Giappone e Fiji: perchè entrano loro nell’8 Nazioni?

Dietro la scelta della rappresentativa nipponica e di quella isolana

Giappone e Fiji

Giappone e Fiji saranno al via del prossimo 8 Nazioni ph. Sebastiano Pessina

Giappone e Fiji nell’8 Nazioni che, manca ancora l’ufficialità piena, dovrebbe iniziare nel prossimo autunno. Ma perchè proprio loro e non altre squadre? Una domanda che trova risposte in alcune considerazioni di carattere sportivo ed economico. Andiamo quindi a “fare” la singola tara di ognuna delle due rappresentative.

Giappone
Si è vociferato più di una volta che i nipponici siano stati vicini all’ingresso nel Rugby Championship, ma questo non è mai successo. Fatta questa premessa, è doveroso – quando si parla dei Brave Blossoms – pensare al recente passato e al futuro della nazionale del Sol Levante.

Competitività, attrattività economica, gestione logistica: queste le tre parole d’ordine. La Rugby World Cup 2019 è stato un punto di svolta, impossibile negarlo. Il Giappone ha mostrato a tutti di essere una formazione in grado di poter battagliare, e anche vincere, contro le migliori nazioni del mondo (ricordiamo le affermazioni contro Irlanda e Scozia, che fra l’altro hanno fatto seguito alla storico successo del 2015 contro il Sudafrica) aprendo contestualmente le porte a un mercato – per certi versi – ancora tutto da esplorare. Oltre a questo, non va dimenticato che la stagione giapponese, a differenza di Australia e Nuova Zelanda, non è mai partita e questo ha reso tutto “più facile” per certi versi visto che non ci saranno contratti da interrompere o franchigie restie a liberare giocatori.

Qualcuno si era chiesto il perchè del Giappone, che arriverà comunque da migliaia di chilometri di distanza, e la mancanza della Georgia: eccone spiegati i motivi.

Leggi anche, Il calendario azzurro dell’autunno prende sempre più forma: “8 Nazioni” in vista

Fiji
Le nazionali isolane sono da sempre formazioni che affascinano chi segue il rugby, sia in modo abituale sia da neofita. In tanti in passato, sia nell’Emisfero Nord che in quello Sud, avevano espresso la volontà di testarsi molto di più contro queste squadre e allora, visto che All Blacks, Wallabies, Pumas e Springboks hanno deciso di rimanere nelle loro basi per organizzare il Rugby Championship, quale miglior occasione per un invito del genere, considerando anche l’elevato numero di giocatori fijiani già presenti nel Vecchio Continente?

Con loro in campo lo spettacolo sarà assicurato in impianti, questo va sottolineato, che quasi sicuramente potranno ospitare un pubblico ridotto.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions: una nuova ipotesi. La serie contro il Sudafrica può disputarsi in Australia?

Un'idea suggestiva che potrebbe incontrare anche il gradimento delle parti

2 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dai British & Irish Lions 2009 ai British & Irish Lions 2021: il punto di vista di Peter de Villiers

Non solo ricordi legati alle partite, ma anche a tutto l'indotto portato dalla selezione d'oltremanica

26 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Rassie Erasmus: “Pur di giocare contro i Lions siamo disposti a qualsiasi cosa”

Il responsabile tecnico degli Springboks esprime il suo punto di vista sulla vicenda

18 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

British & Irish Lions: petizione popolare, con richiesta di rinvio del tour al 2022

I tifosi si schierano dalla parte della storia itinerante della selezione, senza dimenticare l'indotto turistico sudafricano

13 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Joel Stransky: “Cancellare il tour dei Lions sarebbe un disastro”

Lo storico numero 10 degli Springboks vede un futuro nero per l'atteso scontro tra Sudafrica e Lions

item-thumbnail

British & Irish Lions: e se il Tour del 2021 contro il Sudafrica si disputasse “in casa”?

La clamorosa ipotesi è al vaglio: da valutare ci sono incastri economici, logistici, sanitari, finanziari e tecnici