Una danza di guerra così non l’avete mai vista nel rugby

Nell’All Star Game della NRL due esecuzioni incredibili da parte degli aborigeni e dei maori. Una forza espressiva difficilmente raggiungibile altrove

La danza di guerra degli aborigeni australiani

La danza di guerra degli aborigeni australiani

Tante volte su queste pagine abbiamo raccontato o mostrato dei video di danze di guerra (in particolare la haka) che vengono eseguite prima dei match dai giocatori neozelandesi o del Pacifico. Quanto successo in Australia nello scorso febbraio è però assolutamente incredibile e non può non essere raccontato. Partiamo dal contesto: era il 22 febbraio e al Cbus Super Stadium di Gold Coast, nel Queensland si è giocato l’All Star Match della NRL, la massima lega australiana (e anche mondiale) di rugby a XIII. La sfida, come da nove anni a questa parte, metteva di fronte le Indigenous All Star, dunque giocatori di origine aborigena, e i Maori All Star, ed è facile intuire da dove arrivano.

Già prima della sfida c’era stata grande maretta riguardo l’esecuzione dell’inno australiano Advance Australia Fair. Diversi giocatori aborigeni avevano infatti avviato una battaglia contro l’inno ufficiale australiano, dicendo di non riconoscersi in esso per tutto quello che nei secoli è stato perpetrato ai danni della popolazione indigena. Prima della partita infatti è stato rispettato un minuto di silenzio per ricordare la “stolen generation”, cioè quella terribile pratica di allontanare i bambini aborigeni dalle loro famiglie d’origine, durata oltre un secolo a cavallo tra 1870 e 1970.

Leggi anche: Sonny Bill Williams torna a giocare in NRL con i Sydney Roosters

Latrell Mitchell, una star assoluta della NRL, si è fatto capofila delle richieste alla federazione aussie per non eseguire Advance Australia Fair prima del match, e lui ed altri compagni già in precedenti occasioni non avevano cantato l’inno, ad esempio durante le sfide dello State of Origin degli anni precedenti. Non sentendosi rappresentati, gli aborigeni hanno così ottenuto che l’inno australiano non venisse eseguito, e lo stesso hanno raccolto i Maori All Star, che per solidarietà con i compagni di gioco hanno scelto di non far suonare God Defend New Zealand.

La cosa incredibile è quello che è successo prima del match, quando Maori e aborigeni hanno eseguito due danze di guerra semplicemente mai viste. Guardare per credere, ecco cos’è successo  all’AllStar Match della NRL lo scorso febbraio:

Vi proponiamo anche gli highlights della partita, senza anticipare il risultato per chi volesse gustarsi le giocate più belle:

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: tonfo del Benetton, Tolosa sempre in vetta

I Leoni, complici le due sconfitte in URC, scendono nella classifica guidata dai rossoneri. Il Bordeaux di Mori spicca il volo, scende Montpellier

19 Ottobre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Quando i Dragoni rimasero senza fiato

I tour europei nell'emisfero sud di oggi non sono più quelli di un tempo. Per referenze chiedere al Galles. E pure a qualcun altro.

16 Ottobre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto del weekend del 15 e 16 ottobre

Tre partite del Top10 e due dello United Rugby Championship da seguire sugli schermi italiani, ecco il programma completo

14 Ottobre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in tv: i 20 test match che Sky Sport trasmetterà tra ottobre e novembre

Dalle tre partite dell'Italia a dei grandi duelli come Francia-Nuova Zelanda o Inghilterra-Sudafrica: sarà un mese a tutto rugby

14 Ottobre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Insulti razzisti a Koulibaly. Maxime Mbandà: «Siamo stanchi»

In seguito al vergognoso episodio di razzismo subito dal giocatore del Napoli il terza linea azzurro lancia un forte messaggio sui social

10 Ottobre 2021 Terzo tempo