Inghilterra: Danny Cipriani racconta la sua depressione

Il mediano di apertura inglese ha raccontato di aver pensato al suicidio, e di essere stato a un passo dal comprare un’arma per farla finita

ph. Sebastiano Pessina

Tutta l’Inghilterra è scossa dalle dichiarazioni di Danny Cipriani: il 32enne mediano di apertura inglese ha raccontato di soffrire di depressione dall’età di 22 anni, e di aver pensato e anche cercato di comprare un’arma per provare a mettere fine alle sue sofferenze. Le parole del giocatore inglese arrivano in seguito al suicidio di Caroline Flack, famosa conduttrice tv britannica ed ex fidanzata del giocatore di Gloucester, che si è tolta la vita lo scorso venerdì 14 febbraio.

Cipriani ha affidato a un lungo video postato su Instagram il suo racconto, nel quale ha detto di essersi sentito con la Flack negli ultimi tre-quattro mesi. A rendere ancora più drammatico il tutto c’è il particolare che la conduttrice ha provato a chiamarlo poco prima di suicidarsi, ma lui non ha potuto rispondere perché era in campo con i suoi cherry and white contro Exeter, e che secondo lui sono stati l’imbarazzo e la vergogna a spingere la Flack a farla finita.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniel Cipriani (@dannycipriani87) in data:

Nel suo video, Cipriani racconta di aver sofferto di grave depressione all’età di 22 anni, e di aver pensato molte volte a farsi del male, anche con l’uso di antidolorifici e alcolici. Parlando della Flack, l’inglese ha detto che “Qualcuno che conosco molto bene e a cui ero molto vicino ha deciso di togliersi la vita. Siamo sempre stati in contatto negli ultimi mesi, con grande costanza, e sin da quando ci siamo incontrati le ho sempre confessato tutti i miei problemi. Caroline mi ha aiutato a uscire da questo tunnel e sentirmi meglio, non riuscendo però a farlo per se stessa. Quindi voglio raccontare a tutti di queste mie difficoltà”.

Leggi anche: Cipriani non vuole mollare dopo la mancata convocazione per il Mondiale

Le sue parole si sono poi soffermate su un episodio di 10 anni fa, quando in una discoteca stava per comprare una pistola per farla finita. Per fortuna questo non è successo, e il fatto di essere andato a giocare a Melbourne (2011/12) potrebbe averlo aiutato a desistere dal continuare con questi pensieri. Già nel 2015 Cipriani aveva raccontato al Sun di aver cercato aiuto per combattere la depressione, che lo aveva aggredito in particolar modo dopo la separazione da Kelly Brook nel 2010, quindi nell’ultimo anno c’è stata la sua storia con Caroline Flack. Anche dopo la fine del loro rapporto i due sono rimasti molto in confidenza, e riguardo a questo Cipriani dice “Lei sapeva tutto di me e dei miei problemi. La ragione per cui sto raccontando queste cose è perché l’imbarazzo e la vergogna che si provano non devono portare a compiere atti come il suicidio. Occorre che tutti cerchino di essere gentili e trattare meglio le persone che ci stanno intorno. Caroline Flack sapeva che con me era al sicuro, e la ringrazio per tutto l’aiuto che mi ha dato. Dopo non aver risposto alle sue chiamate mi ha mandato un messaggio dicendo che si doveva dichiarare colpevole, e l’ha fatta finita”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

149 anni fa la prima partita di sempre

Il 27 marzo 1871 il primo incontro internazionale fra Scozia e Inghilterra, a Edimburgo

27 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

L’atteso esordio col Galles di Derek Quinnell

Quando non bastava essere un Lion per avere un posto tra i titolari del mitico Galles degli anni '70. Una storia unica e una carriera mitica

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

È questa la più bella partita di rugby della storia?

Riviviamo (senza spoiler) Australia-Nuova Zelanda del luglio 2000, considerata "the greatest test match ever played"

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Quiz: quanto conosci il rugby?

Seconda puntata con i nostri quesiti che mettono alla prova le tue conoscenze rugbistiche

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inga Tuigamala, che non volle essere Lomu

Perché preferì i soldi del rugby league inglese alla maglia degli All Blacks, che non avrebbe più indossato

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

I 10 migliori soprannomi del rugby internazionale

Da Avatar a El Loco, passando per la storia di Os du Randt all'uomo chiamato 36

25 Marzo 2020 Terzo tempo