Sei Nazioni: la formazione della Scozia che fa visita al Galles

Due grandi ritorni: quello di Hogg come capitano e quello di Russell come apertura titolare

Sei Nazioni_finn russell_Scozia

Finn Russell tornerà in campo da titolare nel recupero di questo Sei Nazioni – ph. Sebastiano Pessina

E’ una Scozia dai grandi ritorni quella che si prepara a fare visita al Galles in uno dei tre recuperi in programma relativamente alla quinta giornata del Sei Nazioni 2020.

Gregor Townsend infatti, head coach della Nazionale del Cardo, ha scelto di affidarsi in larga parte a giocatori con grande esperienza in vista del duello coi “Dragoni”, che si terrà sabato dalle ore 15 italiane (diretta tv su DMAX e in streaming su Onrugby) al Parc y Scarlets di Llanelli.

Fra i trequarti Stuart Hogg, a cui sono affidati i gradi di capitano, ricoprirà il ruolo di estremo avendo ai suoi lati due ali come Graham e Kinghorn e davanti a lui una coppia di centri costituita da Harris e Lang, con la cerniera mediana composta dal rientrante Finn Russell e Ali Price.

Fra gli avanti invece la prima linea vedrà scendere in campo il terzetto Sutherland-Brown-Fagerson, con il duo Cummings-Gray in “sala macchine” e la combinazione Ritchie-Thomson-Watson negli spot da flanker e numero 8.

In panchina, chiamati a dare il loro apporto a partita in corso, vi saranno infine 5 avanti 3 trequarti: McInally, Kebble, Berghan, Toolis, Cornell du Preez e Steele, Hastings e Duhan van der Merwe.

Sei Nazioni: il XV del Galles per la sfida alla Scozia

“E’ fantastico poter inserire nella propria formazione elementi di esperienza come Stuart (Hogg), Finn (Russell) e Jonny (Gray). Siamo contenti anche di quello che ha fatto Blade Thomson nelle ultime settimane, visto che Matt Fagerson ha subito un infortunio e non sarà disponibile”.

“Col Galles ci aspettiamo una battaglia fisica, una partita che chiuda questo lungo Sei Nazioni dandoci l’opportunità di arrivare pronti e con grande fiducia verso l’Autumn Nations Cup”.

Scozia 15 Stuart Hogg (c), 14 Darcy Graham, 13 Chris Harris, 12 James Lang, 11 Blair Kinghorn, 10 Finn Russell, 9 Ali Price, 8 Blade Thomson, 7 Hamish Watson, 6 Jamie Ritchie, 5 Jonny Gray, 4 Scott Cummings, 3 Zander Fagerson, 2 Fraser Brown, 1 Rory Sutherland
A disposizione:16 Stuart McInally, 17 Oli Kebble, 18 Simon Berghan, 19 Ben Toolis, 20 Cornell du Preez, 21 Scott Steele, 22 Adam Hastings, 23 Duhan van der Merwe

Italia-Inghilterra (sabato 31 ottobre, ore 17.45), e tutti gli altri recuperi del Sei Nazioni 2020, oltre che su DMAX e DPlay saranno visibili anche in diretta streaming su OnRugby. Quindici minuti prima del calcio d’inizio troverei in homepage la notizia contente il player per poter vedere la/le diretta.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni, si pensa a un cambiamento: disputare tutti gli incontri il sabato

In futuro potrebbero non esserci più partite al venerdì sera e alla domenica

10 Luglio 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra