Barbarians: in Brasile finisce 47-22 con la trasformazione di Rory Best

Si chiude con una trasformazione di Rory Best (sic!) la trasferta latinoamericana. Ora sfida al Galles il 30 novembre

ph. REUTERS/Hannah McKay

Tocca a Rory Best scrivere la conclusione della pionieristica partita fra Brasile e Barbarians, pubblicizzata dalla federazione verdeoro come la partita più importante nella storia del rugby brasiliano. Sul finire del secondo tempo, quando la seconda meta personale di David Havili portava oramai al largo il punteggio in favore del club ad inviti, il tallonatore sul viale del tramonto si presentava dalla piazzola e riusciva a mettere tra i pali la facile trasformazione, scrivendo il suo nome sul tabellino della gara e segnando 2 punti, 2 come la maglia che ha vestito per tanti anni, a Belfast e in nazionale.

E’ finita poi 47-22 la gara fra i Tupis e i bianconeri, con la nazionale sudamericana capace di dare battaglia ai ben più blasonati avversari, cedendo poi solo nel finale. Il primo tempo si era infatti concluso con un risultato ravvicinatissimo, 19-15, frutto delle mete di Campese Ma’afu, David Havili e Bautista Ezcurra per i Barbarians e di quelle di Daniel Lima e Luiz Vieira, rispettivamente in apertura e in chiusura di primo tempo, per il Brasile, condite da 5 punti al piede dell’apertura Josh Reeves.

Nel secondo tempo la doppietta di Angus Cottrell e la meta di Jano Vermaak portano i Barbarians verso la vittoria, mentre il mediano di mischia Felipe Cunha rinforza il bottino brasiliano prima che, a tre minuti dal termine, Havili trovi la via della meta e lasci a Best il compito di scrivere la parola fine sull’incontro di San Paolo.

Ora i Barbarians torneranno in Europa per un ultimo match del tour autunnale: giocheranno a Cardiff contro il Galles di Wayne Pivac.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...

item-thumbnail

Sudafrica, Rassie Erasmus: “Pronti a ripartire. Ci attende un 2024 intenso”

Il tecnico degli Springboks carica i suoi in vista di un calendario fitto di impegni

item-thumbnail

Anche Hugo Keenan verso il Sevens olimpico

L'irlandese si unisce al già nutrito contingente di giocatori che passano temporaneamente al rugby a sette

item-thumbnail

Galles, altri guai per Gatland: Anscombe rifiuta la convocazione e Sheedy si fa male di nuovo

Il tecnico dovrà sfidare Sudafrica e Australia con una mediana ridotta all'osso