Rugby World Cup 2019: qual è stato il miglior XV del torneo?

Le scelte della nostra redazione, molto sudafricane e inglesi. Ma non mancano giocatori che ci hanno rubato il cuore prima delle semifinali

faf de klerk sudafrica rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

La Rugby World Cup 2019 sul campo è finita, ma l’inchiostro per scriverne e discuterne è ben lontano dall’essere stato consumato (anche perché le conseguenze di un Mondiale possono trascinarsi per ancora molto tempo). A due giorni dalla finale di Yokohama in cui hanno stravinto gli Springboks, per esempio, una delle domande fondamentali a cui bisogna rispondere è la seguente: qual è stato il miglior XV del torneo giapponese?

È d’obbligo stilarne almeno uno, quello principale, in cui si inseriscono i giocatori semplicemente più forti, incisivi e d’impatto in una squadra o nel corso dell’intera edizione della competizione. La redazione di On Rugby non si è sottratta al gioco, perché è stata anche l’occasione per sponsorizzare in particolare questo o quell’altro nome e per sottolineare delle determinate prestazioni di un singolo.

Diverse le filosofie adottate: c’è chi ha voluto premiare anche giocatori visti fino ai quarti di finale, in particolare delle nazionali giapponesi e francesi, e chi ha voluto rimettere sotto i riflettori un nome nello specifico che ci ha fatto brillare gli occhi durante la fase a gironi. In base alle scelte fatte da ogni redattore, poi, abbiamo composto il XV definitivo tenendo in considerazione il numero di nomination avute da ciascun giocatore.

I migliori XV della Rugby World Cup 2019 per On Rugby

Michele Cassano

15 Beauden Barrett, 14 Cheslin Kolbe, 13 Lukhanyo Am, 12 Gaël Fickou, 11 Makazole Mapimpi, 10 Richie Mo’unga, 9 Faf de Klerk, 8 Kazuki Himeno, 7 Pieter-Steph du Toit, 6 Tom Curry, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Courtney Lawes, 3 Kyle Sinckler, 2 Bongi Mbonambi, 1 Jefferson Poirot

6 sudafricani
3 inglesi
2 neozelandesi
2 francesi
1 gallese
1 giapponese

Lorenzo Calamai

15 Beauden Barrett, 14 Cheslin Kolbe, 13 Virimi Vakatawa, 12 Samu Kerevi, 11 Josh Adams, 10 George Ford, 9 Faf de Klerk, 8 Duane Vermeulen, 7 Sam Underhill, 6 Pieter-Steph du Toit, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Shota Horie, 1 Tendai Mtawarira

5 sudafricani
4 inglesi
2 gallesi
1 australiano
1 francese
1 neozelandese
1 giapponese

Daniele Pansardi

15 Beauden Barrett, 14 Cheslin Kolbe, 13 Timothy Lafaele, 12 Anton Lienert-Brown, 11 Makazole Mapimpi, 10 George Ford, 9 Faf de Klerk, 8 Duane Vermeulen, 7 Tom Curry, 6 Pieter-Steph du Toit, 5 Courtney Lawes, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Shota Horie, 1 Tendai Mtawarira

6 sudafricani
5 inglesi
2 neozelandesi
2 giapponesi

Damiano Vezzosi

15 Beauden Barrett, 14 Cheslin Kolbe, 13 Semi Radradra, 12 Samu Kerevi, 11 Makazole Mapimpi, 10 Handré Pollard, 9 Faf de Klerk, 8 Kieran Read, 7 Charles Ollivon, 6 Siya Kolisi, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Tendai Mtawarira

6 sudafricani
3 inglesi
2 neozelandesi
1 gallese
1 australiano
1 francese
1 figiano

Matteo Viscardi

15 Liam Williams, 14 Anthony Watson, 13 Semi Radradra, 12 Owen Farrell, 11 Makazole Mapimpi, 10 George Ford, 9 Faf de Klerk, 8 Duane Vermeulen, 7 Charles Ollivon, 6 PSDT, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Tendai Mtawarira

6 inglesi
5 sudafricani
2 gallesi
1 francese
1 figiano

Il XV finale

I due giocatori a comparire in tutte le formazioni preferite della redazione sono Faf de Klerk come mediano di mischia e Kyle Sinckler come pilone destro, che si prendono dunque idealmente i gradi di capitano della squadra. Quattro nomination per Maro Itoje, Tendai Mtawarira, Alun-Wyn Jones, Beauden Barrett, Cheslin Kolbe, anch’essi di diritto in squadra.

Hanno conquistato la maggioranza con tre nomination anche Pieter-Steph du Toit (giocatore dell’anno per World Rugby), Tom Curry, George Ford, Duane Vermeulen e Makazole Mapimpi. I tre ruoli in cui non sono emerse delle chiare maggioranze sono state quelle in cui, in effetti, non ci sono stati giocatori che sono riusciti a brillare particolarmente più di altri: per la maglia numero 13 l’ha spuntata Semi Radradra con 2 voti, mentre come primo centro è stato Samu Kerevi (trascinatore dei Wallabies) ad avere il maggior numero di preferenze.

Tra i tallonatori, invece, c’è stata parità tra Jamie George e Shota Horie: tra i due, il posto in squadra va però al tallonatore giapponese, perché è stato un reale protagonista della bella ed emozionante cavalcata della squadra di casa nel corso della fase a gironi.

La formazione

15 Beauden Barrett, 14 Cheslin Kolbe, 13 Semi Radradra, 12 Samu Kerevi, 11 Makazole Mapimpi, 10 George Ford, 9 Faf de Klerk (cc), 8 Duane Vermeulen, 7 Tom Curry, 6 Pieter-Steph du Toit, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler (cc), 2 Shota Horie, 1 Tendai Mtawarira

6 sudafricani
4 inglesi
1 neozelandese
1 gallese
1 australiano
1 giapponese
1 figiano

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: le migliori dieci mete del torneo

Si avvicina la fine dell'anno ed è tempo di bilanci e classifiche: ecco le migliori 10 mete del main event ovale del 2019

11 Dicembre 2019 Foto e video
item-thumbnail

Irlanda: “Troppa pressione al mondiale”, Best e Nucifora tornano sull’eliminazione

Il capitano e il direttore della performance della federazione irlandese sono tornati a parlare della deludente avventura nipponica

6 Dicembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019