Rugby World Cup 2019, Scozia: le dichiarazioni di Townsend e Laidlaw dopo il ko col Giappone

Allenatore e capitano non cercano scuse analizzando i motivi della sconfitta e dell’eliminazione subita

gregor townsend

ph. Reuters

L’altra faccia della medaglia. Se c’è un Giappone che fa la storia approdando ai quarti di finale per la prima nella sua storia ovale, dall’altra parte v’è una Scozia che saluta la Rugby World Cup 2019 nella fase a gironi.

Al termine della partita l’head coach della Nazionale del Cardo Gregor Townsend e il capitano Greig Laidlaw hanno provato a fotografare la partita di Yokohama.

Townsend: “C’è delusione: siamo partiti bene, ma poi – riferendosi al primo tempo – abbiamo avuto pochissimo il possesso del pallone. Questo è sicuramente merito del Giappone, ma anche noi ci abbiamo messo del nostro concedendo due mete soft: una delle quali addirittura quando avevamo l’ovale fra le mani. I giocatori comunque hanno fatto un grande sforzo, a venti minuti dalla fine eravamo sotto di soli sette punti ma nell’ultimo quarto non siamo riusciti ad andare a prenderci la vittoria.
Eravamo qui con grandi aspettative e al termine di un periodo di preparazione intenso: l’obiettivo era quello di superare la pool, ma non ce l’abbiamo fatta. Queste sono esperienze che ti rendono gruppo – continua pensando al futuro – dobbiamo pensare a come migliorare a partire dal prossimo Sei Nazioni.
Cosa penso del Giappone? E’ un gruppo molto coeso. Stanno insieme da tempo e conoscono i loro punti di forza, giocano veloce ed eseguono i loro set molto bene. Per il Sudafrica il quarto di finale sarà molto duro, mi aspetto una partita con le squadre vicine nel punteggio”.

Laidlaw: “Dobbiamo dare credito al Giappone per quello che ha fatto stasera e in generale – ammette il mediano di mischia – per quando sono progrediti dal 2016, anno in cui venimmo qui a misurarci con loro l’ultima volta. Come sempre però l’analisi deve guardare al nostro interno. In una sfida da vincere non si possono concedere 28 punti, con due mete facili: sono troppi.
Se non indosserò più la maglia della Scozia a livello internazionale? Adesso è difficile dirlo, a caldo. Mi prenderò un po’ di tempo, lontano da qui, per rifletterci”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019