La meta dell’anno è stata segnata in National Rugby League

Un’azione perfetta chiusa con un gesto tecnico che racchiude atletismo, improvvisazione e qualità

Nella National Rugby League è stata messa a segno quella che tutti ritengono essere “La meta dell’Anno”

All’improvviso un lampo. In quella che è stata la mattinata italiana e la corrispondente serata australiana arriva “La meta dell’anno”. A firmala è Xavier Coates nella National Rugby League.

Il match è quello che si è chiuso pochi minuti fa e che ha visto sfidarsi all’ANZ Stadium di Sydney i Blues (New South Wales) e i Maroons (Queensland), con i primi capaci di imporsi per 34-10.

Ad aprire il match però è stata la meta messa a segno proprio da Coates, per gli ospiti, con un movimento clamoroso – alla bandierina – che ha finalizzato un’azione alla mano di pregevole fattura.

Guarda anche, I Crusaders hanno segnato quella che diventerà la meta dell’estate?

Per evitare il placcaggio dell’avversario, l’ala classe 1995 compie letteralmente un tuffo in avanti – sempre col possesso dell’ovale ben saldo nelle mani – inarcando però contemporaneamente il corpo in verticale arrivando così a togliersi sia dalla morsa del tentativo disperato del difensore di recuperare sia dalla possibilità di andare concludere il suo gesto tecnico fuori, vanificando così tutta la dinamica del multifase.

Vedere per credere: La meta dell’anno è stata segnata in National Rugby League

Qui sotto invece potete ammirare il gesto di Xavier Coates in slow-motion

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Australia: le parole di Dave Rennie dopo il licenziamento

Tanto dispiacere per il tecnico: "Avrei voluto finire quest'avventura in maniera diversa"

18 Gennaio 2023 Emisfero Sud
item-thumbnail

Richie Mo’Unga lascerà gli All Blacks dopo il Mondiale: andrà in Giappone

Dopo la Coppa del Mondo si chiuderà l'avventura internazionale del mediano d'apertura, che ha già firmato con Tokyo

26 Dicembre 2022 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

La SLAR cambia: nasce il Super Rugby Americas

Sette squadre da 6 paesi diversi, dentro anche una franchigia statunitense

24 Dicembre 2022 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Kurtley Beale si racconta: “I miei problemi con l’alcol e la riabilitazione. Voglio andare al Mondiale”

L'australiano ha raccontato la sua storia nella produzione di Stan Sport "Kurtley: My Story"

15 Dicembre 2022 Emisfero Sud
item-thumbnail

Patsy Reddy sarà presidente di New Zealand Rugby. Prima donna a capo di una federazione di World Rugby

L'ex governatrice generale della Nuova Zelanda salirà al comando del rugby nazionale dal 1 febbraio 2023

9 Dicembre 2022 Emisfero Sud
item-thumbnail

Sbu Nkosi è stato ritrovato: sta bene, ma ha fatto capire di avere problemi di salute mentale

L'ala sudafricana ha parlato del periodo che ha vissuto

6 Dicembre 2022 Emisfero Sud