Autumn Nations Cup: il Galles torna a vincere, Georgia piegata

Partita avara di spettacolo, il Galles concretizza le poche occasioni avute e si rialza. Lelos positivi in difesa, ma non basta

Autumn Nations Cup: Liam Williams ha giocato estremo nel successo del Galles sulla Georgia - ph. Sebastiano Pessina

Autumn Nations Cup: Liam Williams ha giocato estremo nel successo del Galles sulla Georgia – ph. Sebastiano Pessina

Il sabato di Autumn Nations Cup si chiude a Llanelli, dove il Galles ospita la Georgia. Sfida chiave per i padroni di casa, che devono assolutamente interrompere una striscia di sei sconfitte consecutive, e al contempo per i caucasici che vogliono provare ad approfittare delle difficoltà avversarie per andare a caccia di una clamorosa sorpresa. Scelte diametralmente opposte quelle operate da due allenatori, con Pivac che da spazio a tanti giovani e tre debuttanti assoluti, due dei quali partono dall’inizio: Johnny Williams e James Botham, mentre Kieran Hardy parte dalla panchina. Levan Maisashvili opera cinque cambi rispetto alla sconfitta per 40 a 0 subita contro l’Inghilterra, e mette dentro tutto il meglio che ha a disposizione, come ad esempio Todua, Lobzhanidze, Bregvadze e Mikautadze.

Si parte sotto la pioggia del Parc Y Scarlets, con la curiosità di sapere che James Botham è nipote di una delle più grandi leggende inglesi, ma del cricket. Inoltre la TMO sarà Joy Neville, prima donna a svolgere questo ruolo in un test match di alto livello. Si parte con il Galles che indossa la divisa nera, e che sin da subito martella la Georgia nei suoi 22, ma nelle prime fasi di match non riesce a raccogliere macinato. Mette comunque pressione alla mischia dei Lelos, e proprio da un fischio guadagnato in chiusa arrivano i primi punti con un piazzato di Sheedy. Sotto la pioggia si continua con tanto possesso per i Dragoni, ma poco costrutto: al 20esimo arriva un lunghissimo multifase, fermato dal fallo di una difesa georgiana che dove non arriva col corpo ci mette l’indisciplina, tant’è l’arbitro Pearce deve subito spendersi con gli avvertimenti. È solo questione di tempo per la segnatura, che in effetti arriva al minuto 25: si parte da una mischia a ridosso dei 5 metri georgiani sulla destra, l’ovale viaggia fino all’out sinistro dove Rees-Zammit, all’esordio dal primo minuto, raccoglie e si tuffa in bandierina per i punti dell’8 a 0. Bravissimo poi Sheedy a piazzare da posizione estremamente angolata. Intorno alla mezz’ora la Georgia ha tre calci di punizione a favore in rapida sequenza, grazie ai quali si installa nella metà campo avversaria andandosi anche a giocare delle touche in posizione estremamente ravvicinata. La spinta in maul dei gallesi è però vincente al secondo tentativo, e Jake Ball riesce a mettere le mani sull’ovale ottenendo una mischia a favore. Gli ultimi minuti di tempo sono i più equilibrati, poco spettacolari ma sicuramente combattuti nella zona centrale del campo, coi Dragoni che hanno tutt’altro che la vita facile nell’attaccare la presente difesa ospite. A cronometro ampiamente rosso arriva un fallo a terra gallese, e Abzhandadze prova i pali dalla linea dei 10 metri, ma l’ovale si spegne a lato dell’acca. 10 a 0 dunque alla pausa lunga.

Leggi anche: Lo straordinario successo dell’Inghilterra contro l’Irlanda nel sabato londinese

