Italia, Conor O’Shea: “L’obiettivo è arrivare in forma al Mondiale”

L’head Coach irlandese ha parlato dal ritiro degli azzurri

ph. Sebastiano Pessina

Conor O’Shea, head coach della nazionale italiana, ha rilasciato una video intervista nel corso dei primi giorni di raduno di preparazione mondiale, analizzando il momento degli azzurri ed indicando gli obiettivi della selezione maggiore in vista della prossima Rugby World Cup 2019.

Leggi anche: Rugby World Cup 2019, Italia: i convocati per il primo raduno premondiale

“Bisogna sempre avere una missione, un traguardo da raggiungere. Il nostro obiettivo, per quest’estate, è quello di arrivare alla Coppa del Mondo preparati, in forma. Sappiamo che nell’ultimo anno, al Sei Nazioni, contro Galles, Francia ed Irlanda siamo stati competitivi, ma non abbiamo vinto”, ha esordito l’ex Harlequins, focalizzandosi, poi sull’aspetto della preparazione atletica in vista della rassegna nipponica.

“A giugno, il capo sarà Pete (Atkinson, il responsabile della preparazione atletica, ndr). In questi mesi abbiamo l’opportunità di costruire una buona base fisica. Abbiamo tre gruppi di ragazzi con esigenze e situazioni diverse. Coloro i quali sono già fit in questo momento, chi sta recuperando da infortuni ed i ragazzi che hanno giocato all’estero. Ci sarà un programma personalizzato, affinché tutti possano arrivare al mondiale nel miglior modo possibile”, ha dettagliato Conor O’Shea.

Leggi anche: Sei Nazioni, permit players e sviluppo del rugby italiano: intervista a Conor O’Shea

“Per essere la miglior squadra italiana di sempre dobbiamo superare il girone. Quest’estate abbiamo la possibilità di arrivare in Giappone nel modo migliore possibile, lavorando sulle piccole cose, che sono quelle che fanno la differenza. Non è facile, ma vogliamo vincere sempre. Abbiamo ottenuto successi contro Fiji, Giappone e Georgia, ma non abbiamo portato a casa partite in cui avevamo l’opportunità di farlo, anche ad altissimo livello. Adesso abbiamo una nuova profondità ed abilità quando giochiamo al nostro livello. Lo si è visto con l’Italia, lo si è visto con il Benetton Rugby, con le prestazioni che hanno fornito nella parte finale della stagione. Il rugby, in Italia, negli ultimi tre anni è cambiato, ma il nostro momento è adesso, non vogliamo aspettare troppo a lungo (per ottenere risultati, ndr)”, ha chiarito l’allenatore azzurro, recentemente inserito nella Hall of Fame irlandese.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia, verso la Rugby World Cup 2019: gli azzurri torneranno ad allenarsi a Verona

La squadra di Conor O'Shea sosterrà anche un allenamento aperto al pubblico

20 agosto 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ciclo mondiale: l’Italia di Conor O’Shea dal 2016 a oggi

Numeri, curiosità, statistiche e qualche considerazione alla luce dei convocati per la Rugby World Cup 2019

19 agosto 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

I pensieri di Conor O’Shea dopo la Russia e le convocazioni mondiali

Il CT irlandese ha parlato dopo la partita di sabato pomeriggio e ha commentato anche le scelte fatte per la Rugby World Cup

18 agosto 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Un pomeriggio tutto azzurro

Il racconto fotografico della vittoria italiana contro la Russia, attraverso gli scatti di Ettore Griffoni

18 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: i 31 convocati dell’Italia

Lo staff tecnico porta 18 avanti e 13 trequarti. Nella lista c'è anche Leonardo Ghiraldini dopo il grave infortunio dello scorso marzo

18 agosto 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match: gli highlights del perentorio successo dell’Italia sulla Russia

Riviviamo le 13 mete marcate dagli azzurri a San Benedetto del Tronto

18 agosto 2019 Foto e video