Harry Wilson è speciale, lo dicono due All Blacks

Il giovane numero 8 dei Reds ha ricevuto le lodi del proprio allenatore, Brad Thorn, ma anche di Scott Robertson

ph. JUAN MABROMATA / AFP

Scott Robertson, il capo allenatore dei Crusaders, ha vinto gli ultimi tre titoli del Super Rugby. Se non bastasse questo a dare un certo peso alle sue parole in ambito ovale, Razor ha anche conquistato più di 20 caps per gli All Blacks da giocatore, in terza linea.

Nel corso di un’intervista alla rete australiana Fox Sports, Robertson si è recentemente lasciato andare ad una insolita dichiarazione d’amore: “Mi sono ufficialmente innamorato di Harry Wilson – ha detto – Da ex numero 8 ammiro tantissimo la sua abilità e i suoi appoggi, è speciale.”

Non è cosa consueta che si sprechino lodi da un lato all’altro del mare di Tasman, ma che Harry Wilson, il terza centro classe 1999 dei Reds, abbia talento da vendere è ormai conclamato. Ha dovuto trattenersi dallo sperticarsi anche un altro All Black, che nel frattempo è anche il capo allenatore di Wilson.

“Con Harry devo essere prudente, perché lo alleno – ha dichiarato Thorn dopo la recente vittoria contro i Bulls nell’ultima giornata di Super Rugby – ma se fossi un commentatore o qualcos’altro sarebbe diverso perché è assolutamente un giocatore speciale.”

“Voglio che rimanga umile, che rimanga il ragazzo che è e che continui a fare quello che sta facendo, ma provando a vedere le cose dall’esterno, un ragazzo così giovane che arriva, diretto, gioca sette partite di fila in questo modo… sono nel giro da un po’, non ne ho visti molti capaci di una cosa del genere.”

E in effetti veder giocare Harry Wilson in questo inizio di stagione è davvero un piacere. Il ragazzo faceva già parte della rosa allargata dei Reds lo scorso anno, ma non è mai sceso in campo. Ha debuttato nel Super Rugby di quest’anno, disputando 504 dei 560 minuti in palio e segnando due mete contro i Brumbies e proprio contro i Crusaders di Robertson.

Il coach dei campioni in carica ha ragione quando nota le doti di mobilità del giocatore, che Wilson combina a un fisico comunque imponente con un quintale abbondante di muscoli montati su un metro e novantacinque.

Il numero 8 è stato una stella dei Junior Wallabies, la nazionale giovanile australiana che nelle classi 1999 e 2000 ha una nidiata su cui conta di costruire le sue prossime fortune. In più, nell’ultimo National Rugby Championship, il campionato domestico australiano disputato con Queensland, ha vinto il premio di Rising Star, la giovane stella del torneo.

Di lui si è già parlato anche per un coinvolgimento con la nazionale maggiore, in fase di ricostruzione dopo la chiusura del ciclo di Michael Cheika, ma il giovane si è affrettato a scacciare certi pensieri, dicendo in un’intervista di avere altro a cui pensare. E’ soltanto una questione di tempo, però, perché venga il suo tempo.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Super Rugby Aotearoa: il “Golden Point” per evitare i pareggi?

In Nuova Zelanda si sta ragionando sulla possibilità di introdurre una nuova norma nel torneo inedito alle porte

27 Maggio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Australia: Izack Rodda rifiuta il taglio dello stipendio, i Reds lo fermano

Medesima situazione anche per Isaac Lucas and Harry Hockings, giovani promesse della franchigia

19 Maggio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Beauden Barrett è più in forma che mai, a 7 mesi dall’ultima partita giocata

In allenamento, il fuoriclasse dei Blues ha riscritto alcuni record del team di Auckland

18 Maggio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Cosa sta succedendo in Sudafrica?

Du Toit, Marx ed altri elementi di rilievo potrebbero presto lasciare il paese

17 Maggio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Stranezze ovali: Ofa Tu’ungafasi e la sua particolare “Macchina per la mischia”

Il pilone degli All Blacks ha dato sfogo a tutta la sua immaginazione per continuare ad allenarsi

14 Maggio 2020 Foto e video
item-thumbnail

All Blacks: ora è ufficiale, Milner-Skudder è tornato. Giocherà con gli Highlanders

Insieme a lui potrebbe esserci ancora Ben Smith a far parte del roster della franchigia di Dunedin

13 Maggio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby