Rugby World Cup 2019: la Francia soffre, ma batte Tonga 23-21

I galletti partono forte, come sempre in questo Mondiale, prima di patire contro la miglior Tonga del torneo

Rugby Union – Rugby World Cup 2019 – Pool C – France v Tonga – Kumamoto Stadium, Kumamoto, Japan – October 6, 2019 France’s Romain Ntamack scores a penalty REUTERS/Peter Cziborra

Al Kumamoto Stadium, Francia e Tonga si affrontano nella terza partita della loro Rugby World Cup, in una sfida che potrebbe stabilire in modo definitivo le gerarchie della Pool C, in ottica qualificazione ai quarti di finale.

La Francia, che ripropone una formazione simile a quella dell’esordio contro l’Argentina, dopo il turnover con gli USA, parte forte e scappa nel punteggio già al 4′. Entrata laterale tongana, in posizione centrale e dentro i 22 metri: occasione comoda per Ntamack, che con un esercizio di stile, dalla piazzola, fissa il punteggio sul 3-0. I galletti, esattamente come contro Pumas e Eagles, non alzano il piede dall’acceleratore, ed al 6′ marcano la prima meta. Lancio lacunoso, in touche, di Tonga: i trequarti francesi trasmettono con qualità la palla, appena recuperata, al largo, sino a Raka, che batte un paio di uomini con facilità, prima di premiare, con un offload preciso, la linea di corsa, in sostegno, di Vakatawa, che vola in meta indisturbato. Ntamack converte, ed al 7′ la Francia conduce già 10-0.

Al 14′, con l’azione francese tambureggiante, ad un passo dai 22 metri avversari, Lousi interviene con una pulizia in ruck di spalla, generando un piazzato alla portata di Ntamack, con il mediano di Tolosa, che, però, non centra i pali.

Al 32′, Serin batte veloce un penalty appena fuori dai 22 metri, attivando un incontenibile Raka sull’out di sinistra, che sfugge al primo difensore, prima di calciare, lungo linea, per sé stesso, raccogliendo poi il pallone oltre la linea di meta e marcando il 15-0, prima che Ntamack trasformi per il 17-0. Sembra il risultato definitivo per quanto concerne la prima frazione, ma proprio negli ultimi secondi del tempo, alla prima vera sortita isolana dentro i 22 metri dei galletti, arriva la marcatura pesante di Takulua, grazie al brillante guizzo, in zona rossa, del mediano di mischia tongano. Lo stesso numero 9 trasforma e manda le squadre negli spogliatoi sul 17-7.

L’avvio di ripresa è ancora di marca isolana, con Tonga che, al 47′, rientra sotto distanza di break con la seconda meta della propria serata al Kumamoto Stadium, con Hingano che raccoglie il perfetto calcio di Vuna, marcando il 17-12, presto trasformato in 17-14, grazie alla conversione di Tauluka. Come accaduto nelle gare precedenti, la Francia, nonostante le fiammate di Raka e Ollivon, patisce in modo pesante nei primi 15′ della ripresa, ma stavolta, aiutata dall’indisciplina isolana, riesce a riportarsi, entro l’ora di gioco, oltre il break di vantaggio, con due piazzati di Ntamack, che al 59′, fissa il punteggio sul 23-14.

Al 68′, i galletti sembrano poter chiudere definitivamente la contesa, con Penaud che, attivato sull’out destro da Dupont, vola in meta, ma la segnatura viene giustamente annullata per una palla persa in avanti da Medard, ad inizio azione. Così, Tonga monta una pressione costante, spaventando i transalpini con le accelerazioni superbe di Piutau, sino a fine match, riuscendo a marcare al 79′, con Kapeli che arpiona un preciso calcio all’ala e schiaccia la meta del 23-19, prima che Fosita converta per il 23-21 finale.

Il tabellino di Francia v Tonga

Francia: 15 Maxime Medard, 14 Damian Penaud, 13 Virimi Vakatawa, 12 Sofiane Guitoune, 11 Alivereti Raka, 10 Romain Ntamack, 9 Baptiste Serin, 8 Gregorie Alldritt, 7 Charles Ollivon, 6 Wenceslas Lauret, 5 Sebastien Vahaamahina, 4 Paul Gabrillagues, 3 Rabah Slimani, 2 Camille Chat, 1 Jefferson Poirot (c)
A disposizione: 16 Guilhem Guirado, 17 Cyril Baille, 18 Emerick Setiano, 19 Bernard Le Roux, 20 Yacouba Camara, 21 Antoine Dupont, 22 Camille Lopez, 23 Pierre-Louis Barassi

mete: Vakatawa (6′), Raka (32′)
trasformazioni: Ntamack (7′, 33′)
punizioni: Ntamack (4′, 51′, 59′)

Tonga: 15 Telusa Veainu, 14 Cooper Vuna, 13 Malietoa Hingano, 12 Siale Piutau (c), 11 David Halaifonua, 10 James Faiva, 9 Sonatane Takulua, 8 Maama Vaipulu, 7 Zane Kapeli, 6 Sione Kalamafoni, 5 Halaleva Fifita, 4 Sam Lousi, 3 Ma’afu Fia, 2 Paula Ngauamo, 1 Siegfried Fisi’ihoi
A disposizione: 16 Sosefo Sakalia, 17 Vunipola Fifita, 18 Siua Halanukonuka, 19 Sitiveni Mafi, 20 Nasi Manu, 21 Leon Fukofuka, 22 Latiume Fosita, 23 Atieli Pakalani

mete: Takulua (40′), Hingano (46′), Kapeli (79′)
trasformazioni: Takulua (40′, 47′), Fosita (79′)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nigel Owens ha temuto di non andare alla Rugby World Cup 2019

Un'eventualità poi fugata: Owens è stato l'arbitro della semifinale fra All Blacks e Inghilterra

27 Luglio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

OnRugby Relive: Inghilterra v All Blacks, Rugby World Cup 2019 semifinal

Rivivi una delle partite rimaste nella storia della Coppa del Mondo

3 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Richie Mo’unga e quei pochi attimi fatali

Il numero 10 è tornato nel dettaglio su un'azione della semifinale mondiale contro l'Inghilterra: un raro spaccato di cosa significa giocare a tale li...

14 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Eddie Jones: “La nostra Rugby World Cup stava per impolodere”

Ma poi, svela l'head coach, la psicologa della squadra ha risolto la situazione

8 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: 5 mete incredibili del Mondiale giapponese

Dalla realizzazione di Kenki Fukuoka a quella di George Bridge: la possibilità di rivivere alcuni momenti iridati

20 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019