Tanti auguri Marco Bortolami!

Uno degli otto centurioni dell’Italrugby spegne 40 candeline. Ripercorriamo la sua carriera e rivediamo una chicca di 18 anni fa…

ph. Sebastiano Pessina

Il più giovane capitano azzurro della storia entra negli …anta e si porta con se tanti ricordi della sua lunga carriera ovale. Tanti auguri dunque a Marco Bortolami, seconda linea ma soprattutto primo leader di praticamente tutte le squadre nelle quali ha giocato. Nato a Padova e cresciuto nel Petrarca, ha debuttato in Nazionale nel tour estivo del 2001 sotto la guida di Brad Johnstone: era il 23 giugno e gli azzurri batterono 49-24 la Namibia a Windohek, e quello fu solo l’inizio di una grande carriera in nazionale. Nemmeno un anno più tardi, l’8 giugno, ad Hamilton, Marco Bortolami fu scelto come capitano dell’Italia che sfidò gli All Blacks. Nel giorno del debutto di Sergio Parisse, gli azzurri persero 61-10 ma l’unica meta nostrana fu proprio sua con una grande sgroppata dopo un intercetto. Tre Coppe del Mondo (2003/2007/2011), 51 caps nel 6 Nazioni, ma soprattutto 112 con la Nazionale dei quali 39 da capitano, prima di passare nel 2007 i gradi a Sergio Parisse.

Leggi anche: Il rugby neozelandese visto da Marco Bortolami

A livello di club è rimasto ai massimi livelli per 17 stagioni, dal 1999 al 2016. Dopo Padova scelse di andare all’estero e rimase due anni a Narbonne (squadra che attualmente è in Federale 1, ma dal 2004 al 2006 era nel Top 14), quindi quattro stagioni a Gloucester. Con i Cherry and whites divenne capitano nella stagione 2007/08, e sfiorò la vittoria nella Premiership l’anno precedente, fermato solamente in finale dai Leicester Tigers. Nel 2010 poi è tornato in Italia, complice l’ingresso degli Aironi nell’allora Pro12, ed è rimasto nell’orbita celtica fino al suo ritiro del 2016, dopo aver disputato le ultime quattro stagioni con le Zebre.

Chiusa la carriera sul campo da gioco come giocatore, è iniziata quella da tecnico specializzato, e da ormai quattro anni è l’allenatore della mischia di Treviso. Tanti auguri Marco, rivediamo la meta nella sfida con gli All Blacks del 2002. Quel match non fu trasmesso dalla tv italiana (ci fu solo una futuristica diretta testuale dalla Nuova Zelanda sul sito FIR) dunque per qualche lettore potrebbe essere una prima visione:

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugbymen: quando la partita non finisce al triplice fischio dell’arbitro

Nuova appuntamento con l'implacabile ironia del Paillar Athletic Club la squadra di rugby più squinternata di ovalia

14 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

I Pumas che rovinarono la festa alla Francia

Il cammino dei francesi alla Rugby World Cup del 2007 era già stato disegnato nei minimi dettagli. E, come tutte le cose già progettate, non andrà com...

14 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

European Onrugby Ranking: gli Exeter Chiefs irrompono sul podio. Benetton, leggero passo indietro

Balzi in avanti Glasgow Warriors e Pau. Stabili le Zebre

11 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dal 10 all’11 giugno

Partite in diretta dalla Rainbow Cup e dal Super Rugby TransTasman, che chiudono le loro regular season e si preparano alle finali

10 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Waikato, quando i Lions inciamparono su una fucina di talenti

Piccola storia di un club erroneamente sottovalutato dai Lions, ma che alla storia del rugby ha dato tanto. Soprattutto in panchina.

7 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Gareth Steenson, nemo propheta in patria

Un giorno l'Ulster decise di non puntare sull'ex numero 10 della Nazionale under 21 irlandese. Gareth Steenson, però, non si è perso d'animo.

6 Giugno 2021 Terzo tempo