Nigel Owens è stanco del modo di fare ‘calcistico’ di alcuni giocatori ovali

L’arbitro più famoso del Mondo critica questo atteggiamento sempre più dilagante nel mondo ovale

nigel owens rugby

Nigel Owens (ph. Sebastiano Pessina)

Nelle prime tre settimane di Guinness Sei Nazioni 2020, andate in archivio con il primo posto della straordinaria Francia di Fabien Galthie, si è confermata, anche al massimo livello internazionale, una tendenza che sta prendendo piede nel rugby moderno.

Sono gara dopo gara sempre di più, infatti, i capitani e pure i non capitani che, nel corso di una partita, hanno da ridire in modo poco rispettoso, scuotendo vigorosamente la testa, chiedendo in modo inopportuno il TMO, o esternando pensieri fuori luogo e lesivi dell’autorità arbitrale.

Leggi anche: Sei Nazioni 2020, anche Francia-Irlanda a rischio per il coronavirus?

Sulle colonne di Wales Online, nel suo classico editoriale, ne ha parlato Nigel Owens, l’arbitro più famoso del Mondo, riferendosi principalmente all’atteggiamento posto in essere da Dan Biggar, senza, però, personalizzare la sua posizione critica, estesa a diversi giocatori oggi.

“Il rugby è già abbastanza difficile da arbitrare così com’è, con le sue numerose regole, le varie interpretazioni individuali e la natura veloce del gioco moderno, senza che si insinuino anche dissenso e linguaggio del corpo fuori luogo nei confronti del direttore di gara”, ha affermato Owens.

“Non vogliamo il dissenso di stile calcistico nel nostro sport, anche se, va sottolineato, non si tratta di un rugby che si può permettere di fare la morale da un pulpito particolare, perché chiaramente abbiamo dei problemi anche nel nostro contesto, che, prima di tutto, dobbiamo provare ad affrontare, e superare, tra noi stessi. E badate bene. Non si tratta mai di cosa dici, o di cosa fai. Ma di come lo dici, o come lo fai, il tutto, poi, valutato all’interno di una specifica situazione”, ha proseguito il direttore di gara gallese.

“Dobbiamo uscire da questa situazione il più rapidamente possibile. E ritrovare quel rispetto di fondo, che è uno dei principi fondamentali che ha reso grande il nostro sport e ha contribuito a renderlo così speciale nel corso dei decenni”, ha concluso Owens.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni