I pensieri di Conor O’Shea dopo la Russia e le convocazioni mondiali

Il CT irlandese ha parlato dopo la partita di sabato pomeriggio e ha commentato anche le scelte fatte per la Rugby World Cup

conor o'shea italia

ph. Ettore Griffoni

“Quella che ho avuto con i giocatori la scorsa settimana è stata probabilmente la discussione più difficile della mia vita”. Conor O’Shea ha esordito così nell’intervista rilasciata ai canali ufficiali della FIR dopo l’annuncio dei 31 convocati italiani per la prossima Rugby World Cup 2019.

“Rappresentare l’Italia in un Mondiale è un sogno per tutti. Tutti lo meritavano, tutti hanno fatto un grande lavoro, ma sappiamo che comunque devono essere pronti – ha continuato O’Shea – I ragazzi che sono stati scelti hanno grande responsabilità non solo per la maglia o per i tifosi, ma anche per queste persone che abbiamo lasciato a casa”.

“Le nostre prime scelte hanno un’ottima forma fisica. Quando scenderanno in campo avremo possibilità contro ogni squadra, perché abbiamo un livello di fitness alto, grande competizione nei ruoli e x-factor in tanti giocatori. Quando giochiamo al nostro livello abbiamo sempre una possibilità, ma sotto pressione dobbiamo prendere le scelte giuste al momento giusto. È in quei momenti che cambia una partita ad altissimi livelli”.

“Al Mondiale dobbiamo vincere contro Namibia e Canada. Contro il Sudafrica nessuno ci dà una chance, ma io credo ogni giorno che con questo gruppo noi abbiamo una possibilità” – ha ribadito poi O’Shea, come già in tanti prima di lui nel corso delle settimane.

La notizia più importante al momento dell’annuncio dei convocati è stata sicuramente l’inserimento nella lista di Leonardo Ghiraldini, che lo scorso marzo durante Italia-Francia aveva subito la lesione del legamento crociato al ginocchio. “Ha seguito un programma preciso durante l’estate. Abbiamo scelto un ricambio all’interno della squadra se lui non dovesse farcela, per cui tutti sanno qual è il nostro piano”.

Il post Russia

Sulla partita vinta a San Benedetto del Tronto contro la Russia, O’Shea si è detto soddisfatto in particolare dell’intensità mostrata con e senza palla. “Ovviamente ci sono stati errori, ma siamo stati bravi a concedere poco alla Russia nel corso della gara”.

“È stato un importante banco di prova in cui abbiamo sperimentato alcune cose, proprio come faremo con Francia e Inghilterra – ha detto il CT – Volevamo mettere i russi sotto pressione, inducendoli a calciare la palla per poi contrattaccare con giocatori veloci come Hayward, Campagnaro o Minozzi. Conosciamo il nostro livello e quanto possiamo essere pericolosi palla in mano. Io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno e sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi, anche per l’assenza di infortuni”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia, Masi: “Con la Scozia ce la possiamo giocare. Minozzi è un talento unico”

Una breve analisi dell'ex Racing sull'avvio del torneo e sull'impatto di alcuni singoli azzurri

16 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni, Italia: i 31 Azzurri per la Scozia

Il raduno azzurro si arricchirà domenica di altri 9 atleti provenienti dalle franchigie italiane e dall'estero

15 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Tre Azzurri aggiunti al raduno di Roma

Giulio Bisegni, Antonio Rizzi e Federico Zani si aggregano al gruppo dei 19 atleti in raduno

14 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: un primo blocco di convocati Azzurri per la Scozia

Lo staff tecnico italiano ha indicato 19 giocatori che da venerdì prepareranno a Roma l'attesissima sfida della terza giornata del 6 Nazioni 2020

10 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, le parole di Franco Smith: “Meglio rispetto a Cardiff, ripartiamo dai punti d’incontro”

Il c.t. e il Capitano azzurro analizzano la gara di Parigi: dal gran lavoro fatto in fase di placcaggio alla mentalità che la squadra ha mostrato fino...

10 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Italia: una partita per entrare in partita

Un'analisi a mente fredda della partita dello Stade de France, dove gli azzurri hanno fatto vedere di avere delle fiches da spendere sul tavolo del 6 ...

10 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale