I genitori di Maxime Mbandà ricoverati per Covid

Mamma e papà del terza linea delle Zebre e della Nazionale sono in ospedale per il coronavirus

Maxime Mbandà - ph. S Pessina

Maxime Mbandà – ph. S Pessina

Il suo impegno durante la prima ondata della pandemia gli è valso due meritati riconoscimenti: il Premio del Presidente, assegnatogli dal PRO14 qualche giorno fa, e soprattutto il titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana conferitogli il 2 giugno scorso dal Presidente Mattarella. A causa degli impegni con la Nazionale, Maxime Mbandà ha però preferito non partecipare alla cerimonia di premiazione, tenutasi al Quirinale lo scorso 20 ottobre, proprio per non rompere “la bolla” del raduno azzurro in vista delle due partite di recupero del Sei Nazioni 2020.

Dopo la partita con l’Inghilterra della scorso fine settimana all’Olimpico, in cui Maxime è sceso in campo negli ultimi minuti, ha appreso la notizia della positività al Covid di entrambi i genitori che sono ora ricoverati in ospedale. A renderlo noto, tre giorni fa, è stata la stessa terza linea delle Zebre e della nazionale attraverso un post sui social corredato da un foto nera, con un testo che non possiamo non condividere (in tutti i sensi):

“Perché sono i miei genitori.
Perché ho sempre sperato di non trovarmi in questa situazione.
Perché non se lo meritano, come non lo merita nessuno.
Perché posso chiamarli per massimo un minuto ogni tot ore per non peggiorare la situazione.
Perché toglie il respiro a loro dentro ma anche a me che sono fuori.
Perché non posso stare lì con loro.
Perché sono impotente.
Perché in questo momento vorrei esserci io al posto loro.
Perché l’uomo è tanto intelligente quanto stupido.
Perché se ti dicono di tenere questa cazzo di mascherina e di rispettare il distanziamento non è per farti lamentare di quanto tutto questo sia fastidioso ma è per salvare chi ti sta intorno.
Perché c’è ancora gente che pensa che tutto questo sia una finzione.
Perché è sempre stato così: se non vedi non credi.
Perché finché non lo provi sulla tua pelle o su quella dei tuoi cari non ti rendi conto.
Perché la vita è una.
Perché dovevo giocare contro l’Inghilterra e non volevano farmi preoccupare.
Perché vorrei tornare indietro nel tempo.
Perché il mio sogno da bambino era quello di inventare qualcosa che li facesse vivere per sempre.
Perché non c’è cosa al Mondo per me più importante della mia famiglia.
Perché ti accorgi che da un giorno all’altro, in un istante, la tua vita possa essere sconvolta.
Perché non mi è rimasto altro che aggrapparmi ad un telefono e sperare. ”

Oggi, un secondo post con uno screenshot di una videochiamata tra Maxime, la mamma e il papà che recita: “Sicuramente non la migliore delle foto di famiglia…Ma la famiglia Mbandà non molla! Grazie a tutti per i messaggi di affetto.” Un abbraccio (virtuale) e un augurio perché tutto possa risolversi per il meglio che ci teniamo fortissimamente a mandargli anche tutti noi di Onrugby.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Raccontare lo sport nel 2021: il filo conduttore di un libro unisce vecchio e nuovo giornalismo

Nel suo saggio, Francesco Palma analizza le nuove frontiere della comunicazione sportiva e prova a tracciare una strada per il futuro del giornalismo.

2 Agosto 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Il giocatore dei Lions preferito da Warren Gatland

Ed è una mezza sorpresa, visto quanto accaduto in passato

30 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Greenpeace contro gli All Blacks: critiche per il nuovo sponsor

La federazione neozelandese ha annunciato un accordo di partnership con la multinazionale petrolchimica Ineos

28 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Perché il rugby italiano è così com’è

I fattori che determinano forza e ampiezza di un movimento, sono tanti e complessi. Abbiamo provato ad analizzarli

27 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Leggende metropolitane del rugby italiano: i contributi del CONI

Una rubrica per sfatare i falsi miti che circolano nel web ovale

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rassie Erasmus e il presunto profilo falso

Il Director of Rugby del Sudafrica ha aizzato la polemica sui social dopo alcuni episodi avvenuti nel match di Sabato, usando anche metodi poco ortodo...

26 Luglio 2021 Terzo tempo