Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L’ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell’ottenimento dell’ambito documento

Andrea Masi (ph. Sebastiano Pessina)

Gli esami, nella vita delle persone, non finiscono mai, sostiene un vecchio adagio. Un detto sempre valido, ed oltremodo di attualità, soprattutto per chi vive in UK, da cittadino europeo, in tempi di Brexit.

Lo sa bene anche Andrea Masi, ex stella della nazionale italiana di rugby, ed oggi allenatore nell’Accademia dei Wasps, alle prese, proprio in questi giorni, con un complesso test di storia e cultura inglese, il cui superamento uno dei requisiti per poter ottenere il passaporto britannico. Esame dal tasso di difficoltà elevatissimo, che, nonostante la preparazione del caso, il ragazzo abruzzese, al pari di molte altre persone nella sua situazione, non ha ancora superato.

“Avendo vissuto e lavorato, per cinque anni consecutivi, in Inghilterra, ho diritto alla residenza permanente. La mia permanence residency card, infatti, mi permette di rimanere qui a tempo indeterminato, ma qualora io dovessi andare via dall’Inghilterra per più di due anni, perderei tutti i diritti che ho maturato in questo momento”, ha spiegato, raggiunto da OnRugby, l’ex fuoriclasse del Racing.

“Per questo motivo voglio prendere il passaporto, per me, ma anche per il futuro dei miei figli. Anche perché il prossimo anno sarò sicuramente qui, ma non posso sapere dove mi porterà il mio lavoro, in un futuro a medio termine”, ha proseguito Masi, prima di spiegare il processo che porta all’ottenimento del documento.

“Ci sono diversi requisiti da soddisfare, tra cui lingua, residenza, buona condotta e questo esame relativo a tradizioni, costumi e storia britannici. Parliamo di un test assurdo, difficilissimo. Quasi impossibile. Devi ottenere il 75% delle risposte esatte (sui 24 quesiti a risposta multipla proposti). Non so quanti inglesi riuscirebbero a raggiungere quella quota”, ha dettagliato il coach dell’accademy dei Wasps, chiarendo come questo esame, di fatto, sia una sorta di business.

“Per loro (le autorità inglesi, ndr) è un business, perché questo test, che puoi ripetere senza soluzione di continuità, aspettando sette giorni tra un appello e l’altro, ha un costo (50 sterline per volta). Più volte sbagli, più loro ci guadagnano. Il sostegno in tal senso che ho avuto dal Mondo rugbistico è incredibile e la dice lunga sul coefficiente di difficoltà assurdo a cui ti sottopongono”, ha concluso Masi, che nei giorni scorsi, su Twitter, aveva ricevuto parole di conforto da grandi nomi del rugby britannico, che ne hanno appoggiato, con tweet di risposta, la critica al format ed all’eccessiva difficoltà dell’esame, ammettendo, in diversi casi, come loro stessi avrebbero avuto grosse difficoltà nel raggiungere l’obiettivo richiesto.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

149 anni fa la prima partita di sempre

Il 27 marzo 1871 il primo incontro internazionale fra Scozia e Inghilterra, a Edimburgo

27 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

L’atteso esordio col Galles di Derek Quinnell

Quando non bastava essere un Lion per avere un posto tra i titolari del mitico Galles degli anni '70. Una storia unica e una carriera mitica

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

È questa la più bella partita di rugby della storia?

Riviviamo (senza spoiler) Australia-Nuova Zelanda del luglio 2000, considerata "the greatest test match ever played"

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Quiz: quanto conosci il rugby?

Seconda puntata con i nostri quesiti che mettono alla prova le tue conoscenze rugbistiche

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inga Tuigamala, che non volle essere Lomu

Perché preferì i soldi del rugby league inglese alla maglia degli All Blacks, che non avrebbe più indossato

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

I 10 migliori soprannomi del rugby internazionale

Da Avatar a El Loco, passando per la storia di Os du Randt all'uomo chiamato 36

25 Marzo 2020 Terzo tempo