Will Skelton non giocherà la Rugby World Cup 2019

La federazione australiana non modificherà la legge in vigore sulle convocazioni dei giocatori all’estero

Action Images/Jason Cairnduff

Nella stagione di grande successo dei Saracens, caratterizzata dalla doppietta Champions Cup-Premiership, l’australiano Will Skelton ha rivestito un ruolo da assoluto protagonista, formando assieme a George Kruis una delle seconde linee più forti dell’intero panorama europeo.

Leggi anche: Rugby World Cup 2019: calendario, orari e come acquistare i biglietti

Un’annata da urlo che, tuttavia, non consentirà al 27enne ex Waratahs di prendere parte alla prossima Rugby World Cup 2019 in Giappone. Il seconda linea, infatti, non rispetta nessuno dei parametri necessari per indossare la maglia Wallabies giocando all’estero. Skelton vanta 18 presenze con la selezione nazionale (ne servirebbero almeno 60) e, nonostante le voci insistenti su un suo approdo ai Rebels, non ha un contratto già firmato con franchigie australiane per le prossime due stagioni agonistiche. Un’esclusione, dunque, che sembra non avere margini di ripensamento, a differenza di quanto accaduto quattro anni or sono con la ormai celebre ‘legge Giteau’, come confermato anche dalla dirigenza della federazione australiana.

“La ‘legge Giteau’ è un qualcosa a cui è stato dedicato un enorme ammontare di tempo e sforzi, nonostante quel che si possa credere. Vi fu un’enorme quantità di pensieri sulle implicazioni, sul perché il numero giusto di presenze in nazionale dovesse essere 60, su come la regola dovesse essere attuata in modo sensato e pragmatico e dal nostro punto di vista. Non vi sarebbe alcuna intenzione di allontanarci da quella regola, in relazione al caso di Will Skelton. Il suo management è stata in contatto con i nostri ragazzi sul suo desiderio di voler tornare a giocare per l’Australia, ma come tutti i giocatori internazionali ci sono alcune regole in giro e dobbiamo assicurarci di applicarle coerentemente”, ha dichiarato Raelene Castle, CEO di Rugby Australia, al sito della federazione oceanica, sentenziando, di fatto, a meno di colpi di scena, l’esclusione del forte seconda linea dei Saracens.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: mancano 100 giorni all’inizio del Mondiale

Il primo torneo iridato nel continente asiatico è sempre più in rampa di lancio

12 giugno 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

All Blacks, verso la Rugby World Cup: Ben Smith è pronto a rientrare in campo

L'estremo neozelandese mostrerà la sua condizione nel Super Rugby

11 giugno 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

World Cup 2019, il capitano del Giappone Michael Leitch: “Questa volta non ci sarà l’effetto sorpresa”

I padroni di casa puntano al passaggio del turno contando sulla spinta che arriverà dal pubblico

7 giugno 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: i 42 pre-convocati del Giappone

I nipponici prepareranno il Mondiale di casa con la Pacific Nations Cup e un Test Match contro il Sudafrica

3 giugno 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Francia: quanto potere ha ancora Jacques Brunel?

L'head coach sa già che passerà la mano dopo la coppa del mondo, e intanto il suo staff viene riempito di nuove figure

30 maggio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: i primi convocati dell’Irlanda

Joe Schmidt ha selezionato 44 elementi per la fase di preparazione alla Coppa del Mondo

28 maggio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019