Jonah Lomu: i retroscena legati al suo approdo ai Cardiff Blues

L’arrivo dell’ala neozelandese raccontato dai protagonisti dell’epoca: c’è anche un aneddoto legato al Calvisano

Questi giorni dove l’attività è ferma, sono i migliori per ricordare il rugby del passato. Ora immaginate di prendere una macchina del tempo che vi riporti indietro di circa quindici anni atterrando direttamente in Galles, nel 2005, quando i Cardiff Blues riuscirono a farsi un regalo clamoroso: mettere sotto contratto di Jonah Lomu. I protagonisti gallesi di quella vicenda, dopo tre lustri, hanno deciso di raccontare questa vicenda al WalesOnline.

Il mood
Gareth Edwards, leggenda del club (giocatore dei Blues dal 1966 al 1978) e della nazionale dei Dragoni affermò: “E’ come portare Maradona a giocare per noi”, una frase che resta scolpita nella memoria collettiva dei tifosi.

La trattativa
“Mi trovavo al St Andrews per il Dunhill Golf – afferma il presidente dell’epoca Peter Thomas – quando Bobby Norster, il nostro CEO all’epoca, mi telefonò dicendomi che Jonah Lomu era libero. Io gli dissi di chiudere la trattativa. Qualche giorno dopo, mentre una navetta ci portata al campo di Carnoustie, si sedette di fronte a me Sean Fitzpatrick che mi chiese informazioni su questo possibile rumors di mercato: gli confermai la cosa. Non mi prendo i meriti di questa cosa però, la persona davvero abile è stata Bobby Norster”.

L’esordio a Calvisano
L’ala neozelandese arrivò a Cardiff nel mese di novembre debuttando in Heineken Cup contro il Calvisano, in Italia a dicembre. A stupire però fu la gara di ritorno: l’Arms Park pieno addirittura un’ora prima dell’incontro, con 12.000 persone ad assieparlo, per la gara contro la compagine lombarda. Una cosa praticamente impensabile qualche mese prima.

Il punto di vista dell’allenatore
Trovarsi praticamente dall’oggi al domani in rosa un giocatore del carisma di Lomu, non dev’essere stato facile come spiega l’head coach dell’epoca Dai Young: “All’inizio vidi l’operazione con un po’ di scetticismo pensando più a un lato commerciale che ad altro, ma il management mi spiego tutto e mi rassicurò lasciandomi libertà tecnica nel scegliere se schierarlo o no.
Giocò 10 partite con noi andando in meta una volta, quando arrivò capimmo subito che non poteva più essere quello del passato, ma comunque un ottimo giocatore: era in pesoforma, iniziò a carburare, poi però arrivò l’infortunio alla caviglia che pose fine alla sua permanenza qui da noi. In quei mesi però fu una persona straordinaria: non faceva pesare agli altri la sua notorietà, si allenava con dedizione, consigliava e aiutava i giovani. Era un esempio. La sua etica e cultura del lavoro rimase fissata nelle nostre menti per tanto tempo e il nostro modo di allenarci ne trasse beneficio”.

L’incredulità di capitan Rhys Williams
A guidare i Cardiff Blues sul campo c’era come capitano l’estremo Rhys Williams, che a distanza di tempo racconta: “La prima volta che incontrai Jonah Lomu avevo 17 anni, ero in viaggio d’istruzione in Nuova Zelanda con la mia scuola: era enorme. Facemmo una foto, io avevo la mia divisa scolastica.
Poi un salto in avanti di otto anni, tutto d’un colpo, quando ci dissero che sarebbe arrivato per far parte della squadra. Fu come ritrovare un eroe della mia gioventù, paragonabile a Christian Cullen o Gareth Edwards.
Ero il suo capitano, ma per me era impossibile non pensare di essere un suo fan”.

L’eredità di Jonah
Tutti hanno accettato a distanza di anni di tornare a parlare di questa vicenda perchè Jonah Lomu, seppur per breve tempo, ha lasciato un’eredità importante a Cardiff. Le parole utilizzate da Dai Young sono probabilmente il simbolo più vivo del ricordo di una persona e di un campione che rimarrà per sempre nella memoria collettiva del rugby.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

45 anni fa, la prima storica espulsione di un giocatore dell’Inghilterra

Toccò a Mike Burton, in una sfida a Sydney contro i Wallabies

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rob Howley spiega cosa l’ha spinto al gioco d’azzardo

Da possibile allenatore dell'Italia alla cacciata dal mondo del rugby: ecco il motivo della caduta del gallese

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Benetton v Zebre, Pro12 2015/2016 & Irlanda v USA, RWC 2010

Due appuntamenti per il pomeriggio: derby combattuto a Monigo e sfida senza domani alla Coppa del Mondo femminile

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Dragons v Benetton, Pro12 2011/2012 & Italia v Tonga, RWC 1999

Due partite molto diverse, per ritmo, risultato, emozione e sentimento. Entrambe riproposte questa sera

30 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive, il programma completo: c’è Italia-Scozia 2000

Ma anche Italia-Tonga del 1999, Benetton-Zebre del 2016 e Benetton-Dragons del 2012

29 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Italia-Tonga del 1999 e derby celtico in arrivo

Ecco gli appuntamenti per il fine settimana. Emozioni a non finire con Inghilterra-Galles della RWC 2015

28 Maggio 2020 Terzo tempo