Maxime Mbandà insignito del Premio del Presidente dal Guinness Pro14

Il flanker delle Zebre e della Nazionale italiana ha ricevuto un’importante riconoscimento dal torneo celtico

Maxime Mbandà col Premio del Presidente assegnatogli dal Pro14 Photo by Seb Daly/Sportsfile

Maxime Mbandà col Premio del Presidente assegnatogli dal Pro14 Photo by Seb Daly/Sportsfile

Il Guinness Pro14 ha insignito Maxime Mbandà di un importantissimo riconoscimento: al flanker delle Zebre e della Nazionale azzurra è infatti andato il Premio del Presidente, in seguito al suo impegno come volontario presso la Croce Gialla di Parma all’apice della la pandemia da Covid-19. Questo è solo l’ultimo dei riconoscimenti ottenuti da Maxime Mbandà, che la scorsa settimana ha anche ricevuto l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il giocatore italiano non si è però recato personalmente a Roma per la consegna, scegliendo di rimanere all’interno della “bolla” azzurra per la conclusione del 6 Nazioni e l’Autumn Nations Cup.

Leggi anche: Maxime Mbandà ha ricevuto l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito (non in presenza)

Il premio del Presidente del Guinness Pro14 è stato precedentemente conferito in riconoscimento di meriti individuali nel gioco de rugby, ma le disinteressate azioni di Maxime nell’interesse della comunità incarnano lo spirito che il premio si prefigge di onorare.

Dominic McKay, Presidente del Guinness PRO14, ha dichiarato: “Il coraggio e l’impegno mostrati da Maxime quando il mondo iniziava a fronteggiare la pandemia sono stati incredibili. Diamo credito ai giocatori per il loro coraggio sul campo, ma speriamo sempre che le loro esperienze in ambito sportivo potenzino la loro capacità di impattare in modo positivo anche al di fuori di esso. Durante la pandemia abbiamo visto molti nostri giocatori, attuali e del passato, mettere a disposizione il proprio tempo a sostegno delle loro comunità e contribuire nell’affrontare uniti la pandemia. Quanto fatto da Maxime con la Croce Gialla in Italia va oltre lo sport e mostra quella leadership silenziosa fondamentale in ogni ambito della vita. Confido che tutto il rugby italiano e la comunità del nostro grande torneo siano orgogliosi delle azioni di Maxime”.

Il flanker azzurro avrà ancora più carica nel preparare il match Italia-Inghilterra di sabato, recupero dell’ultima giornata del 6 Nazioni 2020, per il quale è stato convocato da Franco Smith.

Italia-Inghilterra (sabato 31 ottobre, ore 17.45), e tutti gli altri recuperi del Sei Nazioni 2020, oltre che su DMAX e DPlay saranno visibili anche in diretta streaming su OnRugby. Quindici minuti prima del calcio d’inizio troverei in homepage la notizia contente il player per poter vedere la/le diretta.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton, Hame Faiva: “Finalmente rientro in campo”

Il tallonatore, convocato anche con la Nazionale "A", sta per chiudere il suo lungo stop dovuto all'infortunio al ginocchio

item-thumbnail

Benetton e Zebre: una giornata tra ombre e luci

Uno sguardo al weekend delle italiane, che hanno raccolto meno di quanto avrebbero potuto ottenere

18 Ottobre 2021 United Rugby Championship
item-thumbnail

Benetton, Negri e Menoncello post-partita: «Delusi, ma il gruppo ha carattere»

Le parole di due protagonisti del match contro gli Ospreys

item-thumbnail

URC: i risultati della quarta giornata. Ulster in testa, il Benetton resta in zona playoff

Le irlandesi allungano ancora, Edimburgo vince tra le polemiche e il Benetton resta attaccato alla zona playoff

17 Ottobre 2021 United Rugby Championship
item-thumbnail

Zebre, Bradley: “Contro Glasgow create molte opportunità, risultato deludente”

Michael Bradely si dice deluso per il risultato del match contro Glasgow Warriors di sabato, ma guarda avanti con ottimismo verso il futuro.

item-thumbnail

Video, URC: gli highlights di Benetton-Ospreys

Altalena emozionale a Monigo, con i gallesi chela spuntano nel finale