Rugby World Cup 2019: sfida tutta americana tra Argentina e Stati Uniti

I Pumas salutano il Mondiale a Kumagaya e affrontano un avversario piuttosto scomodo. Calcio d’inizio alle ore 6:45

argentina rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

Se per l’Argentina la Rugby World Cup 2019 finisce con la sfida a Kumagaya, per gli Stati Uniti di fatto inizia il periodo più caldo del proprio torneo. Nel giro di soli cinque giorni, gli Eagles affronteranno sia dei Pumas potenzialmente scarichi nelle motivazioni e con qualche seconda linea in campo, sia Tonga nel vero e proprio spareggio per evitare l’ultimo posto del girone C.

L’Argentina è chiaramente la favorita, ma fino a questo momento i sudamericani hanno fatto davvero poco per impressionare: contro la Francia hanno sfiorato la vittoria decisiva, è vero, ma nel primo tempo contro i Bleus e nelle altre due partite i Pumas sono stati scarsamente efficaci dal punto di vista tattico e poco brillanti in attacco, nonostante i Jaguares nel Super Rugby fossero molto apprezzati per la loro capacità di creare pericoli nelle difese avversarie.

– Leggi anche: il calendario della settimana

Per gli Stati Uniti, squadra tignosa e fisicamente di ottimo livello, ci sono concrete speranze di mettere quantomeno in difficoltà i Pumas, come già accaduto contro la Francia. È improbabile che gli States si ‘risparmino’ per la sfida contro Tonga, che pure avrà tre giorni in più per preparare la sfida più importante del Mondiale, per cui i Pumas non potranno permettersi di approcciare nel modo sbagliato la partita.

Mario Ledesma, in ogni caso, ha voluto dare spazio a chi finora ha visto poco o niente il campo: per Joaquin Tuculet, Juan Cruz Mallia, Felipe Ezcurra, Rodrigo Bruni e Juan Manuel Leguizamon sarà la prima presenza in questa Rugby World Cup. In totale, i cambi rispetto alla sfida persa contro l’Inghilterra sono stati nove, con gli ingressi di Delguy, Sanchez, Alemanno e Medrano tra gli altri.

Per Julian Montoya potrebbe essere una partita speciale: se dovesse segnare una meta, il tallonatore argentino diventerebbe il giocatore di mischia ad aver segnato più mete nella storia della Rugby World Cup (al momento è a quota 6, dopo la tripletta contro Tonga).

Gli Stati Uniti si presentano alla sfida tutta americana con una delle migliori formazioni possibili, per cercare anche solo di ripetere la buona prestazione fornita contro la Francia. Tre i cambi: in mediana ci sarà il classe ’98 Ruben de Haas, al centro Paul Lasike sostituisce Iosefo e in seconda linea Greg Peterson prende il posto di Nick Civetta.

“Arrivano da poco dalla sconfitta contro l’Inghilterra, non si sono qualificati per i quarti e sono delusi, per cui potrebbero non giocare come avrebbero fatto se si fossero qualificati – ha detto AJ MacGinty, uno dei migliori giocatori della nazionale – Per quanto possa essere un fattore, noi dobbiamo comunque confermare la nostra performance”.

“Ogni volta che giochiamo contro delle Tier 1, sento che miglioriamo settimana dopo settimana – ha continuato il mediano d’apertura – La pressione è su di noi, sul fare un’altra prestazione ancora migliore rispetto alla sfida contro la Francia. Se facciamo le cose giuste come squadra e come singoli, allora saremo in una buona posizione per battere l’Argentina”.

Dove vedere la partita

Argentina-Stati Uniti scenderanno in campo mercoledì 9 alle ore 6:45. La partita sarà trasmessa in diretta streaming su rugbyworldcup.com e sull’app ufficiale del torneo.

Le formazioni

Argentina: 15 Joaquin Tuculet, 14 Bautista Delguy, 13 Juan Cruz Mallia, 12 Jeronimo de La Fuente, 11 Santiago Carreras, 10 Nicolas Sanchez, 9 Felipe Ezcurra, 8 Rodrigo Bruni, 7 Juan Manuel Leguizamon, 6 Pablo Matera (c), 5 Matias Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Santiago Medrano, 2 Julian Montoya, 1 Nahuel Tetaz Chaparro
A disposizione: 16 Agustín Creevy, 17 Mayco Vivas, 18 Enrique Pieretto, 19 Marcos Kremer, 20 Tomas Lezana, 21 Gonzalo Martin Bertranou, 22 Benjamin Urdapilleta, 23 Matías Moroni

USA: 15 Mike Te’o, 14 Blaine Scully (c), 13 Bryce Campbell, 12 Paul Lasike, 11 Marcel Brache, 10 AJ MacGinty, 9 Ruben de Haas, 8 Cam Dolan, 7 Hanco Germishuys, 6 Tony Lamborn, 5 Greg Peterson, 4 Nate Brakeley, 3 Titi Lamositele, 2 Joe Taufete’e, 1 Eric Fry
A disposizione: 16 Dylan Fawsitt, 17 Olive Kilifi, 18 Paul Mullen, 19 Ben Landry, 20 Ben Pinkelman, 21 Nate Augspurger, 22 Will Hooley, 23 Martin Iosefo

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Il XV del Sudafrica per il Giappone

Mbonambi titolare contro la formazione di casa per il delicato quarto di finale degli Springboks

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Jones sceglie l’Inghilterra per i quarti

George Ford fuori a sorpresa, si rivede Henry Slade. C'è anche Mako Vunipola

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione degli All Blacks per i quarti di finale

Hansen conferma Lienert-Brown e Goodhue come coppia titolare di centri, la stessa vista contro la Namibia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019