Pablo Matera parla dopo il caso dei tweet razzisti

Il giocatore dei Pumas è intervenuto raccontando di essere dispiaciuto per gli errori fatti, e chiedendo perdono

Pablo Matera ha raccontato la sua versione dei fatti sui tweet razzisti - Ph. Sebastiano Pessina

Pablo Matera ha raccontato la sua versione dei fatti sui tweet razzisti – Ph. Sebastiano Pessina

Per la prima volta dopo l’esplosione del caso dei tweet razzisti, Pablo Matera ha parlato di persona. Il 27enne capitano dell’Argentina ha raccontato la sua versione delle cose a Canal Plus, evidenziando come la cosa abbia profondamente destabilizzato lui e la sua famiglia, che è stata riempita di messaggi offensivi, oltre che portarlo a una temporanea (ma già rientrata) sospensione dalla Nazionale argentina.

Leggi anche: Il dietrofront della UAR sul caso Matera, Petti e Socino

“Immagino che ci siano state molte persone che si siano sentite offese da quanto ho fatto, e voglio chiedere loro scusa. Con i miei amici del liceo ho fatto un pessimo uso dei social, non lo nego. Voglio ora far sapere a tutti che non credo assolutamente a quelle cose, che non rappresentano in alcun modo i miei valori”. I tweet razzisti di Matera sono venuti alla luce pochi giorni dopo la sconfitta dei suoi Pumas contro gli All Blacks seguente la morte di Maradona, fattore questo che ha aperto un’altra breccia con l’opinione pubblica argentina che ha accusato la squadra di non aver onorato in maniera degna la loro più grande leggenda sportiva.

Leggi anche: La posizione di World Rugby riguardo il caso dei tweet razzisti

“All’epoca di quei tweet ero un ragazzo immaturo, ma per mia madre non è mai stato facile tenermi a bada. È passato comunque tanto tempo da allora (si parla del 2011), sono cresciuto e migliorato sotto tutti gli aspetti morali”. Matera ha ammesso che una delle cose che gli ha creato maggior dispiacere è stato l’attacco subito dalla sua famiglia, coinvolta nonostante non avesse colpe nella cosa, ma ora il capitano argentino considera il caso chiuso: “La cosa più importante per me è sapere di avere sbagliato. Oggi chiedo perdono e vado avanti, basta così”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

“Il Giappone dovrebbe far parte del Rugby Championship”

Il terza linea Ben Gunter non ha dubbi sul livello raggiunto dalla squadra orientale, ormai pronta per sfidare le grandi dell'Emisfero Sud

26 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il ritorno in campo di Ma’a Nonu (e Hosea Gear) in un contesto unico tutto neozelandese

La leggenda degli All Blacks ha giocato in un match di Heartland Championship, divertendosi come un bambino il giorno di Natale...

19 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

L’infinito Ma’a Nonu torna in campo a 39 anni. E con lui un altro ex-All Black…

Sabato ci saranno due debutti molto particolari nell'Heartland Championship, con il centro che è tornato a una condizione...

14 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

La redenzione di Quade Cooper

Il mediano d'apertura racconta del suo ritorno fra i Wallabies e di come è stato tornare in campo a livello internazionale

11 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

All Blacks: il capitano Sam Cane è tornato in campo dopo sei mesi

Il terza linea ha giocato quasi un'ora in un match dell'Heartland Championship. Ecco la sintesi e le sue parole

9 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

In Nuova Zelanda sono preoccupati per la salute di Sam Cane

Le condizioni del terza linea sono sempre sotto la lente d'ingrandimento. Si solleva il tema dell'essere capitano

7 Ottobre 2021 Emisfero Sud