Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

(Photo by FRANCK FIFE / AFP)

Nella Francia ovale da qualche giorno ormai non si parla d’altro da giorni: perchè Jefferson Poirot, a soli 27 anni, ha deciso di ritirarsi dall’attività internazionale?

Un punto di vista diverso – per certi versi privilegiato – lo offre Fabien Galthié, attuale ct della nazionale d’Oltralpe che parlando all’Equipe ha detto: “Mi ha spiegato i motivi della sua scelta e, visto il momento che stiamo attraversando, posso capirlo. Gli ho detto – continua nel suo riferimento al pilone sinistro – di valutare tutto con attenzione e misura, anche perchè questo sarebbe potuto ricadere sia sulla sua carriera sia sulla sua vita”.

“Personalmente non è una decisione che in assoluto mi abbia sorpreso. In passato ho vissuto il caso di Pieter De Villiers, che dopo la Rugby World Cup 2007 venne da me e mi disse che avrebbe smesso di giocare. Quella dei piloni è una posizione delicata rispetto alle altre: se non si è al 100% col fisico a livello internazionale si è in pericolo, perchè gli scontri che si presentano sono tutti dei faccia a faccia”.

Infine conclude: “Io non ho chiuso la porta in faccia a nessuno, ho solo insistito per spingerlo a prendere la decisione valutando tutti gli elementi della vicenda. Comprendo il suo pensiero: se vorrà ritornare dovrà intraprendere un percorso fisico e di ritmo che gli consenta di rimanere sulla scena planetaria. Ne abbiamo parlato insieme: la sua decisione non deve rappresentare un vicolo cieco, ci dev’essere sempre la possibilità di una porta aperta. Con questa scelta di certo, posso dire, che Jefferson si è dimostrato onesto con sè stesso e ciò è molto importante”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions, Gatland: “Farrell e Itoje in Championship? Nessun problema”

L'allenatore fa il punto della situazione a un anno dal tour e fa sapere che potrebbe esserci un nuovo membro nello staff tecnico

item-thumbnail

Chris Robshaw: la depressione e il ruolo di Conor O’Shea

Il giocatore inglese torna sul post Rugby World Cup 2015 ricordando quei tristi momenti

item-thumbnail

Giappone e Fiji: perchè entrano loro nell’8 Nazioni?

Dietro la scelta della rappresentativa nipponica e di quella isolana

item-thumbnail

British & Irish Lions: il XV di Brian O’Driscoll per il tour 2021 in Sudafrica

Il totem irlandese ha scelto la sua formazione ideale in vista della sfida agli Springboks

item-thumbnail

Rugby Championship o Test Match? Il Sudafrica ha scelto

La federazione dei campioni del mondo ha espresso la sua posizione per il futuro internazionale

item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro