Il World Rugby Ranking femminile sorride alle azzurre, nonostante il pari con il Giappone

Cosa è successo e cosa può succedere, prima di luglio, nella classifica Mondiale femminile

Lucia Gai – Italia (ph. Luca Sighinolfi)

Nonostante il pareggio contro il Giappone, costato un punto secco all’Italia (quando si pareggia contro una squadra con più di dieci punti di distacco in classifica, si cede un punticino in graduatoria) ed una posizione, in favore dell’Australia, il World Rugby Ranking femminile, in ottica torneo di qualificazione Mondiale, continua a sorridere alle azzurre. Le ragazze di Andrea Di Giandomenico restano, infatti, nettamente al comando della corsa con Spagna, Irlanda e Scozia per avere la “testa di serie” migliore entrando nella competizione di settembre (qui la spiegazione dettagliata del torneo in questione).

La classifica attuale (aggiornata al 25/11/2019)

  1. Nuova Zelanda  93.88
  2. Inghilterra  93.00
  3. Canada  87.49
  4. Francia  86.47
  5. Australia  78.68
  6. USA  78.19
  7. Italia  78.17
  8. Galles  75.99
  9. Spagna  75.54
  10. Irlanda  71.30
  11. Scozia  67.27
  12. Giappone  65.80

Cosa avrebbe potuto essere?

Ovviamente resta un pizzico di rammarico per quello che avrebbe potuto essere e invece non è stato, per un’inezia. Con una vittoria a L’Aquila (anche con un solo punto di margine), infatti, le azzurre, ora settime, avrebbero chiuso al quinto posto il 2019, andando a migliorare così ulteriormente il best ranking storico, raggiunto a fine Sei Nazioni 2019.

Cosa può succedere nei prossimi mesi?

La vittoria del Giappone in Scozia cambia in modo non banale le carte in tavole anche in chiave Italia. Perdendo quasi due punti, infatti, le ragazze di Edimburgo sono sprofondate in classifica, almeno in termini numerici. A Gennaio, così, Spagna v Scozia, in programma ad Almeria si disputerà con le iberiche davanti di oltre dieci punti in classifica (8.27 reali, più i 3 dettati dal fattore campo), non potendo così andare ad incidere positivamente sul ranking delle iberiche. Medesima situazione anche per quanto concerne le sfide del Women European Championship in primavera.

Una situazione ideale per le azzurre, che manterrebbero così un vantaggio in termini di classifica sulle spagnole, quelle concretamente più vicine all’Italia, anche perdendo (con margine inferiore ai 16 punti) le due sfide esterne contro Galles ed Irlanda al prossimo Sei Nazioni.

Sarà, invece, da monitorare con attenzione, la possibile cavalcata dell’Irlanda, che se dovesse riuscire a vincere in modo largo (più di 16 punti di vantaggio) tutte e 3 le gare interne del Sei Nazioni contro Scozia, Galles ed Italia, impresa, va detto, complessa, rientrerebbe in gioco con buone chance per quel primo posto nel ranking tra le partecipanti al torneo di qualificazione.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Essere Beatrice Rigoni

Siamo entrati nel mondo della fuoriclasse azzurra. Una che appare poco ma si sente tanto

item-thumbnail

OnRugby Relive: Sei Nazioni 2019, le azzurre battono la Francia e fanno la storia

Dalle 15.00 rivediamo Furlan e compagne che fanno la storia azzurra a Padova

item-thumbnail

OnRugby relive: Galles-Italia femminile del 6 Nazioni 2018

Alle 15 appuntamento con la storia: le ragazze di Andrea Di Giandomenico si esaltano al Millennium Stadium

18 Aprile 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Coronavirus: sospesa Italia-Scozia del Sei Nazioni Femminile

La partita avrebbe dovuto giocarsi quest'oggi (ore 18.10), a Legnano

23 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Italia, la formazione contro la Scozia

Torna Aura Muzzo. Lucia Cammarano dal 1' al posto di Giada Franco

21 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia femminile: 23 azzurre per battere la Scozia

Andrea Di Giandomenico ha selezionato le ragazze che domenica a Legnano sfideranno le scozzesi. Obiettivo vittoria per dimenticare la Francia

17 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile