Botta e risposta Gavazzi-Innocenti, il presidente FIR: “Il prossimo tecnico sarà neozelandese”

Doppia intervista sulle pagine del Gazzettino: Innocenti attacca, il presidente tocca anche il tema del prossimo coach

ph. Sebastiano Pessina

La Rugby World Cup italiana si è chiusa, la squadra nazionale è tornata alla base ed è tempo di incominciare a pensare al prossimo futuro. Sulle colonne de Il Gazzettino sono apparse fra martedì e mercoledì due interviste, botta e risposta, fra Marzio Innocenti, presidente del Comitato Regionale Veneto della Federazione e uno dei principali esponenti dell’opposizione federale, e Alfredo Gavazzi, numero uno FIR.

“La situazione sarebbe da elezioni anticipate – attacca Innocenti – Ma non sono tecnicamente possibili perché le federazioni devono rispettare il quadriennio olimpico. Però il rugby non ha tempo. I Giochi di Tokyo finiscono il 9 agosto, noi dovremo andare alle urne subito, già a metà settembre, senza aspettare fine anno o peggio l’inizio del 2021.”

Nell’intervista, Innocenti annuncia di essere certo di candidarsi alle prossime elezioni federali, pur non facendo più parte del movimento Pronti al Cambiamento che aveva capeggiato alla scorsa tornata. Il suo programma: “Rilanciare il campionato, tornare ai club, al territorio, investire nei tecnici e nella formazione.”

“Se Marzio Innocenti vuole tenere elezioni al più presto gliele faremo fare, ma deve chiederlo al consiglio federale” ha risposto da par suo Gavazzi, che riguardo a una sua terza candidatura presidenziale non si sbilancia, pur ricordando che, a differenza di quanto affermato da Innocenti, non gli servirebbe il 55% dei voti per essere eletto una terza volta: “Leggano bene il regolamento. Il 55% serve dopo il terzo mandato. A me basterà il 50,01% per vincere.”

Al di là del dibattito regolamentare e sulle tempistiche elettorali, il presidente della FIR ha toccato temi contingenti, di stretta attualità, come la scelta del nuovo tecnico della nazionale.

“Prenderemo il meglio che c’è in giro, anche spendendo soldi, tanti soldi – ha affermato – Tra gli interpellati c’era Guy Novès. Ma la scelta dovrebbe cadere su un tecnico neozelandese della terna indicata da Wayne Smith. Sceglieremo presto, a novembre o al massimo entro Natale.”

E Conor O’Shea rimarrà anche durante il prossimo Sei Nazioni? Non è chiaro. Gavazzi sottolinea che il contratto del tecnico irlandese lo prevederebbe, ma che quest’ultimo avrebbe richiesto un colloquio dopo il mondiale che potrebbe sancire l’addio anticipato (per problemi di famiglia).

A proposito di Sei Nazioni, a meno di sei mesi dall’inizio del torneo non c’è ancora un accordo fra FIR e Sport e Salute, la società che attualmente gestisce lo stadio Olimpico di Roma: “Il presidente Rocco Sabelli mi ha chiamato solo dopo che ho rivelato la situazione al consiglio del Coni, a inizio ottobre. Ci siamo parlati. Io voglio dargli meno soldi per lo stadio, lui ne vuole di più. Vediamo come va a finire.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il nuovo protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

Le disposizioni federali del primo luglio

1 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Da lunedì 8 giugno il pallone torna protagonista

La Commissione Tecnica FIR ufficializza che si potrà ritornare a fare esercitazioni col passaggio dell'ovale

5 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gavazzi risponde alle critiche sulle nomine: “Abbiamo agito come tutte le altre federazioni”

E Franco Ascione racconta la visione federale del movimento, dai club al vertice, e la scelta di Franco Smith

3 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gli staff tecnici della nazionale under 20 e dell’Accademia Nazionale per il 2020/2021

Il consiglio federale ha comunicato una parte degli staff tecnici per la prossima annata agonistica

30 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il Protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

La Federazione detta le linee guida per una prima ripresa delle attività

25 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Pro14 e CVC: accordo trovato, ora è ufficiale. La FIR diventa socio paritario del torneo

La società d'investimento entra a far parte della competizione celtica e punta dritta verso il Sei Nazioni

22 Maggio 2020 Pro 14