Rugby World Cup 2019: il Sudafrica chiude la sua fase a gironi contro il Canada

Rassie Erasmus cambia tredici uomini rispetto alla vittoria contro l’Italia. Per i Canucks un altro avversario impossibile

sudafrica rg snyman rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

Il Sudafrica giocherà la sua ultima partita della fase a gironi nella Rugby World Cup 2019 questa mattina contro il Canada, nella partita che darà ufficialmente agli Springboks anche la qualificazione ai quarti di finale. Come in occasione della sfida contro la Namibia, Rassie Erasmus ha optato per un massiccio turnover: saranno ben 13 i cambi rispetto al XV schierato venerdì scorso contro l’Italia, nella vittoria per 49-3 contro gli azzurri.

Solo il capitano Siya Kolisi e Damian de Allende giocheranno ancora dal primo minuto. Schalk Brits, schierato numero 8 contro la Namibia, ritornerà nella sua naturale posizione di tallonatore, mentre partiranno per la prima volta da titolari in questa Rugby World Cup 2019 il pilone Thomas du Toit, il mediano di mischia Cobus Reinach e l’estremo Damian Willemse. du Toit e Willemse sono arrivati a Mondiale in corsa in Giappone, a causa degli infortuni occorsi a Trevor Nyakane e Jesse Kriel.

“In passato anche con squadre come il Canada erano delle passeggiate – ha detto Erasmus in conferenza stampa, parlando della partita – Ma se guardate ad alcune fasi di gioco prodotte contro l’Italia, potete vedere che avrebbero potuto segnare quattro o cinque mete”.

“Non voglio dire che il Canada è improvvisamente diventata una Tier 1, ma parliamo di una squadra davvero competitiva. Ci sono un paio di giocatori che ho affrontato da coach nel Pro14 con Munster, alcuni altri giocano in Nuova Zelanda. Abbiamo speso un bel po’ di tempo sul Canada, perché se ci distraessimo potremmo commettere uno o due errori e loro potrebbero approfittarne”.

Il rispetto mostrato da Erasmus in conferenza in ogni caso non coincide con una reale pericolosità del Canada per gli Springboks. I Canucks hanno effettivamente creato più pericoli all’Italia di quanto non abbia detto il punteggio, ma restano comunque una squadra che dagli Springboks possono subire lo stesso trattamento avuto già dagli All Blacks.

Per di più, il Canada dovrà anche pensare alla sfida decisiva della loro Rugby World Cup contro la Namibia, per la quale avranno solo quattro giorni di tempo per prepararsi e più di 1000 chilometri da percorrere per raggiungere Kamaishi. Coach Kingsley Jones, in ogni caso, non rinuncerà ai suoi uomini migliori: Ardron, Nelson, van der Merwe, Hearn, Hassler e Coe saranno in campo contro gli Springboks.

“Giudico l’atmosfera dal volume della musica a colazione e nello spogliatoio – ha detto Jones nella conferenza stampa – Nello spogliatoio sembrava di essere a un party questa mattina (ieri, ndr): per me è una grande iniezione di fiducia”.

Per DTH van der Merwe sarà una giornata speciale, perché giocherà contro la sua nazione di nascita: l’ala canadese cercherà di lasciare un ulteriore segno sulla partita, magari diventando il quinto giocatore di sempre a segnare una meta in quattro edizioni consecutive della Rugby World Cup. Gli altri sono stati Brian Lima, Brian O’Driscoll, Gareth Thomas e Adam Ashley-Cooper. Arriverà anche il suo momento?

Dove vedere la partita

Sudafrica-Canada inizierà alle ore 12:15 e sarà trasmessa in diretta streaming su rugbyworldcup.com e sull’app ufficiale del torneo.

Le formazioni

Sudafrica: 15 Damian Willemse, 14 Warrick Gelant, 13 Damian de Allende, 12 Frans Steyn, 11 S’busiso Nkosi, 10 Elton Jantjies, 9 Cobus Reinach, 8 Francois Louw, 7 Kwagga Smith, 6 Siya Kolisi (c), 5 Franco Mostert, 4 RG Snyman, 3 Vincent Koch, 2 Schalk Brits, 1 Thomas du Toit
A disposizione: 16 Malcolm Marx, 17 Steven Kitshoff, 18 Frans Malherbe, 19 Eben Etzebeth, 20 Pieter-Steph du Toit, 21 Herschel Jantjies, 22 Handre Pollard, 23 Willie le Roux

Canada: 15 Andrew Coe, 14 Jeff Hassler, 13 Conor Trainor, 12 Ciaran Hearn, 11 DTH van der Merwe, 10 Peter Nelson, 9 Phil Mack, 8 Tyler Ardron (c), 7 Matt Heaton, 6 Lucas Rumball, 5 Kyle Baillie, 4 Evan Olmstead, 3 Jake Ilnicki, 2 Andrew Quattrin, 1 Hubert Buydens
A disposizione: 16 Benoit Piffero, 17 Djustice Sears-Duru, 18 Matthew Tierney, 19 Josh Larsen, 20 Mike Sheppard, 21 Jamie Mackenzie, 22 Shane O’Leary, 23 Giuseppe du Toit

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il XV della Francia per la sfida al Galles

Damian Penaud, in dubbio alla vigilia, sarà della partita ad Oita

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il programma tv del weekend dei quarti di finale

Si entra nella fase ad eliminazione diretta con quattro sfide molto interessanti

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione del Galles per i quarti di finale

Le scelte di Warren Gatland per la sfida contro la Francia

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019