Rugby World Cup 2019: i 31 convocati degli All Blacks

Hansen sceglie 17 avanti e 14 trequarti. Esclusioni eccellenti quelle di Ngani Laumape e Owen Franks. Ci sono i tre fratelli Barrett

ph. Sebastiano Pessina

All Blacks: il dado è tratto. Steve Hansen ha scelto i 31 convocati per la prossima Rugby World Cup che si disputerà dal 21 settembre in Giappone.

Un gruppo collaudato, capitanato da Kieran Read, pronto ad andare a caccia del tris iridato consecutivo (che diventerebbe di fatto il quarto titolo nella storia della Nuova Zelanda) con due esclusioni eccellenti, quelle del centro Ngani Laumape e dell’esperto pilone Owen Franks.

La composizione del roster prevede 17 avanti e 14 trequarti: ci sono tre tallonatori, cinque piloni, ma soprattutto tre numeri nove, senza dimenticare i cinque giocatori veloci che saranno deputati all’occupare gli spazi del triangolo allargato.
Oltre a capitan Read, Sam Whitelock e Sonny Bill Williams garantiranno una massiccia dose di esperienza, visto che sono alla loro terza Rugby World Cup, mentre altri nove giocatori disputeranno la loro seconda – fra cui Brodie Retallick – e diciannove saranno alla prima partecipazione al torneo planetario. Un’ulteriore annotazione è quella della presenza contemporanea di tutti e tre i fratelli Barrett: Scott, Beauden e Jordie.

Le parole di Hansen
“Mi congratulo con i 31 scelti – ha affermato l’head coach degli All Blacks – è un momento speciale per molti e capisco l’orgoglio di essere selezionati per andare a giocare la Rugby World Cup. Di contro capisco anche la delusione di chi non sarà nel gruppo in Giappone e li ringrazio per gli sforzi fatti in questi mesi negli allenamenti, ma dico loro di tenere comunque la soglia dell’attenzione alta perchè potrebbero essere chiamati anche durante il corso del Mondiale, a causa di alcuni infortuni.
Sappiamo – prosegue – che la pressione e le aspettative saranno altissime, ma siamo gli All Blacks. C’è entusiasmo e voglia di fare bene: nello sport non c’è nulla di scontato, vogliamo dimostrare la nostra forza”.

Poi chiamato su alcune scelte tecniche dichiara: “Jordie Barrett, TJ Perenara e Crotty possono anche giocare da 10 qualora ce ne fosse bisogno. Inoltre abbiamo un giocatore come Ben Smith che può fare praticamente tutti i ruoli fra i trequarti, visto che in carriera è stato impiegato in tutte le posizioni”.

I convocati
Avanti: Dane Coles, Codie Taylor, Liam Coltman, Atu Moli, Nepo Laulala, Joe Moody, Angus Ta’avao, Ofa Tuungafasi, Brodie Retallick, Scott Barrett, Sam Whitelock, Patrick Tuipulotu, Kieran Read (c), Sam Cane, Ardie Savea, Matt Todd, Luke Jacobson

Trequarti: TJ Perenara, Aaron Smith, Brad Weber, Beauden Barrett, Richie Mo’unga, Jack Goodhue, Anton Lienert-Brown, Ryan Crotty, Sonny Bill Williams, Jordie Barrett, George Bridge, Rieko Ioane, Sevu Reece, Ben Smith

Un totale di 1195 caps: Kieran Read il più presente con 121 presenze, solo una per il meno esperto il terza linea  Luke Jacobson. Età media del gruppo che si attesta sui 27 anni.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Le 10 persone più influenti ad Ovalia per Rugby World Magazine

In vetta Siya Kolisi, capitano degli Springboks campioni iridati 2019

7 Luglio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

5 talenti che avremmo potuto vedere al mondiale Under 20

Scelti fra coloro che non abbiamo già visto nello stralcio di Sei Nazioni under 20 contro gli azzurrini

29 Giugno 2020 Rugby Mondiale / JR Rugby World Cup
item-thumbnail

Matt Giteau a Los Angeles?

Per i media australiani è fatta: un anno in più per il centurione australiano che aveva annunciato il ritiro a fine stagione

28 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Test match: Giappone, Fiji e Sei Nazioni, come potrebbe essere il prossimo novembre

E come invece dovrebbe funzionare il calendario internazionale da approvare entro agosto

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rassie Erasmus ha lottato silenziosamente per la propria salute durante la Rugby World Cup

L'ex Munster non ha voluto che i media distogliessero l'attenzione dalla squadra, mantenendo privata la faccenda

21 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup