Graham Henry fa le carte alla Rugby World Cup: “Il Galles è una delle squadre da battere”

L’ex allenatore degli All Blacks si proietta sull’evento clou del 2019 ovale

Graham Henry

ph. Sebastiano Pessina

Quando è il “Preside” ad essere interrogato, le risposte vanno sempre lette con attenzione. Intervistato dalla BBC, Graham Henry si è divertito a ipotizzare i possibili sviluppi della prossima Rugby World Cup fotografando la situazione di tutte le squadre che puntano logicamente al trofeo individuando il Galles come la squadra da battere: “Penso che Warren Gatland e i suoi abbiano buone chance – ha affermato – in generale vedo una differenza meno netta fra la Nuova Zelanda e le altre squadre, quando gli All Blacks avevano un vantaggio ben visibile.

Nostalgia
Graham Henry ha allenato i Dragoni fra il 1998 e il 2002 –  con un record di 20 vittorie, 13 perse e 1 pari – portando la squadra di rosso vestita ai quarti di finale della Coppa del Mondo nel 1999: “Con il Grande Slam di quest’anno, il Galles ha dimostrato di essere la miglior squadra dell’Emisfero Nord e spero possa mantenere questo stato di forma anche in Giappone. Warren ha fatto un ottimo lavoro e ci siamo scambiati più volte dei messaggi, ho voluto complimentarmi con lui per la striscia di vittorie consecutive”.

Le altre squadre
“In vista della World Cup vedo Irlanda e Inghilterra in crescita – fa sapere – mentre spero che il gioco degli All Blacks migliori: non stanno vivendo un avvicinamento positivo all’evento, come invece fu nel pre 2015”.

Gatland e le analogie dei Lions
Coach Henry si rivede in Gatland e per concludere il suo pensiero ne parla in questi dolci termini: “Se si fosse reso disponibile, sarebbe stato sicuramente in prima fila per allenare gli All Blacks. E’ stato già allenatore dei British & Irish Lions (al terzo mandato consecutivo, ndr) e sa come si fa a essere calati in quel mestiere. Per un periodo anche io svolsi la doppia mansione di allenatore del Galles e della selezione, anche se all’epoca forse commettemmo degli errori, ma è tutta esperienza ed è chiaro che questo ha portato le persone oggi a compiere meno sbagli.
E’ stato bravissimo quando è venuto qui in Nuova Zelanda con una squadra assai competitiva”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Beach rugby a Lignano Sabbiadoro: Marsiglia e le “Ricce” Villorba si aggiudicano l’edizione 2019

I francesi bissano il successo dell scorso anno, Sara barbini e compagne si prendo una bella rivincita

16 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Pro14: è iniziata ufficialmente la stagione di Benetton Rugby e Zebre Rugby

Tutti i dettagli sulle rose delle due franchigie

15 luglio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Viadana: Giorgio Bronzini è un nuovo giocatore del club lombardo

Il mediano di mischia è il quinto innesto del team mantovano

15 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Giappone: Kenki Fukuoka dice basta

Si ritirerà dopo le Olimpiadi, a soli 27 anni, uno dei giocatori di maggiore talento della nazionale giapponese

15 luglio 2019 Emisfero Sud
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: vedremo le migliori Fiji di sempre?

John McKee è alla guida di un gruppo che oltre al talento puro sta anche affrontando una delle preparazioni migliori della sua storia

15 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Scozia: Josh Strauss torna in Sudafrica

Il numero 8 lascia i Sale Sharks per approdare ai Blue Bulls, nel Super Rugby

15 luglio 2019 Emisfero Nord / Premiership