Autumn Nations Cup: un passo verso il futuro

Nelle scelte di Wayne Pivac, ma anche dei colleghi, si riflette un momento di transizione importante per tutti

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 20 Novembre 2020, 11:41

    Pivac dal suo insediamento si è da subito affidato allo zoccolo duro della squadra, pensando che sostituendosi a Gatland le cose sarebbero rimaste invariate, in realtà i fatti hanno dimostrato il contrario, voci di corridoio dicono che proprio c’è uno zoccolo duro dello spogliatoio che ancora non ha creato il giusto feeling con l allenatore neozelandese.
    Lasciando da parte i rumors e basandoci sulle prestazioni del campo, ci sono diversi giocatori che secondo me stanno più pensando alla tournee coi Lions piuttosto che all Autumn cup in essere. Penso ai vari AWJ, J. Davies, Halfpenny, giocatori ormai alla fine del loro ciclo sportivo e che tutto vorrebbero tranne un infortunio in questo momento della stagione.
    Pivac certe scelte seconde me doveva farle da subito, tipo mettere fuori gareth Davies che ha perso parecchio smalto negli ultimi tempi. Costruire qualcosa più a lungo termine in prospettiva mondiale, piuttosto che andare alla spasmodica ricerca della vitoria e dell apprezzamento pubblico.
    Quanto a Lawrence, lo tengo d occhio da un pò, ha tutte le caratteristiche per essere un crack mondiale e pure E Jones se n ‘è accorto…a Worcester sanno formare bene i giocatori, oggi tocca a Lawrence perchè a 13 c’è un bel buco da colmare, ma un occhio andrebbe dato anche al loro capitano, il 21 enne Ted Hill

  2. LiukMarc 20 Novembre 2020, 12:52

    Scozia che nel suo “piccolo” ha avuto comunque un ricambio importante – via titolari come Laidlaw, Barclay, Seymour – però come giustamente dice l’articolo, aveva già inserito in gruppo un bel mucchio di poco-più-che-ventenni negli anni scorsi, quindi avere Price e Horne, Russell e Hastings, Graham e Kinghorn sono cose già assodate.

  3. mic.vit 20 Novembre 2020, 13:52

    e poi ci siamo noi…rinnovanti tradizionalisti o tradizionanti rinnovalisti?

    • LiukMarc 20 Novembre 2020, 16:56

      Di sicuro son tre generazioni che “puntiamo sui giovani”, direi che siamo “tradizionalmente rinnovatori” 🙂

Lascia un commento

item-thumbnail

Irlanda: i convocati verdi per i test estivi, con 11 possibili esordienti

Mancano ovviamente i Lions, ed alcuni veterani di rilievo come Sexton, a cui è stata concesso una finestra di riposo

item-thumbnail

Australia: i convocati per la serie con la Francia

Sono 38 i giocatori scelti da Dave Rennie per Australia-Francia, con tanti giovani e una struttura di esperienza a fare da contraltare

13 Giugno 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Inghilterra: i 34 convocati per lavorare in vista dei test match estivi

Sono ben 21 i potenziali esordienti nel primo gruppo di lavoro selezionato da Eddie Jones per le sfide a USA e Canada

item-thumbnail

Mornè Steyn, rileggiamo la carriera di un mito del rugby mondiale

Contro i Lions potrebbe tornare a vestire la maglia degli Springboks uno dei più grandi giocatori degli ultimi 20 anni

item-thumbnail

Il calendario ufficiale di tutti i test match estivi del 2021

Dal prossimo 26 giugno al 18 luglio saranno ben 23 le partite ufficiali a livello internazionale distribuite tra i due emisferi