In apertura di seconda frazione un placcaggio alto di Bregvadze offre a Sheedy la possibilità di allargare il divario, ma il suo destro dalla linea dei 10 non è preciso. I caucasici rispondono con un tenuto forzato da Nariashvili, e spostano il gioco nei 22 avversari. Ancora una volta però si schiantano contro il muro difensivo gallese perdendo l’ovale, e frustrano il bel lavoro fatto nei raggruppamenti a terra. Al 48esimo grossolano errore nella raccolta da parte georgiana e Dragoni con una touche nei 22 avversari, raccolta ma non concretizzata se non con il secondo piazzato di Sheedy che non può sbagliare da posizione centrale, e si sale sul 13 a 0. Si prosegue poi con un andazzo decisamente poco emozionante, e molto molto fisico. A farne le spese il capitano di giornata dei Dragoni Tipuric, che rimane a terra sui 22 dopo un colpo al volto subito da Saginadze al 55esimo. I consulti tra Pearce e la Neville durano parecchi minuti, e alla fine la sanzione emessa è un cartellino giallo per il terza linea caucasico, oltre all’uscita dal campo di Tipuric. La punizione viene tramutata in una touche a ridosso della meta, si passa poi per una decina di fasi che terminano con un avanti del subentrato Webb, e frustrano ancora una volta un attacco gallese troppo impreciso. Si entra così nell’ultimo quarto di gara con il tutto ancora formalmente in discussione, visto lo svantaggio non certo incolmabile per i georgiani, capaci di mettere anche in piedi delle azioni rapide con la cavalleria, ma poi più slegati in fase di sostegno ai compagni. Al 64esimo poi una mischia a introduzione ospite alle porte dei 22 gallesi viene accartocciata, col possesso che automaticamente torna a dei Dragoni che hanno decisamente retto l’impatto contro il temuto pack georgiano. Si continua a fare su e giù per il campo, da un’area dei 22 all’altra, senza sosta. Ma anche senza punti, dato che ci sono tantissimi errori a frustrare le manovre di entrambe le squadre, penalizzate anche dal pallone bagnato e dal campo scivoloso. La parola fine al match arriva al 75esimo, con quella che è l’azione più bella da parte dei gallesi: accelerazione di Johnny Williams, palla ben governata in superiorità sul lato sinistro del campo, e facile assist di Rees-Zammit all’interno per Webb, che si tuffa e schiaccia la seconda marcatura dei suoi. Sheedy non trova i pali e si resta sul 18 a 0, punteggio sul quale si chiude il match. Torna dunque a vincere il Galles, ma sicuramente non si può definire un successo convincente quello maturato contro la Georgia. Per i Lelos ci sono ancora 80 minuti senza segnare un punto in questa Autumn Nations Cup, ma una prova difensiva sicuramente molto solida e qualche spunto individuale dal quale ripartire nella difficile prosecuzione della manifestazione autunnale.

Leggi anche: Come seguire tutta la seconda giornata della Autumn Nations Cup

Il tabellino di Galles-Georgia 18-0, seconda giornata di Autumn Nations Cup

Galles: 15 Liam Williams, 14 Johnny McNicholl, 13 Nick Tompkins, 12 Johnny Williams, 11 Louis Rees-Zammit, 10 Callum Sheedy, 9 Kieran Hardy, 8 Aaron Wainwright, 7 Justin Tipuric (c), 6 James Botham, 5 Seb Davies, 4 Jake Ball, 3 Samson Lee, 2 Elliot Dee, 1 Wyn Jones
A disposizione: 16 Sam Parry, 17 Nicky Smith, 18 Leon Brown, 19 Cory Hill, 20 James Davies, 21 Rhys Webb, 22 Ioan Lloyd, 23 Jonah Holmes

Marcatori Galles:

Mete: Rees-Zammit (25’), Sheedy (75’)

Trasformazione: Sheedy (26’)

Calci piazzati: Sheedy (10’, 51’)

Georgia: 15. Lasha Khmaladze, 14. Akaki Tabutsadze, 13. Giorgi Kveseladze, 12. Merab Sharikadze (C), 11. Sandro Todua, 10. Tedo Abzhandadze, 9. Vasil Lobzhanidze; 8. Beka Gorgadze, 7. Beka Saginadze, 6. Otar Giorgadze, 5. Kote Mikautadze, 4. Grigor Kerdikoshvili, 3. Beka Gigashvili, 2. Jaba Bregvadze, 1. Mikheil Nariashvili.
A disposizione: 16. Giorgi Chkoidze, 17. Guram Gogichashvili, 18. Lexo Kaulashvili, 19. Lasha Jaiani, 20. Giorgi Tkhilaishvili, 21. Gela Aprasidze, 22. Demur Tapladze, 23. Tamaz Mchedlidze

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: “Mai visto un giocatore come Jonny May”

Eddie Jones parla dell'ala inglese e delle sue possibilità di diventare il miglior marcatore di sempre in Nazionale. Inoltre, un occhio già puntato ve...

23 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: il punto della situazione dopo la seconda giornata

Il torneo è a metà del guado: sei partite giocate, sei (o sette, dipende dalla presenza delle Fiji) ancora da giocare

23 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli highlights della seconda giornata di Autumn Nations Cup

Tutte le immagini e le mete delle tre partite del torneo

23 Novembre 2020 Foto e video
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: la Francia espugna Edimburgo. Scozia al tappeto 15-22

Decisiva la splendida meta di Vakatawa, in avvio di ripresa

22 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: Scozia-Francia assomiglia ad una semifinale

Se la selezione del Cardo vince a Murrayfield (kick-off alle 16.15), conquista l'atto conclusivo del torneo. Anche i transalpini, in caso di successo,...

22 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: l’Inghilterra difende e domina grazie a un Jonny May in più

L'Irlanda non riesce a mettere a frutto il tanto possesso, venendo costantemente respinta dagli inglesi. Finisce 18-7

21 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match