Il Gatland’s Gate al Principality Stadium

La Federazione gallese ha voluto omaggiare l’allenatore neozelandese dedicandogli un ingresso nello stadio a Cardiff

warren gatland

ph. Reuters

La Federazione gallese ha cambiato nome all’ingresso 4 del Principality Stadium a Cardiff, il gate principale per l’ingresso dei veicoli nell’area dello stadio. Dallo scorso venerdì si chiamerà per sempre Gatland’s Gate, in onore per l’appunto di Warren Gatland, che con la Rugby World Cup 2019 ha concluso un’esperienza di dodici anni alla guida della nazionale gallese.

Nel comunicato con cui ha annunciato il cambio di nomenclatura, la stessa Welsh Rugby Union (WRU) ha definito Gatland “probabilmente l’allenatore di maggior successo nella storia” del Galles. Durante la sua gestione, il Galles ha vinto quattro Sei Nazioni (2008, 2012, 2013 e 2019) di cui tre (2008, 2012 e 2019) con il Grande Slam. Ha inoltre raggiunto due semifinali nelle Rugby World Cup 2011 e 2019 e, da allenatore dei Dragoni, è stato scelto per tre volte dai British & Irish Lions come coach della selezione.

ph. WRU

È stato l’allenatore più longevo sulla panchina del Galles, che proprio nell’ultimo anno ha raggiunto il record per la striscia di vittorie più lunga nella sua storia (14). “È un piccolo tributo per l’apprezzamento che abbiamo per Warren, un segno della grande stima che ha conquistato nel rugby gallese –  ha dichiarato Martyn Phillips, CEO della WRU – “Sarà sempre ricordato come l’allenatore che ha portato a casa tre Grand Slam. Oltre alle vittorie, ha anche riportato la nostra squadra a essere una delle principali potenze del rugby mondiale”.

“Resterà nella leggenda come uno dei più grandi di tutti i tempi. L’auspicio è che il ‘Gatland’s Gate’ dimostri la gratitudine che l’intera nazione sente nei suoi confronti”.

“È un onore enorme e inaspettato – ha detto Gatland – Vorrei ringraziare tutto lo staff della Federazione, i giocatori, gli allenatori dello staff e il personale dietro le quinte, e tutto il movimento gallese per la loro passione e il loro rispetto negli ultimi 12 anni”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2020: le designazioni arbitrali. Scelta anche Clara Munarini

L'irlandese Joy Neville dirigerà le azzurre nel primo impegno casalingo contro la Scozia

10 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda: Johnny Sexton fuori due mesi, salterà la prima parte del Sei Nazioni

L'infortunio rimediato contro Northampton in Champions Cup costerà all'apertura fra le 8 e le 10 settimane di stop

10 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles, Sei Nazioni 2020: Ross Moriarty potrebbe non esserci a causa di un virus preso in Giappone

Il giocatore è alle prese con un problema fisico che lo sta debilitando notevolmente

9 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Test match 2020, il calendario dell’Australia: si apre con l’Irlanda e si chiude con l’Inghilterra

I Wallabies ripartiranno da un nuovo allenatore e da un gruppo di giocatori rivoluzionato

9 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: tutti gli arbitri per il torneo

Per l'Italia ci sarà anche un esordiente a questo livello, nel match contro la Francia a Parigi

4 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Barclay si è ritirato dal rugby internazionale

Dopo 67 cap, il terza linea ha lasciato la maglia dei Dark Blues per dedicarsi solo al club

4 Dicembre 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni