicuramente sviluppato un grande bagaglio di competenze.
Sono davvero contento per tutti: ho vissuto 17 anni a Treviso e mi auguro che il Benetton faccia bene in futuro”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Ho due sogni: la nazionale e il Top14»

L'estremo italo-francese si racconta a OnRugby, tra il sogno della nazionale azzurra e l'obiettivo della promozione in Top14.

3 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale