Scozia: Finn Russell e Gregor Townsend, prove di disgelo

L’apertura potrebbe tornare in nazionale. I rapporti col tecnico stanno migliorando

finn russell scozia

ph. Sebastiano Pessina

Quando l’ovale ricomincerà a prendersi la scena, la nazionale scozzese nel suo motore potrebbe tornare ad avere Finn Russell. E’ questa la notizia che arriva direttamente da Oltremanica, dove sono in corso le prove di disgelo caratteriale fra il mediano d’apertura e il tecnico Gregor Townsend.

Dopo l’allontanamento del trequarti, avvenuto nel mese di gennaio a poco più di una settimana dall’inizio del Sei Nazioni 2020, varie dichiarazioni sono state rilasciate sulla vicenda, con ognuna delle parti impegnata a tirare l’acqua al suo mulino. Ora però la situazione sembra essere mutata: “Dobbiamo venirci incontro entrambi – ha affermato a RugbyPass – ma penso che il livello di comprensione fra me è Gregor ora sia cambiato in meglio, ora siamo più vicini”.

La partita contro la Francia
C’è un segnale che fa capire che i rapporti fra la componente tecnica e il numero dieci stiano sensibilmente migliorando: Finn Russell infatti, nel giorni precedenti a Scozia-Francia (partita poi vinta dai Braveheart, ndr), ha avuto una videoriunione con lo staff di Townsend nel quale aiutava gli assistenti a preparare al meglio la sfida con i Bleus, vista la sua esperienza nel Top14 col Racing92: “Ho parlato sia con lo staff sia con Gregor: con lui avevamo stabilito che fosse comunque meglio che per l’ultima partita del Sei Nazioni non fossi convocato, in modo di aprire un nuovo capitolo nei successivi Test Match.
La soluzione migliore per tutti: quando potremo ricominciare, ci sentiremo e stabiliremo il da farsi. Sicuramente guardavamo all’estate, ma ora ci sono troppe cose da sistemare e da capire in una stagione non facile”.

Scozia: Townsend, Cockerill e Rennie si tagliano lo stipendio del 25%
In merito alla politica del taglio degli stipendi proseguono intanto le azioni da parte di molti dei protagonisti ovali. L’allenatore della nazionale e quelli delle franchigie scozzesi Edimburgo e Glasgow hanno deciso in maniera unitaria di decurtarsi il 25% dello stipendio dai loro accordi economici, mentre il CEO federale Mark Dodson si è tolto il 30% del salario.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Test Match: a Twickenham il Sudafrica supera il Galles 41-13

Cinque mete per i campioni del mondo in carica che travolgono i dragoni nel secondo tempo

item-thumbnail

L’Inghilterra maltratta il Giappone di Eddie Jones

Gli uomini di Borthwick segnano otto mete e si impongono con un netto 17-52

item-thumbnail

Galles: un giocatore lascia il ritiro volontariamente e Warren Gatland finisce al centro delle polemiche

Il tallonatore Sam Parry è andato via dal camp di allenamento perchè si è sentito non rispettato

item-thumbnail

Barbarians: l’ultima di Sam Whitelock e la reunion fra Gael Fickou e Virimi Vakatawa

La formazione del club a inviti per la gara contro le Fiji arbitrata da Gianluca Gnecchi

item-thumbnail

I convocati di Samoa per i test estivi contro Italia e Spagna

Diverse assenze tra i trequarti rispetto alla squadra della scorsa Rugby World Cup. Assente anche Jacob Umaga

item-thumbnail

Summer Series 2024: i convocati dell’Australia

Joe Schmidt ha chiamato 13 esordienti e Kurtley Beale