Sei Nazioni 2020, Galles: guarda chi si rivede nel XV per Twickenham

Liam Williams e Josh Navidi subito in campo contro l’Inghilterra al rientro dai rispettivi infortuni

Liam Williams - Galles

Liam Williams – Galles – ph. Sebastiano Pessina

Liam Williams e Josh Navidi ritrovano la maglia del Galles al rientro dai rispettivi infortuni. Wayne Pivac ha diramato la formazione ufficiale per la sfida di Twickenham contro l’Inghilterra di sabato 7 marzo, e, al di là dei 4 cambi rispetto all’ultima uscita, sono diverse le sorpresa.

Williams, 62 caps, è sceso in campo per l’ultima volta durante la Rugby World Cup in Giappone. Da allora l’estremo, che ha da poco lasciato i Saracens per rientrare agli Scarlets, non ha più disputato nessuna competizione: rientrerà sabato nel ruolo di ala, al posto dell’infortunato Josh Adams, ricostruendo un triangolo allargato di grandissima esperienza con Leigh Halfpenny e George North, anch’egli recuperato dopo la concussion dell’ultimo turno di Sei Nazioni.

Leggi anche: Sei Nazioni 2020: la formazione dell’Inghilterra che riceve il Galles

Navidi, 23 caps, farà il suo esordio nell’edizione annuale del Torneo, dopo che un infortunio lo aveva fermato alla vigilia dello stesso. Completa un terza linea che vede confermati ai suoi fianchi Justin Tipuric e Ross Moriarty, che sarà ancora il blindside flanker della squadra.

Non sono però solo Williams e Navidi i due redivivi in formazione: si temeva che Dan Biggar non potesse essere della partita dopo il brutto colpo subito con i Northampton Saints in campionato, quando era dovuto uscire per uno scontro aereo nel match contro i Saracens dello scorso fine settimana. L’apertura, però, stringe i denti e si ripresenta pronto all’appuntamento.

Rientrano dal primo minuto anche Rob Evans e Tomos Williams, mentre Gareth Davies viene lasciato in tribuna.

Galles

15. Leigh Halfpenny (88 Caps)
14. George North (94 Caps)
13. Nick Tompkins (3 Caps)
12. Hadleigh Parkes (28 Caps)
11. Liam Williams (62 Caps)
10. Dan Biggar (82 Caps)
9. Tomos Williams (19 Caps)
1. Rob Evans (38 Caps)
2. Ken Owens (65 Caps)
3. Dillon Lewis (25 Caps)
4. Jake Ball (45 Caps)
5. Alun Wyn Jones (C) (137 Caps)
6. Ross Moriarty (44 Caps)
7. Justin Tipuric (75 Caps)
8. Josh Navidi (23 Caps)

A disposizione:
16. Ryan Elias (12 Caps)
17. Rhys Carre (7 Caps)
18. Leon Brown (9 Caps)
19. Aaron Shingler (26 Caps)
20. Taulupe Faletau (75 Caps)
21. Rhys Webb (32 Caps)
22. Jarrod Evans (6 Caps)
23. Johnny McNicholl (3 Caps)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la classifica dopo il secondo turno, balzo dell’Italia

La vittoria in Irlanda rilancia le Azzurre, e non solo nel ranking

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: la sanzione disciplinare a Sarah Beckett dell’Inghilterra

La giocatrice inglese si era resa protagonista di un intervento scorretto ai danni di Michela Sillari

item-thumbnail

Sei Nazioni: Lorenzo Pani candidato per la miglior meta del Torneo

Tra le quattro marcature in corsa per il titolo di più bella c'è quella dell'Azzurro contro il Galles