Ben Te’o saluta il mondo del rugby…a 15

Ex nazionale inglese e Lions, il centro nato in Nuova Zelanda torna alla sua prima passione in Australia e chiude il giro del mondo

Ben Te’o – Ph.Pessina

Stare dietro alla carriera ovale di Ben Te’o non è facile, ma serve provarci perché nelle ultime ore è ufficiale un altro cambio di rotta. L’ex nazionale inglese, e Lions, torna al suo primo codice, quello del Rugby League. Dopo aver giocato a Union negli ultimi sei anni il 33enne nato in Nuova Zelanda chiude la sua carriera a 15 per rituffarsi nel mondo del 13.

Leggi anche: Meglio il rugby a 15 o a 13? La sfida del 1996

Figlio di padre samoano e mamma inglese, Te’o a 17 anni si è trasferito in Australia e lì ha iniziato la sua carriera in NRL: West Tigers, Brisbane Broncos (con cui ha giocato le sfide dello State of Origins) e South Sydney fino al 2014, con anche una presenza nella nazionale di League di Samoa. Quindi lo sbarco in Europa, dove ha disputato due stagioni con Leinster e tre con Worcester, mettendosi in luce come straordinario atleta e centro molto solido, tanto da guadagnarsi dal 2016 la chiamata con la Nazionale inglese, con la quale diventerà poi titolare l’anno seguente. Nel 2017 poi c’è stata anche la selezione con i British and Irish Lions, con i quali ha giocato il primo test partendo con la maglia numero 12, a dimostrazione comunque di enormi qualità. Qualità che poi gli sono valse un contratto con Tolosa all’inizio della scorsa stagione prima del passaggio in Giappone per questo 2020, dove come sappiamo non c’è stato però alcun campionato.

Rimarranno dunque quelle con Tolosa le sue ultime partite nel Rugby Union, visto che nelle ultime ore Ben Te’o ha annunciato il suo ritorno al League e alla NRL: tornerà in quei Brisbane Broncos coi quali aveva già giocato dal 2009 al 2012.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Quattro Italiani all’estero titolari nel fine settimana di Top 14 e Premiership

Tra gli Azzurri in Top 14 e Premiership, Paolo Garbisi si prende la prima maglia da titolare con Tolone

20 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Pietro Ceccarelli: “Perpignan è un club magnifico, quando giochi qui c’è un’atmosfera folle”

Il pilone azzurro racconta il momento dei catalani e si prepara a sfidare la squadra di Ioane e Page-Relo

19 Aprile 2024 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Guai fuori e dentro il campo, ma Montpellier dà un’altra possibilità a Mohamed Haouas

L'avanti francese riparte dal club in cui è cresciuto dopo anni molto controversi

18 Aprile 2024 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Dan Biggar: “Voci sul mio ritiro? Ci sono abituato. Il 2023 è stato veramente difficile”

Il gallese parla di tutto quello che ha attraversato negli ultimi sei mesi

12 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Sir Clive Woodward critica l’approccio “arcaico” della RFU

L'ex allenatore dell'Inghilterra campione del mondo ha detto la sua sulle norme dell'eleggibilità della Nazionale

10 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Bill Sweeney, CEO della RFU: “Non cambieremo le regole per chi gioca all’estero”

La Federazione inglese vuole mantenere le regole attuali sull'eleggibilità di chi gioca fuori dalla Premieship

10 Aprile 2024 Emisfero Nord