Rugby World Cup 2019: la formazione degli All Blacks per i quarti di finale

Hansen conferma Lienert-Brown e Goodhue come coppia titolare di centri, la stessa vista contro la Namibia

rugby world cup 2019 all blacks

ph. Sebastiano Pessina

Fatto il XV degli All Blacks che andrà a sfidare l’Irlanda sul prato di Tokyo sabato mattina, quando in Italia sarà da poco passato mezzogiorno.

Steve Hansen ha confermato gran parte del XV titolare messo in campo contro la Namibia, fatti salvi i ruoli chiave: Richie Mo’unga e Beauden Barrett tornano ad occupare infatti le maglie numero 10 e numero 15, mentre Kieran Read capitanerà la squadra dal fondo della mischia chiusa.

La sorpresa della formazione in nero risiede nella scelta della coppia di centri, composta da Anton Lienert-Brown e Jack Goodhue. I due saranno insieme solamente per la terza volta, avendo giocato fianco a fianco per la prima volta solo nel corso del Rugby Championship, per giunta nel confronto perso contro l’Australia.

Sonny Bill Williams sarà in panchina, mentre Ryan Crotty viene totalmente escluso dai 23 uomini scelti per la battaglia contro la squadra di Joe Schmidt.

“Succede di avere più persone abbastanza pronte da scendere in campo, ma che devi lasciare fuori. Questa volta è Ryan [Crotty] a rimanere fuori, ma questo non significa che se saremo abbastanza fortunati da andare avanti nel torneo, non possa essere titolare nella prossima formazione” ha detto in conferenza stampa Steve Hansen.

Altro senatore che guarderà la sfida dalla tribuna è Ben Smith: George Bridge e Sevu Reece saranno le ali titolari, mentre in panchina Jordie Barrett vince la maglia numero 23 grazie alla sua duttilità.

“Quando arriverà il fischio finale – ha chiuso Hansen – una squadra andrà avanti e un’altra si dovrà arrendere. Ci siamo sentiti con Andy Farrell, ieri, e ci siamo detti: uno di noi due andrà a casa. Ma è solo la fredda, dura realtà della World Cup.”

“Abbiamo vissuto il fatto di uscire nel 2007 e non ci sono garanzie che non risuccederà. L’Irlanda è nella situazione in cui non sono mai andati oltre i quarti di finale quindi vorranno dare più di tutto quello che hanno per non andare a casa. Noi faremo lo stesso.”

“Spero solamente che sia una buona partita di rugby e che entusiasmi, che non sia condizionata dai cartellini e che, alla fine, nessuno possa avanzare alibi. A quel punto, potremo solo prenderci in faccia il nostro destino.”

Nuova Zelanda

1. Joe Moody
2. Codie Taylor
3. Nepo Laulala
4. Brodie Retallick
5. Samuel Whitelock
6. Ardie Savea
7. Sam Cane
8. Kieran Read (capt.)
9. Aaron Smith
10. Richie Mo’unga
11. George Bridge
12. Anton Lienert-Brown
13. Jack Goodhue
14. Sevu Reece
15. Beauden Barrett

16. Dane Coles
17. Ofa Tuungafasi
18. Angus Ta’avao
19. Scott Barrett
20. Matt Todd
21. TJ Perenara
22. Sonny Bill Williams
23. Jordie Barrett

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019