Graham Henry fa le carte alla Rugby World Cup: “Il Galles è una delle squadre da battere”

L’ex allenatore degli All Blacks si proietta sull’evento clou del 2019 ovale

Graham Henry

ph. Sebastiano Pessina

Quando è il “Preside” ad essere interrogato, le risposte vanno sempre lette con attenzione. Intervistato dalla BBC, Graham Henry si è divertito a ipotizzare i possibili sviluppi della prossima Rugby World Cup fotografando la situazione di tutte le squadre che puntano logicamente al trofeo individuando il Galles come la squadra da battere: “Penso che Warren Gatland e i suoi abbiano buone chance – ha affermato – in generale vedo una differenza meno netta fra la Nuova Zelanda e le altre squadre, quando gli All Blacks avevano un vantaggio ben visibile.

Nostalgia
Graham Henry ha allenato i Dragoni fra il 1998 e il 2002 –  con un record di 20 vittorie, 13 perse e 1 pari – portando la squadra di rosso vestita ai quarti di finale della Coppa del Mondo nel 1999: “Con il Grande Slam di quest’anno, il Galles ha dimostrato di essere la miglior squadra dell’Emisfero Nord e spero possa mantenere questo stato di forma anche in Giappone. Warren ha fatto un ottimo lavoro e ci siamo scambiati più volte dei messaggi, ho voluto complimentarmi con lui per la striscia di vittorie consecutive”.

Le altre squadre
“In vista della World Cup vedo Irlanda e Inghilterra in crescita – fa sapere – mentre spero che il gioco degli All Blacks migliori: non stanno vivendo un avvicinamento positivo all’evento, come invece fu nel pre 2015”.

Gatland e le analogie dei Lions
Coach Henry si rivede in Gatland e per concludere il suo pensiero ne parla in questi dolci termini: “Se si fosse reso disponibile, sarebbe stato sicuramente in prima fila per allenare gli All Blacks. E’ stato già allenatore dei British & Irish Lions (al terzo mandato consecutivo, ndr) e sa come si fa a essere calati in quel mestiere. Per un periodo anche io svolsi la doppia mansione di allenatore del Galles e della selezione, anche se all’epoca forse commettemmo degli errori, ma è tutta esperienza ed è chiaro che questo ha portato le persone oggi a compiere meno sbagli.
E’ stato bravissimo quando è venuto qui in Nuova Zelanda con una squadra assai competitiva”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Maxime Mbandà ha ricevuto l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Cavalierato ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, senza lasciare il raduno azzurro

20 Ottobre 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inghilterra: i convocati di Eddie Jones per la sfida ai Barbarians

Eddie Jones ha selezionato 32 elementi per il duello con i Baa-Baas

20 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Top10: la Lazio ha ingaggiato un nuovo numero 10 argentino, con un passaggio anche nei Pumas

Il club capitolino ha messo a posto lo spot di apertura

20 Ottobre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Rugby Europe: sospese le partite sino a fine novembre 2020. Che ne sarà del torneo di qualificazione mondiale?

Nuove intoppo per quanto concerne il percorso di accesso alla competizione iridata femminile

20 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei nazioni 2020: Irlanda-Italia si giocherà nonostante il lockdown

Il recupero del Sei Nazioni si disputerà questo sabato. Continua l'attività del Pro14 per le squadre irlandesi e gallesi

20 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

World Rugby Awards: qual è la migliore meta del decennio?

Ashton, Habana, Retallick, Julian Savea e tanti altri campioni: chi ha segnato la meta più bella degli ultimi 10 anni di rugby mondiale?

20 Ottobre 2020 Foto e video