Ian Foster non ha dubbi: “Kieran Read migliorerà prima della Rugby World Cup”

Il capitano degli All Blacks non riesce a esprimersi al suo meglio, ma sta ancora recuperando dall’operazione alla schiena del 2017

ph. Reuters

Kieran Read non sta vivendo il miglior momento della sua carriera. Nell’ultimo anno, anche a causa di alcuni problemi fisici, il capitano degli All Blacks non si è quasi mai espresso sui livelli che gli hanno consentito di diventare uno dei numeri 8 più forti del mondo, né con la maglia dei Crusaders né in nazionale. Il 33enne è stato poco incisivo nel gioco delle sue squadre, anche se poi né Scott Robertson né Steve Hansen riescono effettivamente a rinunciare alla sua presenza in campo.

In Nuova Zelanda, tuttavia, le prestazioni di Read sono motivo di preoccupazione, e considerando anche le ultime uscite degli All Blacks media e addetti ai lavori si chiedono spesso se cambiare la composizione della terza linea potrebbe cambiare qualcosa, magari inserendo Ardie Savea in pianta stabile al posto dell’attuale capitano.

Secondo Ian Foster, il principale assistente di Hansen, invece è solo una questione di tempo prima che Read torni al massimo della sua forma. Alla trasmissione radiofonica di Newstalk, Foster ha precisato come Read non abbia ancora recuperato del tutto da un intervento chirurgico subito nel 2017 alla schiena, con l’obiettivo di alleviare il suo dolore cronico alla gamba. Già allora, secondo un chirurgo sentito dal New Zealand Herald, il recupero comunque non sarebbe stato immediato per il giocatore.

“Negli ultimi tre mesi abbiamo visto una notevole crescita nella qualità del suo gioco – ha detto Foster qualche giorno fa – Non ho dubbi che migliorerà ancora prima della Rugby World Cup. Ci è stato detto che, da quando ha avuto l’operazione, sarebbero dovuti passare 18 mesi prima di tornare al suo livello, per avere di nuovo piena potenza e accelerazione”.

“Siamo piuttosto contenti di lui – ha detto Foster – È stato comunque piuttosto solido durante la stagione del Super Rugby. Come gli altri Crusaders, inoltre, ha avuto solo quattro giorni di preparazione prima di giocare contro il Sudafrica, che non è l’ideale. Sta bene e sta lavorando al meglio”.

Nonostante i dubbi sulla sua condizione attuale, lo staff tecnico degli All Blacks non dovrebbe stravolgere la terza linea per la sfida contro i Wallabies, perlomeno non per quanto riguarda la posizione di Kieran Read. Il capitano dovrebbe mantenere la maglia numero 8, come ha fatto già in altre 118 occasioni.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

PSDT: come convincere Rassie Erasmus in due allenamenti

Pieter-Steph Du Toit era un oggetto misterioso, oggi uno dei migliori flanker al mondo

14 agosto 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks: Scott Barrett squalificato per tre settimane

I giudici hanno ridotto del 50% la squalifica prevista dal regolamento

13 agosto 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Laboratorio Rugby Championship – Atto finale

Le indicazioni che ha dato l'ultima giornata del torneo in ottica Rugby World Cup

12 agosto 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Australia: Taniela Tupou ha rinnovato per quattro anni

'Tongan Thor', classe 1996, resterà in patria almeno fino al 2023

12 agosto 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: gli highlights del trionfo Springboks

Il Sudafrica ha avuto vita facile dei Pumas, abbattuti dalla fisicità del pack ospite e da Handré Pollard

11 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Michael Cheika e Steve Hansen, le reazioni dopo Australia-All Blacks

Il CT dei Wallabies tiene i piedi per terra e pensa alla conquista della Bledisloe Cup. Hansen: "Ci hanno dato una lezione"

11 agosto 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship